scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: ferri del mestiere
3 Gennaio 2012

Dopo aver passato i miei primi anni lavorativi nella totale incapacità di mettere insieme una presentazione decente, devo dire che col tempo ci ho preso molto gusto e ora con Powerpoint me la cavo piuttosto benino. Il merito della conversione è dei miei due mentori: Garr Reynolds e Nancy Duarte. I loro libri sono tra i più studiati e gonfi di post-it. Di sottolineature no, perché soprattutto Slideology e Resonate sono troppo belli per scriverci su. Da loro ho imparato […]

continua a leggere
3 Dicembre 2011

Oggi dovevo mettere nero su bianco la differenza tra paragrafo e capoverso, che tutti confondiamo, io per prima. Mi ha aiutata la Crusca nel suo prezioso servizio di consulenza linguistica: Oggi per paragrafo si intende ciascuna delle parti in cui sono suddivisi i capitoli di un’opera. Il paragrafo (come del resto il capitolo) ha spesso un proprio titolo, e può a sua volta articolarsi in vari sottoparagrafi, che trattano temi più specifici e particolari nell’àmbito dello stesso argomento; questi, a loro […]

continua a leggere
3 Novembre 2011

Ieri nel suo blog Visual Communication Elena Veronesi ci ricorda quanto siano importanti in un sito web le prime parole, che hanno il compito è di agganciare la nostra attenzione. Le ricerche di Jakob Nielsen confermano che non dovremmo mai “sprecare” l’incipit con premesse, lungaggini, ovvietà e banalità. Questo però è vero anche sulla carta, dove siamo meno inclini alle innovazioni. Stiamo diventando lettori un po’ diversi, e la nostra attitudine all’esplorazione veloce prima di dedicarci alla lettura vera e propria ce […]

continua a leggere
31 Ottobre 2011

Nella sua newsletter settimanale Giraffe Forum ieri Gerry McGovern sosteneva che il consumatore si sta facendo sempre più smaliziato e meno incline a farsi manipolare dal punto di vista emotivo. Soprattutto nel marketing B2B e in quello online, dove chiarezza e confronto dettagliato dei prodotti contano ben più di facili slogan e punti esclamativi. Secondo le sue ricerche non solo i banner non li guarda e legge più nessuno, ma nei siti di prodotti finanziari le immagini illustrative farebbero addirittura […]

continua a leggere
23 Ottobre 2011

Stimolata da un articolo del Boston Globe, tempo fa scrissi un post sulla fluenza cognitiva, cioè la facilità con la quale riusciamo a leggere e a capire un messaggio. Una ricerca in rete non mi restituì molto, per cui oggi sono stata contenta di trovare un breve filmato in cui uno dei maggiori esperti di fluenza cognitiva, lo psicologo Adam Alter, spiega molto bene il rapporto tra facilità e complessità e come questo influenza la nostra capacità di prendere decisioni, […]

continua a leggere
22 Agosto 2011

No, non è una slide di un corso di scrittura, ma una delle pagine di Write, linee-guida ispiratrici per chi lavora e scrive – a vario titolo – all’università di Leeds, UK. Una delle cose migliori in cui sia mai incappata in rete. Ecco l’esordio: Benvenuto. Write è qui per aiutarti a scrivere in modo più creativo ed efficace nella vita quotidiana all’Università di Leeds. Nel nostro lavoro, tutti abbiamo bisogno di comunicare bene e convincere gli altri. Sia che […]

continua a leggere
14 Luglio 2011

Apro tutte le email e le newsletter che mi arrivano, se non altro per vedere come sono scritte. Alcune sono esempi talmente efficaci, in positivo e in negativo, che le archivio in una cartella a parte. Una cosa che noto sempre è l’uso intenso che gli americani fanno del P.S. Hanno sempre qualcosa da aggiungere alla fine. I più bravi sono i redattori di Ragan.com, che ti inondano di email, ma sanno giocare su una tale gamma di varietà di firme, […]

continua a leggere
9 Luglio 2011

Tra le cose che volevo fare da tempo c’era seguire il webinar gratuito dedicato alla revisione su News University di Poynter.org. È un delizioso ripasso di cose che già sapevo, ma ci ho trovato anche alcune perle che vi passo. Dalla sezione Quotes: “Amo i fiori del ripensamento.” —Bernard Malamud “Ho fatto anche 20 or 30 bozze di un racconto. Mai meno di 10 o 12.” —Raymond Carver “Quando sotto i miei occhi vedo un paragrafo restringersi come una fetta di bacon nel tegame, […]

continua a leggere
4 Luglio 2011

Stavo per buttare via l’email arrivata da Dropbox quando nell’anteprima poche parole hanno attirato la mia attenzione: We did this to make our policies easier to read and understand. Ho aperto e letto un messaggio sintetico e garbato che annuncia la riscrittura delle policy in occasione di alcuni cambiamenti. Tre link portano al post sul blog, invitano a dare feedback e a leggersi comunque i documenti. Il post è leggero, amichevole e preciso, un esempio che dimostra ancora una volta […]

continua a leggere
2 Maggio 2011

“And yet we know that the worst images are those that were unseen to the world. The empty seat at the dinner table. Children who were forced to grow up without their mother or their father. Parents who would never know the feeling of their child’s embrace. Nearly 3,000 citizens taken from us, leaving a gaping hole in our hearts.” Niente da dire. Gli speechwriter di Obama sanno fare il loro mestiere. PS Per un’analisi puntuale del discorso, riga per […]

continua a leggere
29 Aprile 2011

Tutti i manuali di scrittura professionale dedicano uno dei primi capitoli all’ordine delle informazioni, cioè a come mettere in fila ciò che vogliamo dire, una cosa dopo l’altra. Può essere la “piramide rovesciata” (dalla conclusione ai dettagli) o il classico ordine ciceroniano, dall’esordio alla conclusione, o possono essere le tante varianti tra questi due poli. Qualunque ordine si scelga, le informazioni si succedono in modo sequenziale, dall’inizio alla fine del testo. Ma se lavoriamo bene sui microcontenuti e la formattazione […]

continua a leggere
18 Aprile 2011

Qualche post fa parlavamo di aggettivi. Allo stesso tema è dedicato uno degli ultimi post di Jean-Marc Hardy. Mi è piaciuto molto e l’ho tradotto. Eccolo: La piramide della precisione: come uscire dalla tiritera promozionale “Scoprite il nostro nuovo prodotto!” Questo non è uno slogan commerciale. La novità non è una notizia. La novità, come tale, non rivela alcun beneficio al cliente. In cosa è nuovo il vostro prodotto? Questa è la domanda. Immerso ultimamente nella comunicazione industriale B2B, sono […]

continua a leggere
29 Marzo 2011

Con l’oggetto “Our brilliantly useful email”, l’agenzia di copywriting londinese The Writer mi manda un consiglio su come testare l’opportunità degli aggettivi, quelli cui nessuna brochure o newsletter di marketing riesce a resistere: evento prestigioso un cous cous saporito un servizio di qualità una favolosa opportunità professionisti qualificati Lo chiamano il “test del contrario”. Scrivereste così? un evento di secondo piano un cous cous sciapo un servizio scadente una mediocre opportunità professionisti senza titolo No? Allora l’aggettivo è inutile e […]

continua a leggere
2 Marzo 2011

Siamo lieti di presentarLe il nuovo metodo per smettere di fumare. Sono lieta di informarla che sono aperte le iscrizioni alla prossima edizione di Words of The World, che si terrà il 3 e 7 aprile 2011 presso il Sofihotel di Ginevra. Siamo lieti di comunicarle che abbiamo lanciato una straordinaria campagna sconti sui nostri libri. Di incipit di email e newsletter così ne ho tantissimi e mi sembra sempre buffo l’uso di questo aggettivo, lieto, un po’ desueto e […]

continua a leggere
14 Febbraio 2011

Un testo è chiaro se i suoi contenuti informativi sono ben riconoscibili e interpretabili da parte del destinatario e se la loro concatenazione logica rispetta uno sviluppo coerente e graduale rispetto alle conoscenze pregresse del destinatario e alle sue aspettative di conoscenza dell’argomento trattato. Un testo è preciso se le parole usate e le connessioni logiche tra le frasi risultano univoche ed esplicite. La vaghezza e l’ambiguità lessicali, infatti, favoriscono incertezze nell’interpretazione del testo, e connettivi frasali troppo lunghi, arcaici […]

continua a leggere
8 Febbraio 2011

“Come tutti avranno ormai notato noi viviamo in una civiltà che negli ultimi vent’anni ha deciso di farsi governare dalla narrazione: l’ha presa come forma privilegiata di qualsiasi comunicazione.” scrive Alessandro Baricco su Repubblica di oggi e come “esempio ridicolo” cita un frullato che si chiama Storie di frutta. Non conoscevo il frullato, ma quando mi imbatto nell’esaltazione dello storytelling – e ormai capita ad ogni angolo di libreria e di web – faccio sempre fatica a focalizzare la sostanza […]

continua a leggere
1 Febbraio 2011

Ho spesso notato l’uso della font Courier nel direct mail, e soprattutto nelle lettere delle associazioni non profit. La font che richiama la macchina da scrivere evidentemente appare la più adatta quando si vuole comunicare in maniera più calda, personale e diretta. Oggi ho letto che le lettere scritte in Courier ottengono il 20% dei risultati in più rispetto a quelle scritte con altre font, magari molto più moderne. Deve essere vero se anche il prestigioso New Yorker raggiunge i […]

continua a leggere
26 Gennaio 2011

Writing Tools di Roy Peter Clark è uno dei libri di scrittura che amo di più. Uno di quei libri che sogni di essere capace di scrivere tu, ma appunto puoi solo sognarlo. Quindi, qualche anno fa, mi sono divertita a fare un estratto dei suoi 50 attrezzi a uso mio e dei lettori italiani. Ognuno può scegliere i suoi. Oggi un blog statunitense ha pubblicato una lunga e bella intervista a Clark, con molte osservazioni sulla scrittura sui social […]

continua a leggere
23 Gennaio 2011

Ho sempre amato le guide di stile e ne ho anche elaborate alcune. Sono utili a tutti: a chi scrive all’interno di un’organizzazione e può così sciogliere dubbi e sintonizzare la sua voce su quella condivisa a chi leggerà e potrà così riconoscerla facilmente, quella voce a chi la guida la scrive, che sarà così costretto/a a farsi mille domande, a darsi necessariamente una risposta e a imparare un sacco di cose nuove. Per un lavoro che devo fare ho […]

continua a leggere
23 Gennaio 2011

C’ è una frase da incidere sul cartello che appenderai sulla tua macchina da scrivere: “Nessuno mai protesterà se renderai un fatto più semplice da capire’’. È il n° 5 di venticinque comandamenti del giornalista scritti da Tim Radford sul Guardian qualche giorno fa e tradotti in italiano da Libertà di Stampa Diritto all’Informazioni. Tutti preziosi non solo per i giornalisti, ma anche per gli studenti e gli scrittori professionali.

continua a leggere