scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: forme e colori
30 Aprile 2011

L’angelo irrompe nella stanza di Maria in modo talmente irruente che il gatto scappa via e la povera ragazza, spaventatissima, ci rivolge con lo sguardo una richiesta di aiuto. Sì, proprio a noi, che stiamo al di là del quadro. Tanti, tantissimi, tutti diversi, dal 1534 fino a oggi. Ma è proprio quello che il pittore, Lorenzo Lotto, desiderava: entrare in relazione con lo spettatore, sollecitare la sua partecipazione, attivare le sue emozioni e la sua memoria, come fanno le […]

continua a leggere
19 Aprile 2011

Tamara de Lempicka, la pittrice simbolo dell’Art Deco, era quel che oggi si definirebbe una tosta. Nata in Polonia, si ritrovò giovanissima nel bel mezzo della rivoluzione russa, ma a San Pietroburgo riuscì a prendere le sue prime lezioni di pittura e a scappare a Parigi. Lì evitò come poté i geniali bohemien: preferì l’alta società che da subito amò e comprò i suoi quadri. Quando le cose in Europa volsero al peggio si trasferì negli Stati Uniti, dove i […]

continua a leggere
31 Dicembre 2010

“Gli oggetti si compenetrano tra di loro, non cessano mai di vivere, si espandono intorno a se stessi con gli sguardi e con le parole.” Sembra la didascalia di un quadro del periodo più cubista di Braque e Picasso. Invece è stata scritta almeno due decenni prima e l’autore, Paul Cezanne, si riferiva a un artista che ha riempito dalla sua posizione un po’ eccentrica e appartata tutto il settecento francese. Jean Baptiste Chardin, cui è dedicata una splendida e […]

continua a leggere
22 Dicembre 2010

Ammiriamo sempre le infografiche e le soluzioni per la visualizzazione dei dati come prodotti bellissimi ed efficaci, ma adatti solo ai grandi giornali e comunque non alla nostra portata. Guardate cosa ha fatto David McCandless di Information is Beautiful con il risultato di un test sul livello di colesterolo. Prima – parole sue – sembrava un dispaccio della CIA del 1965. Dopo è una scheda leggibilissima da chiunque, senza nemmeno una parola difficile, che si apre spiegando cosa è il […]

continua a leggere
8 Dicembre 2010

Voglio fare tali progressi che la gente possa dire delle mie opere: “… sente profondamente, sente con tenerezza…” Voglio fare dei disegni che vadano al cuore della gente. Scriveva così Vincent Van Gogh all’amatissimo fratello Theo, che lo sostenne finanziariamente e psicologicamente per tutta la vita. Stamattina alla mostra di Van Gogh al Vittoriano a Roma non ho solo ammirato oltre settanta capolavori, ma per la prima volta mi sono soffermata sull’atteggiamento fraterno e affettuoso che le persone hanno nei […]

continua a leggere
14 Novembre 2010

Hanno la pelle bianca, trasparente e luminosa come le perle che adornano i loro capelli, il collo, gli abiti. Del loro corpo vediamo solo il volto e le mani. Il resto è un trionfo di velluti, sete, voile e damaschi, dipinti filo per filo. Dall’abbondanza delle pieghe, se ne intuisce tutta la morbidezza, eppure le avvolgono e le isolano dal mondo come fanno le corazze lucenti con i loro mariti. Tanta magnificenza non sembra affatto appagarle, anzi sembrano rivolgere al […]

continua a leggere
9 Novembre 2010

“When slides are used appropriately, they work with the presenter seamlessly like a dance partner on the stage. One is coming and the other is going, and each contributes to the other’s stage presence and craft. Practice with your slides until you move as one with them.”  Nancy Duarte, Resonate Per vedere un po’ di concreti compagni di danza, andate sulla sezione Work di Duarte Design.

continua a leggere
2 Novembre 2010

Un paio di post fa segnalavo l’articolo Riscrivere la lettura di Antonio Larizza su Nòva del Sole 24 Ore. A Daniele Barbieri l’articolo ha ispirato un lungo post molto interessante, Di quel leggere che è anche guardare, che affronta il tema delle scritture visive non solo dal punto di vista della fruizione ma anche da quello della produzione. Lettura caldamente consigliata.

continua a leggere
4 Ottobre 2010

Per godersi una buona parte dei capolavori del barocco romano bisognerebbe avere una brandina su cui distendersi in posizione orizzontale muniti di un buon binocolo. È quello che ho pensato sabato mattina quando alla fine della visita della Galleria Nazionale di Arte Antica di Palazzo Barberini (un gioiello appena restaurato che vale da solo un viaggio a Roma) sono sfociata nel salone con la volta affrescata da Pietro da Cortona. La volta è altissima, tanto lontana da te, eppure vicinissima […]

continua a leggere
13 Luglio 2010

Una delle cose che mi sono riproposta di fare in questo mese di luglio è prendere la macchina un pomeriggio e andarmene all’Aquila. Me lo ripeto da quindici mesi ormai, ma non sono ancora riuscita a trovare il coraggio di guardare la città di mia nonna e dei miei ricordi di infanzia piena di ferite. Eppure è a poco più di un’ora da qui. Intanto sto girando i suoi angoli e le sue piazze silenziose attraverso i post dello splendido […]

continua a leggere
11 Maggio 2010

Ci danniamo tanto a inseguire l’attualità più attuale, fatta di link, tweet, testi e video che appaiono e scompaiono. Il libro che ho letto nelle provvidenziali ore del weekend passate in treno mi ha ricordato che lo sguardo più acuto e lucido sul mondo che ci circonda spesso ce lo offrono gli artisti, riflesso negli specchi delle loro opere. Ogni tanto staccare la spina da internet e guardare lì dentro fa solo bene: L’arte contemporanea siamo allora noi, così come […]

continua a leggere
24 Aprile 2010

Stamattina ho faticato a staccarmi dalla lettura di Flow per andare verso il centro di Roma sotto il diluvio. Il libro dello psicologo statunitense di origini ungheresi dal cognome impronunciabile, Csikszentmihalyi, mi ha acchiappata fin dal primo capitolo perché affronta un tema che sta a cuore a tutti: la felicità. Non quella che ci capita addosso all’improvviso perché incontriamo l’uomo o la donna dei sogni o vinciamo alla lotteria, bensì quella che nasce da dentro, dal condurre una vita in […]

continua a leggere
25 Febbraio 2010

Mi ero fatta l’idea che Presentation Zen Design, secondo parto editoriale di Garr Reynolds, fosse un elegantissimo vassoio di avanzi, molto ben disposto come i piatti giapponesi che spesso ispirano l’autore, ma pur sempre avanzi e anche un po’ minestra riscaldata. Ma al di là delle prime impressioni – che spesso rischiano di diventare le uniche – i libri poi bisogna leggerli. E io oggi il libro me lo sono letto dall’inizio alla fine, mentre la mia diffidenza scemava. È […]

continua a leggere
2 Febbraio 2010

Strano rapporto quello tra i musei e il web: il massimo della materialità, da godere solo camminandoci dentro, entrando in contatto fisico e sensuale con le opere, e il massimo della bidimensionalità e della distanza attraverso uno schermo che allontana dalla materia ma che ti può far vedere quei minuti particolari che in un museo non riusciresti mai a cogliere. Anche di fronte ai siti più strepitosi, come quello del MoMA, mi capita di chiedermi se tutte quelle informazioni, tutti […]

continua a leggere
29 Gennaio 2010

La copertina di Internazionale di questa settimana, disegnata da Mark Porter e dedicata a Internet, è bella assai. Ed è il trionfo di quella che io chiamo la “tendenza pallocchio”, anche se tutti quei tondi colorati in gergo si chiamano bubble. Nulla però hanno a che fare con la vita effimera delle bolle di sapone né con quella giocosa dei palloni di chewing gum. Ormai servono piuttosto a rappresentare cose solide e serissime: andamenti del mercato, della popolazione o delle […]

continua a leggere
6 Gennaio 2010

Non mi è stato facile scegliere tra gli oltre 200 disegni di Esercizi di stilo di Franco Matticchio, che hanno per tema i libri e la scrittura. Questo mi sembra il più adatto allo stato d’animo con cui mi accingo alla ripresa di domani e al nuovo anno lavorativo. Grazie a Roberta per avermi regalato il libro e fatto conoscere questo straordinario artista 🙂

continua a leggere
22 Novembre 2009

Finora l’ho solo visto da fuori passandoci sotto in motorino, ma l’articolo che il Guardian dedica al MAXXI di Roma è entusiasmante. Il museo dell’arte del XXI secolo dell’architetta iracheno-londinese Zaha Hadid è veramente “una scalinata verso il futuro”, la sua opera migliore a detta di tutti i critici, paragonabile solo al Guggenheim di Frank Lloyd Wright. Nato dove sorgevano delle vecchie caserme, è stato sognato, disegnato e dipinto infinite volte dalla Hadid prima di passare al progetto nel suo […]

continua a leggere
3 Novembre 2009

See the world one drawing at a time è la splendida tagline di Urban Sketchers, blog collettivo cui contribuiscono 100 artisti che da tutto il mondo disegnano giorno per giorno le città in cui vivono, lavorano e viaggiano. Per chi, come me, la mattina accende insieme il pc e il fornello sotto la macchinetta del caffé affacciarsi su Urban Sketchers è uno dei modi più piacevoli di cominciare a mettere il naso fuori casa.  

continua a leggere
31 Ottobre 2009

Alexander Calder era un omone. Le fotografie che Ugo Mulas gli scattò negli anni sessanta ce lo mostrano intento al lavoro negli immensi spazi del suo laboratorio con grandi lastre metalliche davanti e rotoloni di fil di ferro agganciati al braccio, oppure mentre monta un’opera in piena campagna insieme agli operai o in una pausa con un fiasco di vino davanti. Un artigiano dall’inizio alla fine, che in pochi anni con stupore e allegria è riuscito a rivoluzionare la scultura […]

continua a leggere
12 Settembre 2009

“Tutti discutono la mia arte e affermano di comprenderla, come se fosse necessario comprendere, quando invece basterebbe amare.” Tra le tante, belle e brevi, citazioni che accompagnano il visitatore lungo il giardino dipinto della mostra milanese dedicata alle Ninfee di Monet, questa mi ha dato la chiave per la mia visita di qualche giorno fa. Mi sono semplicemente lasciata andare e mi sono seduta per tutto il tempo che ho voluto di fronte alle 40 tele provenienti dal Museo Marmottan […]

continua a leggere