scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

22 Settembre 2003

Shalom

La prossima settimana (lunedì 29 settembre) partecipo alla presentazione del libro di Eloisa Mondoblog alla libreria Mel di Roma: penso sia per questo che in questi giorni mi capita spesso di pensare al senso e alla funzione del blog. Non in generale, ma per me.
Stasera, dopo aver incrociato per un lunghissimo istante gli occhi color del mare di Amos Oz, mi sono data una delle tante risposte. Sono uscita dalla libreria Feltrinelli e mi sono detta: “Arrivo a casa e me lo bloggo”. Mentre camminavo accanto al Pantheon ho semplicemente pensato che bloggo *anche* per condividere le emozioni che danno le parole e gli incontri con gli scrittori e i lori libri.
Emozioni condivise da molti se stasera eravamo centinaia, stretti stretti, ad ascoltare un signore anziano venuto da Gerusalemme, con la faccia scavata, un sorriso dolce, uno straordinario senso dell’umorismo.

Fino all’ultimo momento ho temuto di non farcela: alle 17.35 mi chiamano per una pseudoriunione, annuncio che ho un impegno e solo cinque minuti a disposizione, ma si fanno le 18, arraffo lo zaino, corro per i corridoi e per le scale, metro al volo, sbuco a piazza di Spagna e marcio veloce fino a piazza Argentina, dove nella libreria mi trovo davanti un muro umano di tutti i generi e tutte le età.
Mi innervosisco… che faccio, me ne vado? e possibile che anche in un posto così ti ritrovi le solite signore pronte ad assestarti una gomitata pur di raggiungere la prima fila? Per fortuna c’erano i libri (reparto storia) e per fortuna – pur continuando a non veder niente – si sono levate le voci.
Quella di David Meghnagi che ha raccontato l’ultimo libro di Oz Una storia di amore e di tenebra, e poi la sua, con il lessico inglese perfetto, il vocabolario ricco, la dizione scandita degli israeliani colti.

Hanno letto lo stesso brano tutti e due, prima Oz in ebraico, poi Meghnagi in italiano. È stata una bella idea, anche se in sala forse soltanto due o tre capivano l’ebraico: ascoltare gli scrittori leggere i propri libri dà sempre delle chiavi, anche quando non capiamo il significato, e io mi sono cullata nel ritmo di Oz, nelle gutturali e nelle aspirate della lingua ebraica. Non capivo niente, ma l’ambiente e il battibecco familiare, i discorsi in cucina, le conversazioni telefoniche mi arrivavano comunque. Una famiglia, questa volta, non contemporanea, ma della prima generazione di emigranti in Israele, dagli anni quaranta in giù, fino alla fine del settecento, in un volume insolito per il suo alto spessore.

Famiglie in conflitto, la Palestina come appartamento con due famiglie litigiose, la letteratura per capire un conflitto e una famiglia: l’intreccio per Oz è inestricabile ed è alla letteratura che fa ricorso per dare la sua lettura del conflitto arabo-israeliano e di un possibile sbocco di questa open-ended situation.
Un finale aperto, come nei drammi: ma un dramma che può finire come in Shakespeare, con un palcoscenico pieno di cadaveri, di morti “con il punto esclamativo”; oppure secondo le prescrizioni del dottor Cechov, con mille compromessi, stanchi, spossati, ma vivi, con l’opportunità di ripensare, di cambiare, di vivere finalmente in maniera diversa.

I personaggi di Una storia di amore e di tenebra, con il loro umorismo yiddish, sono cechoviani – come il loro autore -, divisi tra l’amore inconfessabile per l’Europa perduta e quello quasi autoimposto per la nuova patria. Europei veri e cosmopoliti nell’Europa dei nazionalismi, che parlavano e scrivevano in almeno sei o sette lingue diverse. Una di loro, la nonna di Oz, amava ripetere: “Quando non ti restano lacrime per piangere, allora è arrivato il momento di cominciare a ridere”.
Una battuta che porto con me nella calda notte romana, assieme alla mia copia autografata de La scatola nera.
Sul frontespizio: Shalom. Amos Oz.
Shalom.

Categorie:
Tag:

4 risposte a “Shalom”

  1. La funzione del blog? Be’ se si tratta di trasmettere emozioni, sono d’accordo, credo che sia una delle (poche) funzioni a cui un blog può assolvere bene.
    E dopo qualche mese di frequentazione regolare di alcuni blog particolarmente basati su fattori emotivi, non credo di dire eresia avallando le ipotesi circa possibili “funzioni terapeutiche”.
    In questi giorni, come sicuramente saprai, gira quella mail con le vocali fuori posto, allo scopo di dimostrare che si reisce a capire lo stesso il senso della frase.
    Be’, m’è ripassata sotto gli occhi pochi minuti prima di leggere questo tuo post.
    Risultato?
    Invece di leggere “David Meghnagi ” ho letto Davide Mengacci!
    Più emozione di così… 🙂
    Un amico

  2. Consiglio ‘In terra d’israele’ di Oz, è di qualche anno fa. Sono interviste, legate insieme dalla sua grande sensibilità. Aiuta davvero a capire di più di israele. Patrizia

  3. cara Luisa, il tuo e’ uno dei pochissimi Blog che merita di essere letto, visitato e rivisitato.

    Il tuo e’ uno rarissimi blog scritto non solo per se’ ma anche per altri, e questa non e’ cosa da poco.

    La maggior parte dei bloggers in giro mi sembra affetta da narcisismo esibizionista galoppante.

    Io li guardo una volta e non ci torno piu’.

    Auguri 🙂

  4. peccato che a leggere i giornali siano solo il 4 per cento, i libri il 12 per cento. Nel primo mondo!
    Il resto dell’umanita’ non e’ mai stata invitata a partecipare a queste delizie.
    I lettori sono una minoranza, minuta, sottile. E’ tra questa minoranza solo piccoli gruppi sanno apprezzare e godere delle anime luminose. Anche in questo caso esiste un sistema piramidale.
    La lotta e’ per espandere gli interessi dall’alto verso il basso della piramide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *