scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Tag: momenti
3 Febbraio 2012

Quando finalmente a Roma ha cominciato a nevicare ero appena rientrata a casa. Tempismo perfetto: impegno in centro in primissima mattinata, saluto ai nipoti in pigiama liberi da scuola, annullata andata al cinema stasera, spesa che mi permetterebbe di stare qui tappata per una settimana, macchina in garage. Sapevamo già tutto, fino all’orario probabile della nevicata, e ha funzionato. Ottimo, ma in tanta efficienza si insinua una nostalgia che viene da lontano. Una bambina romana degli anni sessanta la neve […]

continua a leggere
14 Settembre 2011

Con Walter Bonatti perdo uno dei miti della mia infanzia. A me, bambina degli anni sessanta, il fascino della scrittura era tutto in due personaggi lontanissimi. Una era l’eroina di Piccole Donne, romanzo che avrò letto centinaia di volte solo per calarmi nei panni della bruttina ma intellettuale Jo, e con lei aumentare il gusto della lettura addentando una mela, chiudermi a scrivere in una mansarda e poi affrontare con coraggio un mercato editoriale difficile. L’altro era lui, Walter, che […]

continua a leggere
4 Agosto 2011

Da Repubblica di lunedì mi ero ritagliata l’articolo di Maurizio Ferraris Se tutti impariamo a cancellare qualcosa resterà. Era stato soprattutto il titolo a incuriosirmi, e poi l’idea che il cancellare è l’altra faccia dello scrivere (tanto che gli strumenti per scrivere si chiamano paradossalmente “articoli di cancelleria”). Un tema che sento molto in questa mia estate intensamente scribacchina, in cui riempio pagine su pagine, cancello, tengo, riscrivo, cerco le parole ma a volte ne sono talmente piena che vorrei […]

continua a leggere
6 Luglio 2011

Apprezzo molto i piccoli testi che la Domenica del Sole 24 Ore mette in testa alle sue pagine. Nell’ultimo numero, tre citazioni che insieme sembrano fatte apposta per inaugurare la mia lunga giornata di lavoro: “Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.” Vincent Van Gogh “Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità […]

continua a leggere
23 Giugno 2011

All’inizio dell’anno ho scritto un lungo post sull’essere un editor freelance. Oggi ho letto sul blog di Luca De Biase queste parole, che mi hanno strappato qualche lacrimuccia: Freelance è una parola resa famosa da Ivanoe. Le libere lance erano avventurosi cavalieri al servizio del miglior offerente nei tornei medievali. Oggi sono avventurosi professionisti al servizio del mercato (con tutti i suoi pregi e difetti). Sono grandi protagonisti della dinamica del lavoro contemporaneo. E attraversano difficoltà che i dipendenti non si sognano neppure. […]

continua a leggere
30 Marzo 2011

Torno da Smau Business qui a Roma e mi accingo a ripartire. Era veramente tanto che non andavo a un evento di quel tipo. Pensavo che gli stuoli di maschi in divisa d’ordinanza nera appartenessero a un’altra epoca. E invece no: mentre facevo la fila al desk intravedevo solo qualche sparuta femmina, quasi sempre nera anch’essa. Eppure io in azienda ci ho lavorato. Era piena di ragazze e signore. E anche in rete ne incontro un sacco. Dov’erano stamattina? Forse […]

continua a leggere
9 Marzo 2011

Da Roma a Genova sono solo tre quarti d’ora di volo, ma preferisco sempre costeggiare il Tirreno in treno. Sulle rotaie lavoro bene e questo viaggio mi permette di ripercorrere tante tappe della mia vita. Santa Marinella, dove abitano due dei miei più cari amici. Civitavecchia, dove da piccola mi imbarcavo per la Sardegna. L’Argentario, dove ho passato alcune delle più belle giornate che ricordi. Pisa, dove sono nata. Se faccio attenzione, riesco a vedere per un attimo la casa […]

continua a leggere
12 Gennaio 2011

Content Rules, di Ann Handley e C.C. Chapman, Content Rules, Wiley 100 Great copywriting ideas, di Andy Maslen, Marshall Cavendish Write copy, make money, di Andy Maslen, Marshall Cavendish Content strategy for the web, di Kristina Halvorson, New Riders The naked presenter, di Garr Reynolds, New Riders Sono i libri arrivati ieri, tutti pubblicati in questi primi giorni dell’anno. Così ho provato anche Amazon.it, con qualche titubanza e rimorso. Titubanze, come per ogni servizio nuovo. Rimorso, perché da anni ordino […]

continua a leggere
15 Settembre 2010

“Zia, ma dov’è il menù?” mi ha chiesto mio nipote di sei anni sfogliando furiosamente un libro. Confesso che mi ci è voluto qualche secondo per realizzare che stava cercando l’indice.

continua a leggere
20 Luglio 2010

Non so quanto il bravo e furbissimo Mark Ragan riesca a mantenere di quello che promette nei suoi corsi di un solo giorno Advanced Writing & Editing. Se ci riesce, sacrosanto che sia ricco e famoso. Ma il sottotitolo del corso è geniale e rispecchia esattamente il mio stato d’animo del momento nei confronti del mio mestiere: Words matter. No matter the medium.

continua a leggere
13 Luglio 2010

Il soffocante caldo romano sta rallentando il mio cervello, i miei ritmi, i miei post. Mi sono rassegnata ad arrancare sui libri e sui testi. La stampante mi ha appena abbandonata dopo anni di perfetto e onorato servizio. La maestra di yoga mi massacra “perché con questo caldo i muscoli sono morbidissimi e bisogna approfittarne”. Domani vado a Genova dove rimarrò fino a venerdì per l’ultimo impegno formativo della stagione. Sono felice alla sola idea di affacciarmi sul mare.

continua a leggere
28 Aprile 2010

Sarà perché oggi ho aperto ufficialmente la stagione “ufficio all’aperto” e lavoro da stamattina presto in mezzo agli uccelli che cantano e strillano, prima in un sole quasi estivo e ora sotto le nubi pesanti del temporale che tra poco arriva, ma la poesia del giorno della rivista Poesia mi è sembrata scelta apposta per me. E per celebrare quelle sensazioni che il cambio di stagione ti fa percepire così intense solo il primo giorno, perché poi ti abitui e […]

continua a leggere
1 Marzo 2010

Data, data everywhere si intitola lo special report dell’Economist di questa settimana, dedicato alla sovrabbondanza delle informazioni nel mondo in cui viviamo. Anche chi scrive per lavoro, come me, è sottoposto tutto il tempo alle seduzioni dei tanti contenuti interessanti che premono ai confini dello schermo bianco su cui sta lavorando. Contenuti che ti aiutano e al tempo stesso ti distolgono in continuazione dal tuo lavoro. A lungo non sono riuscita a superare il senso di disagio che provavo mentre […]

continua a leggere
17 Gennaio 2010

Negli ultimi anni ho tanto sentito raccontare di Haiti. Due dei tre figli di miei carissimi amici vengono proprio da lì e la famiglia ci è tornata in viaggio, tutta insieme, nell’aprile scorso. Hanno portato alla scuola-missione di Suor Anna affetto, aspettative, vestiti e anche un forno a energia solare. Ne sono tornati con tante emozioni e racconti che hanno condiviso anche con me durante i giorni di vacanza che ho trascorso con loro ad agosto. Da sempre sostengono Suor […]

continua a leggere
4 Gennaio 2010

A Istanbul, città di raffinate librerie e caffè pieni di libri, si può aspettare l’autobus seduti su un libro-panchina.

continua a leggere
28 Maggio 2009

La home page di Internazionale da qualche giorno è diventata blog: aggiornato in continuazione, utile e piuttosto effervescente. Vi consiglio vivamente una puntata: io mi ci distraggo tra un testo e l’altro senza il senso di colpa e la sensazione di fare la perditempo. L’aggiornamento di oggi dell’oroscopo di Rob Brezsny mi ha appena tirato su il morale: Quando sei in forma, Toro, sei abitudinario ma non ti fossilizzi. Ribolli di efficienza creativa e non ripeti mai gli stessi movimenti […]

continua a leggere
8 Maggio 2009

Dopo un’intensa maratona formativa, sono in attesa in aeroporto e come ogni volta che lascio questa città mi chiedo perché mi dispiace così tanto andar via. Forse perché devo a Genova – io viaggiatrice superpianificata – l’aver finalmente imparato a perdermi, come ho poi fatto anche in altre città. La mia prima esplorazione dei carrugi – senza cartina, senza guida e senza orologio – mi ha lasciato dentro una nostalgia strana, come quei sogni dai quali al mattino ti svegli […]

continua a leggere
11 Gennaio 2009

Pochi giorni fa, il 7 gennaio, Il Mestiere di Scrivere ha compiuto dieci anni. Mi sono resa conto all’improvviso che in questo strano luogo fatto solo di bit ho trascorso un bel pezzo della mia vita, ma soprattutto mi sono venute in mente le mille cose della mia vita che il MdS è riuscito a cambiare. Praticamente tutto, per fortuna.

continua a leggere
22 Dicembre 2006

Quisiera que mi libro fuese, como es el cielo por la noche, todo verdad presente, sin historia. Que, como él, se diera en cada instante, todo, con todas sus estrellas; sin que niñez, juventud, vejez quitaran ni pusieran encanto a su hermosura inmensa. ¡Temblor, relumbre, música presentes y totales! ¡Temblor, relumbre, música en la frente —cielo del corazón— del libro puro. Vorrei che il mio libro fosse come il cielo di notte, solo presente verità, senza storia. E che, come […]

continua a leggere
29 Agosto 2006

da: www.gapingvoid.com Salva

continua a leggere