scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

Categoria: versi diversi
6 settembre 2015

Sono meravigliose le quattro lezioni sulla poesia che il poeta Franco Loi ha scritto per la Domenica del Sole 24 Ore. Le prime tre sono online: La poesia secondo me I suoni: guida per l’inconscio Usare le parole dell’inconscio La quarta, Versi per fare vasto il mondo, è sul supplemento di oggi. Una scuola di poesia divulgativa ma profonda, perché scritta da chi i versi li fa e lo sa raccontare. Uno splendido viatico per chi comincia l’anno scolastico tra […]

continua a leggere
1 settembre 2013

Non credo esista un mezzo di trasporto più veloce dell’immaginazione; così come non penso esista un propellente più efficace di questa per spingere la nostra libertà al di fuori di noi stessi. Un uomo seduto che legge non sta fermo e concentrato nella lettura, tanto più è alle prese con un viaggio nelle profondità cosmiche di se stesso, più veloce delle navi spaziali immaginate da Stephen Hawking. Come se la velocità si fosse cristallizzata in assenza di movimento. È un […]

continua a leggere
22 luglio 2013

“Perché la poesia faccia sentire la propria presenza, perché rimanga una costante nella consapevolezza, non è necessario conoscere un gran numero di testi. Pochi versi possono bastare per una vita intera, sempre presenti tra le quinte, come suggeritori in attesa. Ogni volta che li si richiama, qualcosa riprende vita e nitidezza, o si rafforza, o brilla, o forse duole. Oppure fa tutto questo insieme.” Seamus Heaney, Premio Nobel per la letteratura 1995 Pochi versi possono bastare, e quelli cui torniamo […]

continua a leggere
8 febbraio 2013

L’abilità del sarto La parola è orlo del silenzio, ma bisogna saper prendere la giusta misura e piegare il bordo dove è necessario. Pochi sanno tendere il filo e maneggiare l’ago. Il ritmo è la perfezione di questa piega e l’abile sarto si riconosce da quel che resta dietro e noi non vediamo. Questa è una poesia della mia amica Elena Petrassi, poetessa e comunicatrice aziendale, autrice di un bellissimo blog in cui raccoglie versi, voci e citazioni che riguardano […]

continua a leggere
12 ottobre 2011

L’edera si espande: non sa contenere la bellezza delle foglie. Così anche la poesia, quasi avesse rubato al cielo le lettere per scrivere. Questa poesia è di Rabindranath Tagore, un grande poeta indiano del novecento oggi un po’ passato di moda. È nel numero gratuito con cui la rivista Poesia inaugura il suo ingresso nel mondo iPad. 99 pagine con alcuni speciali davvero speciali: Saffo, un’antologia dedicata alla luna a cura di Vivian Lamarque, un ritratto di Costantino Kavafis, la […]

continua a leggere
3 luglio 2011

È curioso notare come i sentimenti, pur accompagnandoci sempre, siano così difficili da cogliere da sembrare qualcosa di effimero. In genere vi prestiamo attenzione quando si fanno avanti con impellenza, nei momenti, critici, quando è più forte l’esperienza della perdita: durante una separazione, per esempio, o in seguito alla morte di una persona cara. È allora che ci rivolgiamo alla poesia perché ci dica quali sono i nostri sentimenti, per mettere in parole ciò che supera la nostra capacità di […]

continua a leggere
31 maggio 2010

Di questi tempi, con l’italiano che va a ramengo, occuparsi di poesia non fa che bene. Il poeta in genere la sa lunga sulla lingua, la sa lavorare a utilizzare a dovere. Prende delle parole e le ricongiunge per creare similitudini nuove, per inventare nuove combinazioni. Inventa metafore, con grande libertà. Cosa che non succede nella lingua comune, dove prevalgono di solito metafore scontate, «metafore morte». Lo scrittore invece risveglia le assopite, o ne propone di nuove. La poesia ti […]

continua a leggere
28 aprile 2010

Sarà perché oggi ho aperto ufficialmente la stagione “ufficio all’aperto” e lavoro da stamattina presto in mezzo agli uccelli che cantano e strillano, prima in un sole quasi estivo e ora sotto le nubi pesanti del temporale che tra poco arriva, ma la poesia del giorno della rivista Poesia mi è sembrata scelta apposta per me. E per celebrare quelle sensazioni che il cambio di stagione ti fa percepire così intense solo il primo giorno, perché poi ti abitui e […]

continua a leggere
26 marzo 2010

Mi capita qualche volta di ricevere inaspettatamente un libro. Alla fine di un intervento, di una lezione. Oppure per posta, da qualcuno che non conosco ma che mi conosce attraverso il sito e il blog. Mi fa sempre piacere, ma questa volta è stato diverso. Mentre tornavo in treno da Milano a Roma dopo una due giorni formativa, nel libro ricevuto nell’intervallo pranzo ho scoperto una poetessa vera. Eccola: Al tavolo della cucina Perché scrivo? Perché scrivo, lo so. Ho […]

continua a leggere
18 gennaio 2010

Il processo creativo per un nuovo nome richiede anche talento poetico. Come la poesia ha molti vincoli, e come nella poesia il risultato che si cerca è una relazione armonica tra sonorità, capacità evocativa e significato delle parole. Possiamo usare i metodi più collaudati e rigorosi, ma alla fine c’è sempre una scintilla che deve scattare, e più le persone coinvolte hanno sensibilità verso le parole e i suoni, più ampi sono la loro cultura e il loro “magazzino” interiore […]

continua a leggere
7 settembre 2009

Rinvii Rinviamo continuamente l’istante in cui non ci incontreremo in nessun luogo. Nel frattempo ridiamo molte volte di tante cose della nostra vita, e a volte piangiamo soli, di nascosto, per ciò che non ritornerà mai più. Titos Patrikios, traduzione di Nicola Crocetti Il più bel sito italiano di poesia regala una poesia al giorno (primo link in alto a destra).

continua a leggere
6 aprile 2008

Il manuale di scrittura poetica per bambini di Donatella Bisutti che segnalavo qualche post fa (Le parole magiche, Feltrinelli) l’ho poi sfogliato e comprato all’istante. E’ un album di parole e disegni, fatto di 140 pagine, tutte così: E così l’autrice introduce il libro nella terza di copertina: Perché la parola “uovo” ci racconta come viene alla luce un uovo? Perché la “o” è rossa? Perché la “i” fa jogging e la “u” ci fa paura? Perché la “r” ci […]

continua a leggere
2 marzo 2008

La poesia vende poco, si sa, ma in rete va forte e scatena dibattiti accesi. Scopro sul blog del Guardian dedicato alla poesia che nel mondo anglosassone sono di gran moda i manuali di auto-aiuto in cui si dispensano poesie al posto di gocce e pillole. Manuali a tema, in cui ogni poesia è accompagnata dalla sua ricettina. Poesie di grandi come Shakespeare, oppure poesie confezionate per l’occasione dallo scaltro medico-poeta. La più scaltra di tutte pare sia Daisy Goodwin, […]

continua a leggere
22 gennaio 2008

Opzioni per un poeta Con parole diverse dire la stessa cosa, sempre la stessa. Sempre con le stesse parole dire una cosa del tutto diversa o la stessa in modo diverso. Molte cose non dirle, o dire molto con parole che non dicono niente. Oppure tacere in modo eloquente. Hans Magnus Enzensberger Traduzione di Donata Berra E’ la poesia del giorno di Poesia, la famosa rivista dell’editore Crocetti che compie vent’anni e li festeggia con un numero tutto dedicato, per […]

continua a leggere
21 dicembre 2007

Chi come me pratica yoga ogni giorno o quasi, si abitua a percepire il corpo in una maniera un po’ diversa. Terreno di sperimentazione per le emozioni, teatro della mente, piccolo specchio dell’universo a portata di mano. Così, i piedi non sono più le “estremità”, qualcosa di cui ci accorgiamo solo quando dolgono e da nascondere dentro un paio di scarpe. Diventano invece qualcosa di centrale e indispensabile come il piedistallo di una statua, le radici che ci connettono con […]

continua a leggere
27 novembre 2007

Sono affezionatissima al piccolo libro L’arte della scrittura di Lu Ji (Guanda, 2002), poema in prosa sulla scrittura redatto in Cina da un uomo di guerra nel III secolo d.C., ma di grandissima attualità e ispirazione anche per scrittori e blogger del XXI secolo. C’è tutto, da come iniziare alla revisione, dal lessico alla coerenza del testo, dai generi all’originalità, fino alla paura della pagina bianca. Tutto, in versi tersi e bellissimi. Come questi: Quando scriviamo, il viaggio è a […]

continua a leggere
21 settembre 2007

Il sito di Poesia, la più bella rivista italiana di poesia, ne pubblica una al giorno. Il link è da sempre nell’indice di destra di questo blog, ma non sempre mi ricordo di cliccarci sopra. Faccio male, perché a volte si è fortunatissimi. Come vincere alla lotteria, come oggi: Vivere è stare svegli e concedersi agli altri, dare di sé sempre il meglio e non essere scaltri. Vivere è amare la vita coi suoi funerali e i suoi balli, trovare favole […]

continua a leggere
22 dicembre 2006

Quisiera que mi libro fuese, como es el cielo por la noche, todo verdad presente, sin historia. Que, como él, se diera en cada instante, todo, con todas sus estrellas; sin que niñez, juventud, vejez quitaran ni pusieran encanto a su hermosura inmensa. ¡Temblor, relumbre, música presentes y totales! ¡Temblor, relumbre, música en la frente —cielo del corazón— del libro puro. Vorrei che il mio libro fosse come il cielo di notte, solo presente verità, senza storia. E che, come […]

continua a leggere
25 ottobre 2006

“Le parole a volte guardano in su sfidandomi beffarde perché scrivo, mettendomi dei dubbi che dentro non avevo.” ————————————– “Ascoltare ogni giorno per ore il ticchettìo della bomba nel cuore e veder dallo specchio di fronte cadere la muta slavina del corpo che muore. Sapere l’attrito che accende il carbone e fa di diamante la nostra passione d’amore.” Bruno Lauzi, da I mari interni (Crocetti Editore, 1994)

continua a leggere
7 aprile 2006

Dall’ultimo numero del giornale di Gruppo Cultura, il sito animato da Maria Luisa Spaziani e Stanislao Nievo, vengo a sapere che alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università La Sapienza di Roma, è stato organizzato un ciclo di cinque incontri – da fine marzo ai primi di luglio – dedicati alla parola poetica. Il primo è stato affollatissimo. Ne sono molto felice, perché penso che per i futuri comunicatori la poesia sia una grandissima scuola di scrittura. Anche per scrivere […]

continua a leggere