scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Tag: naming
14 giugno 2011

Se con la rete siamo diventati – come si dice – tutti editor ed editori, è enormemente cresciuta anche la necessità di battezzare i nostri prodotti con nomi che li raccontino e li distinguano: siti, blog, newsletter, eventi, ebook, applicazioni. Eppure sul naming sappiamo molto poco e poche sono le risorse italiane dedicate a questo tema. Oggi ce n’è una in più: ALCE, naming blog di Alberto Cellotto. Sottotitolo: Naming di prodotto, brand, notizie, persone e di tutto quello che fugge l’anonimato. Vi […]

continua a leggere
4 aprile 2011

Alberto Cellotto, poeta ed esperto di naming, mi segnala stamattina il sito-blog di Linda Liguori. Condivido volentieri, perché le risorse cartacee e online dedicate al naming, anche a livello internazionale, sono pochissime e ce le dobbiamo tenere care. Questa è veramente ottima, con post non frequentissimi ma densi e interessanti, soprattutto su aziende e prodotti di casa nostra. Anche Alberto ha aperto un blog, Libro breve, “Notizie di libri piccoli nel formato e nella grammatura, per lettori dalla palpebra pesante”.

continua a leggere
2 febbraio 2011

Vi ricordate quando, più o meno un anno fa, eravamo tutti in attesa del nome che Apple avrebbe dato al suo tablet? I blog di brand e tecnologia erano pieni di anticipazioni e scommesse. Poi è arrivato l’iPad, semplice semplice, solo quattro lettere, fratello di iPod e iPhone. Compito più difficile devono aver avuto i produttori dei tablet a seguire: quello di Toshiba si chiama Tegra, quello di Dell Streak, quello di Blackberry Playbook, quello di Panasonic Viera, quello di […]

continua a leggere
28 gennaio 2011

L’Economist fa appello ai lettori per trovare un nome a un nuovo blog sul sito del settimanale. Ecco il breve e limpido brief: Help us name our new defence blog Readers are invited to suggest a name for our new blog on defence, security and diplomacy, which will be launched in the next few weeks. It will cover weapons and warfare, spooks and cyber-attacks. Ideally, its name should accord with our style and 19th-century origins—and, preferably, not begin with a […]

continua a leggere
2 gennaio 2011

Se come me siete appassionati di naming, cioè della disciplina per trovare il nome giusto ad aziende e prodotti, vi consiglio il blog di Lexicon, l’azienda che ha battezzato il panno Swiffer, il Febreze, il PowerBook, il Blackberry, il Pentium e tanti altri prodotti che usiamo tutti i giorni. Aperto solo a ottobre, non contiene tantissimi post, ma tutti di alta qualità. Ci sono arrivata attraverso l’articolo di dicembre della rubrica che Dan e Chip Heath, autori di Made to […]

continua a leggere
24 settembre 2010

La multinazionale della consulenza con il nome più lungo di tutte ha forse ora quello più corto. Se le storie di rebranding vi appassionano, qui c’è di che nutrire la vostra passione, dal lettering ai colori, dalle pubblicazioni alla segnaletica degli uffici, tutto da guardare.

continua a leggere
18 gennaio 2010

Il processo creativo per un nuovo nome richiede anche talento poetico. Come la poesia ha molti vincoli, e come nella poesia il risultato che si cerca è una relazione armonica tra sonorità, capacità evocativa e significato delle parole. Possiamo usare i metodi più collaudati e rigorosi, ma alla fine c’è sempre una scintilla che deve scattare, e più le persone coinvolte hanno sensibilità verso le parole e i suoni, più ampi sono la loro cultura e il loro “magazzino” interiore […]

continua a leggere
14 settembre 2009

Bing, il nome del neonato motore di ricerca di Microsoft, è stato ideato dai più famosi nominatori del mondo, Interbrand. Sul sito e sul blog ci raccontano come è andato il parto, durato ben sei mesi. Microsoft chiedeva che il nome del nuovo motore fosse breve e facile da ricordare, associato immediatamente all’efficienza della ricerca, ai risultati veloci e significativi. La squadra di otto professionisti di Interbrand ha buttato giù durante i brainstorming circa 2.000 nomi. I 600 più convincenti […]

continua a leggere
31 agosto 2009

L’ultima videocamera digitale tascabile era stata apprezzata per tutto, tranne che per il nome, il criptico Zi8. Così Kodak ha deciso di ribattezzare l’intera linea e ha pubblicato questo annuncio sulla stampa e sul blog ha chiesto contributi a tutti sul nuovo nome. Il brief: What would you call a video camera that is rugged, simple and ready for action and adventure? (Hint – we like the letter “Z”!) Il termine è scaduto da pochi giorni, quindi a breve dovremmo […]

continua a leggere
20 ottobre 2007

Seguo sempre con enorme interesse il ruolo delle parole scritte nel branding delle grandi aziende, soprattutto attraverso il blog Name Wire, la mia enciclopedia quotidiana sul naming. Le ultime novità riguardano Mercedes Benz, che il prossimo 1 novembre, dopo 18 anni, cambia la propria brand identity. La stella, che da sempre identifica la Mercedes, rimane l’elemento forte di continuità: il payoff diventa infatti The Star always shines from above, la stella splende sempre dall’alto. Un testo che si richiama direttamente […]

continua a leggere
16 luglio 2007

Siamo ormai abituati all’onnipresenza dell’inglese, soprattutto nel settore delle tecnologie. Invece uno dei maggiori produttori di computer d’oltreoceano, Dell, ha scelto l’italiano per battezzare la sua nuova linea di pc portatili. Si chiama Vostro. Così spiega la scelta Namewire, bellissimo blog sul naming: come molte parole italiane, suona energico e di qualità in italiano, sai sempre qual è la pronuncia giusta il significato si lega con grazia alla attuale tendenza verso i pronomi possessivi, come MySpace and YouTube è in perfetta sintonia con […]

continua a leggere
13 settembre 2006

Sarà l’influsso della lingua degli SMS, così siglata e sincopata, sarà che nomi di dominio liberi non ce ne sono proprio più, ma crescono i nomi di prodotti, servizi e aziende che fanno a meno delle vocali, anche a costo di arrivare a esiti impronunciabili. Eppure hanno successo. Anzi, sembrano catturare lo spirito dei tempi e regalare per magia un’aura di velocità, ubiquità e dinamismo. Ha cominciato anni fa Reebok proponendosi come RBK, ha proseguito Levi’s con il jeans DLX […]

continua a leggere
5 gennaio 2006

Questa la racconta sul suo blog il famoso copywriter Bob Bly. L’azienda dolciaria texana Collin Street Bakery non riusciva a vendere i suoi deliziosi dolci di frutta. Fruitcake non riusciva ad attrarre nessuno. La particolarità di questi dolci è che sono fatti con le noci americane coltivate sulle rive dei fiumi texani. È bastato cambiare la descrizione da “Fruitcake” a “Native Texas Pecan Cake” per veder aumentare le vendite del 60% dopo una campagna di direct mail.

continua a leggere
13 ottobre 2005

La bella newsletter Brandchannel di Interbrand mi ha portato qualche giorno fa un interessante articolo sui nomi dei grandi brand mondiali, le cui principali tipologie sono rappresentate già nella classifica dei primi 10 brand mondiali: i nomi di famiglia, come Disney e McDonald’s, concentrati soprattutto nella finanza (Merril Lynch, Morgan Stanley, Goldman Sachs) e nella moda (Vuitton, Gucci, Chanel), ma presenti in tutti i settori merceologici: significano autenticità, fiducia, un tocco personale e la continuità negli anni, aiutano a far […]

continua a leggere