scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Tag: ispirazioni
17 Aprile 2012

Sabato e domenica ero a insegnare al masterCom dell’Università di San Marino e dell’Università IUAV di Venezia. Da qualche anno il modulo dedicato alla scrittura è aperto dalla master lecture di Annamaria Testa. Confrontarsi con una scrittrice ed esperta di comunicazione come lei è una splendida opportunità per gli studenti, ma pure per me. Infatti non me la perdo mai e ogni volta prendo un sacco di appunti che vanno a concimare testi, progetti, idee sparse. Quest’anno le riflessioni di […]

continua a leggere
11 Aprile 2012

Sono stata un po’ lontana dal blog nei giorni scorsi, ma ho assecondato volentieri il mio bisogno di disconnessione e di pensare ad altro. Così stamattina, per riprendere, mi sono riscaldata con un piccolo esercizio di traduzione. Il blog britannico Doris and Bertie mi piace molto e sono sempre in sintonia con i due autori. Ultimamente hanno pubblicato in quattro puntate un elenco di 100 consigli veloci per la scrittura professionale. Di quelli che piacciono a me, lapidari e tutti […]

continua a leggere
20 Marzo 2012

Stamattina Federico Badaloni, sul suo blog Snodi, prende spunto da un’infografica per una sua riflessione sulla velocità che ci impongono i nuovi media e io prendo spunto dal suo post per un riflessione mia. Tempo puntifome, quello della comunicazione in rete – scrive Badaloni – in cui ogni attesa è percepita come una perdita di tempo. Al contrario del mondo fisico il tempo lineare, fatto anche di attese. “Attese significanti, perché possono anche esprimere -ad esempio- dubbio, riflessione, emozione oltre che […]

continua a leggere
3 Ottobre 2011

Non sono potuta andare al Festival di Internazionale perché sabato ero al lavoro, anche se non troppo lontano da Ferrara. Mi sono consolata leggendo l’ultimo numero del settimanale mentre tornavo verso Roma. Mi è piaciuto tantissimo il pezzo di David Randall dedicato allo “scrittore interiore”, quella parte di noi che può fare un bel pezzo del lavoro se solo ci accorgessimo più spesso di lui. Basta fidarsi e lasciarlo andare dove vuole, senza star lì a controllarlo: Per garantire che […]

continua a leggere
30 Settembre 2011

Occorre coraggio per affrontare dentro la crisi l’idea di un altro modo di muoversi, di abitare, di impiegare il vento e la monnezza e il tempo, di imparare e insegnare. da L’occasione della crisi di Adriano Sofri su Repubblica di oggi. Il tono del lungo articolo di Sofri è grave anche se speranzoso. Quello di Annamaria Testa sulla nuova home page di Nuovo e utile leggero e giocoso. Forse perché stamattina li ho letti uno dopo l’altro vi ho trovato […]

continua a leggere
18 Agosto 2011

La regina della content curation Maria Popova ha pubblicato su Brain Pickings il video e la trascrizione del suo intervento di maggio a Creative Mornings, meravigliose conferenze gratuite di venti minuti su creatività e design organizzate all’ora di colazione nei caffè di alcune città degli Usa, di Berlino e Zurigo. Il tema non poteva che essere un inno dell’arte combinatoria, a partire dai florilegi medievali passando per Picasso, Einstein, Susan Sontag, e finire con Gandhi: I nostri pensieri diventano le […]

continua a leggere
16 Agosto 2011

Alle prese con testi mooolto lunghi, in questo periodo sono particolarmente sensibile al tema della velocità della scrittura. Lo è anche Michael Agger, che nei giorni scorsi gli ha dedicato un brillante articolo su Slate: Slowpoke, How to be a faster writer. Leggendolo mi sono consolata. Scrivere testi lunghi è una delle sfide cognitive più impegnative, anche per chi lo fa per mestiere, perché il cervello deve destreggiarsi contemporaneamente tra tre compiti diversi: scrivere il testo, pensare a cosa dire […]

continua a leggere
14 Agosto 2011

Molti psichiatri dicono che i sogni servono a buttare nel cestino ciò che non serve alla nostra memoria, e a conservare quanto è utile ai progetti dei giorni a venire, giorni che sono pieni di cose da scartare. Ci teniamo solo quello che non esiste ancora, e che probabilmente non esisterà mai. Concepire i sogni come qualcosa di impossibile, che non si realizzerà mai, è triste. Significa credere che la vita è triste. E basta. Per molti sarà pur vero, […]

continua a leggere
4 Agosto 2011

Da Repubblica di lunedì mi ero ritagliata l’articolo di Maurizio Ferraris Se tutti impariamo a cancellare qualcosa resterà. Era stato soprattutto il titolo a incuriosirmi, e poi l’idea che il cancellare è l’altra faccia dello scrivere (tanto che gli strumenti per scrivere si chiamano paradossalmente “articoli di cancelleria”). Un tema che sento molto in questa mia estate intensamente scribacchina, in cui riempio pagine su pagine, cancello, tengo, riscrivo, cerco le parole ma a volte ne sono talmente piena che vorrei […]

continua a leggere
19 Luglio 2011

L’editoriale di Julio Monteiro Martins che apre il numero 41 della rivista letteraria Sagarana, Per un’idea diversa di successo, mi sembra piuttosto in sintonia con la proposta di Decrescita editoriale lanciata da Marco Cassini sul blog di Minimum Fax, di cui si sta discutendo molto in rete. La rivista è sempre puntuale, ricca e bellissima, anche se la mia sezione preferita è la Poesia, che questa volta ci propone – è tempo di partenze – anche un delizioso specialino sui treni.

continua a leggere
13 Luglio 2011

La scorsa settimana ho fatto la mia prima docenza di scrittura a distanza, cosa dalla quale mi ero tenuta finora abbastanza a distanza. Non tanto per un pregiudizio, ma perché mi conosco. Con buona pace degli esperti di public speaking, mi sono rassegnata da anni al fatto di essere una disordinata gesticolante. Non me ne cruccio più: per parlare ho bisogno di muovermi, camminare, avvicinarmi alle persone, agganciarle con gli occhi. Ero quindi preoccupata all’idea di stare sola in una […]

continua a leggere
9 Luglio 2011

Precious è un film meraviglioso, dall’inizio alla fine, ma il momento più intenso arriva quando l’insegnante mette in mano a Precious – nera, obesa, povera, sola, abusata, due volte madre a sedici anni – uno spesso quaderno nero. Ci dovrà scrivere qualcosa ogni giorno, per forza, anche se non sa praticamente scrivere, anche se non ne ha voglia e non ne vede l’utilità. La dolce insegnante in questo è inflessibile con tutte le sue studentesse. Scrivere di sé, di quello che […]

continua a leggere
6 Luglio 2011

Apprezzo molto i piccoli testi che la Domenica del Sole 24 Ore mette in testa alle sue pagine. Nell’ultimo numero, tre citazioni che insieme sembrano fatte apposta per inaugurare la mia lunga giornata di lavoro: “Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.” Vincent Van Gogh “Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità […]

continua a leggere
11 Giugno 2011

L’ha segnalato il Post e in molti l’avrete già visto, ma era troppo carino per non averlo anche qui a portata di click: 29 modi per mantenersi creativi. Quelli che mi riescono meglio: non mollare, mettere in ordine la scrivania, portarsi appresso sempre un taccuino, stare lontana dal computer, leggere una pagina del dizionario, appuntare le nuove idee. Quelli che mi riescono peggio: prendersi pause, cantare nella doccia, essere aperta, collaborare, permettersi gli errori, contare le benedizioni, riposarsi molto, assumersi rischi. Se la […]

continua a leggere
11 Giugno 2011

sign “Uno spettacolo”, come si dice a Roma, la nuova sezione aperta sul sito del MoMA dal Dipartimento Advertising e Graphic Design. Cliccate su una delle immagini: potrete scorrere i prodotti di una campagna, un progetto, una mostra. Ma non fermatevi lì, arrivate fino in fondo, dove spesso c’è il Read more. Dopo le immagini, che ci fanno vedere cosa hanno fatto, arriva il testo, a spiegarci come l’hanno fatto.

continua a leggere
4 Giugno 2011

“Do stuff. Be clenched, curious. Not waiting for inspiration’s shove or society’s kiss on your forehead. Pay attention. It’s all about paying attention. Attention is vitality. It connects you with others. It makes you eager. Stay eager.” Susan Sontag grazie all’impareggiabile Swissmiss

continua a leggere
15 Maggio 2011

Il pensiero conduce alla scrittura, raramente avviene il contrario. Assimilare le informazioni e riassumerle con chiarezza in una sola frase è il primo passo verso un buon testo. Da quella prima frase scaturisce una buona argomentazione, e da lì crescono i paragrafi e i capitoli, in ordine logico uno dopo l’altro, come mattoni, fino alla struttura definitiva. È uno dei paragrafi introduttivi di The craft of business writing di Jim L. Horton, tre lucide cartelle dove si spiega perché la […]

continua a leggere
7 Maggio 2011

La verità è che mi piace scrivere dappertutto, a patto di avere una scrivania ordinata. Quando sono a casa mi piace scrivere nel mio studio, adesso che finalmente, dopo tanti anni, ne possiedo uno. Però non riesco a scrivere di fronte a una finestra, perché mi distrae quello che c’è fuori. Devo mettermi di fronte a un muro. Una volta degli amici galiziani mi prepararono un posto bellissimo. Stavo finendo un romanzo e chiesi di andare da loro per concentrarmi […]

continua a leggere
29 Aprile 2011

Tutti i manuali di scrittura professionale dedicano uno dei primi capitoli all’ordine delle informazioni, cioè a come mettere in fila ciò che vogliamo dire, una cosa dopo l’altra. Può essere la “piramide rovesciata” (dalla conclusione ai dettagli) o il classico ordine ciceroniano, dall’esordio alla conclusione, o possono essere le tante varianti tra questi due poli. Qualunque ordine si scelga, le informazioni si succedono in modo sequenziale, dall’inizio alla fine del testo. Ma se lavoriamo bene sui microcontenuti e la formattazione […]

continua a leggere
3 Aprile 2011

Ai giovani che mi chiedono “ma io che cosa faccio?” rispondo: Guarda! Il mondo è pieno di cose da esplorare. Ci vuol coraggio, determinazione, fantasia, ma le possibilità ci sono. Io questa vita me la sono inventata, mica cent’anni fa, ieri l’altro. Ognuno lo può fare, ci vuole solo coraggio, determinazione, senso di sé che non sia quello piccino della carriera, dei soldi, che sia il senso che sei parte di questa cosa meravigliosa che è tutta qui attorno a […]

continua a leggere