scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giò Ponti Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: ferri del mestiere
9 Giugno 2009

Vero, gentile, necessario. Sono i tre principi su cui, secondo i Sufi, dovrebbe essere incentrata la comunicazione fra le persone. Carol Fisher Saller, autrice di un breve ma necessario manualetto dal titolo The Subversive Copy Editor, si è indubbiamente ispirata a questi principi per formulare le regole che un bravo redattore (e nel mucchio ci mettiamo anche i correttori di traduzioni) dovrebbe seguire. Vero, gentile, necessario: comincia con questa bella triade di aggettivi semplici e quotidiani il post che Beba […]

continua a leggere
2 Giugno 2009

Questa settimana i Glossogrammi della Treccani – geniali, istruttivi e divertenti quiz sulla lingua italiana – si occupano dell’articolo determinativo. Quello indeterminativo alla prossima puntata. Come scrive l’autore Giordano Meacci: Proprio perché storditi dall’immensità trascrittrice dell’articolo, s’è affrontata solo una parte del cielo grammaticale che descrive, quella determinata e determinativa. Sia quando si muove da sola oltre i tranelli musicali del la e del lo; sia quando articola – facendosi verbo – le preposizioni che l’accompagnano. Ci sarà tempo per […]

continua a leggere
23 Maggio 2009

Leggere ad alta voce ci fa riscoprire la fisicità delle parole. Leggere con i polmoni e col diaframma, con la lingua e con le labbra è ben diverso dal leggere con i soli occhi. Il linguaggio diventa una parte del corpo, e forse è per questo che c’è sempre una strana tenerezza, quasi una qualità erotica, in quelle scene di lettura ad alta voce, in compagnia, che incontriamo spesso nei romanzi di fine settecento. Le parole non sono solo parole. […]

continua a leggere
13 Maggio 2009

Uno degli esercizi di editing che impongo sempre a me stessa (e agli altri) è quello di imparare a togliere in un testo tutto quello che non serve e che si scrive per puro automatismo. Un esempio classico è quello che riguarda tempi e date: nel corso del corrente anno > nel 2009 durante l’anno appena trascorso > nel 2008 l’evento si svolgerà nel giorni 20-21-22 giugno p.v. dalle ore 9.00 alle ore 17.30 > l’evento si svolgerà dal 20 […]

continua a leggere
4 Maggio 2009

Vabbè che la RAI vuole far sentire sommamente colpevole chi non paga il canone, ma la pagina del sito dedicata agli abbonamenti che mi ha segnalato Mariella Governo fa venire i brividi. L’abbonamento riguarda la “detenzione” nell’ambito familiare (abitazione privata) di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive. “Detenzione” come quella delle sostanze stupefacenti e delle armi da fuoco. Strani scherzi delle nominalizzazioni (sostantivi al posto di verbi per esprimere azioni, usati soprattutto nel […]

continua a leggere
30 Aprile 2009

Anche se mi sento chiamata in causa tra i funless e i fastidious, l’articolo di ieri sul Guardian dedicato al rinascimento del punto esclamativo – The joy of exclamation marks! – è veramente carino.I pedanti e noiosi sono quelli che non apprezzano il dilagare dei punti esclamativi dappertutto e nelle email in particolare. Io lo apprezzo, ma mi piace spendermelo quando sono davvero contenta ed entusiasta, non come un intercalare qualunque. E mi dà francamente fastidio quando qualcuno vuole fare […]

continua a leggere
20 Aprile 2009

Sarà perché quest’anno sto lavorando quasi esclusivamente in campo bancario, finanziario e assicurativo, ma la mia idiosincrasia verso la matematica e afffini sta lasciando il posto a interesse e curiosità per la comunicazione dei numeri e dei dati. Di fronte a lunghi discorsi zeppi di cifre, sempre più spesso mi chiedo come evidenziare, confrontare, dare un senso ai numeri, cosa affidare loro e cosa invece al testo, come organizzare al meglio nello spazio parole e dati. Abbozzare tabelle e schemi […]

continua a leggere
14 Aprile 2009

Questo è un poster sulla crisi economica globale disegnato da Nigel Holmes. Sarà distribuito gratuitamente da Starbucks a partire da dopodomani, così tutti potranno farsi un’idea di cosa sta succedendo, comprese cause ed effetti, mentre sorseggiano un cappuccino. Chi fosse Nigel Holmes, lo ignoravo fino a stamattina, quando l’ho visto citato sia da Nuovo e Utile, sia da Verox Brain Blog. Rimando quindi ad Annamaria Testa per tutti gli interessanti link a contorno e a Elena Veronesi per i consigli […]

continua a leggere
9 Marzo 2009

Le due brave editor di E-Write stanno elaborando una guida di stile per la scrittura delle email per una grande organizzazione americana. Ecco la lista di temi sui quali stanno lavorando, appena postata sul blog Writing Matters e utile a tutti: 1. Ortografia, grammatica e punteggiatura sono importanti. 2. Perché non scrivere tutto maiuscolo e tutto minuscolo. 3. Catene di email e email scherzose sono ammesse o no? 4. L’oggetto dell’email deve essere chiaro: fornire una rosa di esempi. 5. […]

continua a leggere
25 Febbraio 2009

La questione delle ripetizioni e dei sinonimi è delle più spinose. Non conosco nemmeno una regola che possa veramente definirsi tale, per cui ogni volta decido in maniera diversa. Anzi, in genere decide il mio orecchio: evito la ripetizione se mi dà fastidio mentre rileggo. Trovare delle buone alternative non è sempre immediato e capisco che i giornalisti, soprattutto quelli che lavorano online, hanno davvero poco tempo per trovare una soluzione elegante al famoso problema di non ripetere la stessa […]

continua a leggere
24 Febbraio 2009

Negli ultimi tempi mi è capitato spesso di consigliare dei testi e delle guide sulla semplificazione del linguaggio amministrativo, che poi sono perfette anche per le aziende private che devono comunicare con il pubblico. In rete ce ne sono di fantastiche, e io le scarico regolarmente per paura che spariscano da un giorno all’altro. Mi accingevo adesso a fare l’ennesima colletta quando mi sono accorta che lo ha già fatto qualcuno, e molto bene. Matteo Viale, ricercatore all’università di Padova, […]

continua a leggere
17 Febbraio 2009

è vero che il primo essenziale passo di un lavoro di editing è cominciare a tagliare, o meglio a disboscare, per poi andare gentilmente verso il taglio e la potatura. Sarà che di questo lavori negli ultimi tempi ne ho fatti tanti, ma certe volte mi domando se la mia furia distruttiva non sia eccessiva. In questa tornata me la sono presa soprattutto con le decine di ricorrenti e inutili “eventuale”, “ulteriore” (spesso i due viaggiano accoppiati) e “relativo a” […]

continua a leggere
11 Febbraio 2009

Roy Peter Clark, ispirato da 25 cose a caso su 25 cose a caso su Facebook, ha appena pubblicato sul sito del Poynter Institute queste 25 cose non a caso sulla scrittura breve. Ho cominciato a tradurle davanti al caffè e non sono riuscita a smettere. Eccole: Tieni un diario dove fare pratica di scrittura breve. Pratica la scrittura breve su piccole superfici: post-it, schede, il palmo della mano. Una lista di 25 punti NON è un esempio di scrittura […]

continua a leggere
6 Febbraio 2009

“Niente più pagine bianche” si intitola il post sul blog di Internazionale in cui Steven Johnson racconta come affronta il blocco della pagina bianca, soprattutto di fronte a un compito lungo e complesso come scrivere un libro. Suggerisce un software che permette di archiviare e collegare tanti spunti diversi – pdf, ritagli di testo, pagine web, immagini – ma al di là del software è interessante il metodo, che condivido in pieno. Anche io, quando ho avuto voglia di scrivere […]

continua a leggere
28 Gennaio 2009

Dopo il discorso di insediamento di Obama, c’è una nuova attenzione per quell’attività molto specialistica che è lo speech writing. Ieri il digest quotidiano di Ragan.com includeva un pezzo su come cominciare un buon discorso. Poche cose, di buon senso, che però è opportuno ricordare quando si prepara un discorso per qualcuno o quando lo si tiene direttamente. Questi i consigli dell’esperto Chris Witt: non precipitarsi a leggere il discorso, ma prendersi una piccola pausa introduttiva silenziosa: 15 secondi decisivi […]

continua a leggere
16 Gennaio 2009

L’avevo letta di corsa prima di Natale, e stamattina ci sono tornata sopra, anche per mantenere il buon proposito di dedicare allo studio più tempo di quanto non abbia fatto ultimamente. È la prefazione del libro Getting the words right, 250 pagine su un tema che mi appassiona da sempre, la revisione e l’editing. Mi sono riconosciuta in tutto. Per esempio: Cominciare la giornata lavorativa rileggendo i testi del giorno prima Lo faccio sempre: la notte dà il necessario distacco e […]

continua a leggere
22 Novembre 2008

Uno dei libri forse non più belli ma sicuramente più ispiratori che ho letto nel 2007 è stato A Whole New Mind di Daniel H. Pink. Sottotitolo (tradotto da me, perché il libro non è stato tradotto in italiano): Perché il futuro appartiene a chi pensa con la parte destra del cervello. Il tema è dei più trendy e come tanti ottimi ma abbastanza ruffiani libri americani, anche A Whole New Mind non è originalissimo, capta cose che sono già […]

continua a leggere
11 Novembre 2008

Spesso mi ritrovo nella casella di posta richieste di consigli su problemi di scrittura e di comunicazione molto specifici, tipo quello che ho ricevuto un paio di giorni fa da Denia. Grafica pubblicitaria, vorrebbe stendere una relazione finale per il cliente dopo ogni lavoro e mi chiedeva come fare. Ora, io non sono una grafica e in più – anche se mi piacerebbe – non posso proprio rispondere in maniera esaustiva ai singoli problemi, perché altrimenti non avrei tempo per […]

continua a leggere
4 Novembre 2008

È uscita l’edizione italiana di Presentation Zen di Garr Reynolds. Il titolo è Presentation Zen. Idee semplici per progettare e tenere una presentazione, la casa editrice è Pearson Education Italia. Del libro vi ho già raccontato mesi fa, quando mai avrei immaginato che la prefazione all’edizione italiana l’avrei scritta proprio io. La potete leggere qui, insieme all’indice e all’introduzione tutta in slide di Guy Kawasaki. Salva

continua a leggere
1 Novembre 2008

Come tutte le persone che fanno un lavoro artigianale (il mio lo è, ed è quello che mi dà più gusto), di attrezzi e di piccoli trucchi del mestiere ne ho tanti, ma a lungo li ho applicati in modo molto istintivo, volta per volta, tanto che non sempre me ne ricordavo. Se nel tempo diventi un’artigiana forse non più brava ma sicuramente più raffinata è soprattutto perché la consapevolezza aumenta. Fai le cose di sempre, ma le fai pensando, […]

continua a leggere