scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: creatività
16 Febbraio 2012

Review, Relevant, Request, Recruit, Register, Rate, Regional, Remind, Respect, Return, Respond, Record, Responsible, Referral, Rely, Reality, Rapid. Per aiutare i lettori a ricordare, i comunicatori anglosassoni ricorrono spesso alle simmetrie, anche a rischio di diventare ossessivi. A Hubspot gli autori dell’infografica sul Mobile Marketing devono aver sudato sette camicie per individuare le diciassette R. Ma il risultato è di grande compattezza ed efficacia, e l’infografica riassume bene i punti che l’articolo illustra uno per uno.

continua a leggere
11 Febbraio 2012

Il nuovo libro di Dan Roam che citavo qualche post fa ha come sottotitolo What to do when words don’t work, e in rete è tutto un fiorire di Visual Thinking e Visual Storytelling. L’ultimo post del blog di Duarte Design racconta le principali tendenze emerse all’International Forum for Visual Pratictioner e fornisce molti link interessanti da seguire. Invece dei live tweetter, a prendere nota lì c’erano i visual recorder. Difficilmente però vediamo immagini e infografiche che “funzionano dove le […]

continua a leggere
2 Febbraio 2012

Dan Roam è un esperto di Visual Thinking, un tema che mi interessa molto, anche se io mi occupo prevalentemente di parole. Forse proprio per questo sono consapevole del fatto che spesso le parole sono troppe, che una parte possono più efficacemente diventare immagini e che anche un testo fatto di sole parole è comunque un’immagine. Il suo primo libro, The back of the napkin, non mi aveva entusiasmato. Ora ne è uscito un altro, Blah Blah Blah, un titolo non proprio invitante. […]

continua a leggere
29 Dicembre 2011

Si dice sempre – e a ragione – che spesso le soluzioni migliori sono le più semplici. Quelle in cui si lavora con il poco che si ha, senza aggiungere nulla, magari togliendo, ma guardando un testo, un oggetto, un problema, con occhi freschi e un po’ di meraviglia. Questa idea ispira un bellissimo libretto, che avevo comprato su Amazon insieme a parecchi altri nella furia agostana prima che scattasse la legge Levi e che ieri sera mi è ricapitato […]

continua a leggere
6 Novembre 2011

Questa volta il disclaimer è d’obbligo e assolvo all’obbligo subito e volentieri. Il libro che ho letto questo fine settimana, C’era una volta… un cantastorie in azienda (FrancoAngeli 2011), lo ha scritto una mia cara amica e io stessa vi ho contribuito con una pagina nell’inedita veste di fata madrina. Ma da una cantastorie ci si può aspettare di tutto, anche se è nostra contemporanea e va a raccontare le fiabe della tradizione nelle aziende. Già, che ci fa una cantastorie […]

continua a leggere
30 Settembre 2011

Occorre coraggio per affrontare dentro la crisi l’idea di un altro modo di muoversi, di abitare, di impiegare il vento e la monnezza e il tempo, di imparare e insegnare. da L’occasione della crisi di Adriano Sofri su Repubblica di oggi. Il tono del lungo articolo di Sofri è grave anche se speranzoso. Quello di Annamaria Testa sulla nuova home page di Nuovo e utile leggero e giocoso. Forse perché stamattina li ho letti uno dopo l’altro vi ho trovato […]

continua a leggere
18 Agosto 2011

La regina della content curation Maria Popova ha pubblicato su Brain Pickings il video e la trascrizione del suo intervento di maggio a Creative Mornings, meravigliose conferenze gratuite di venti minuti su creatività e design organizzate all’ora di colazione nei caffè di alcune città degli Usa, di Berlino e Zurigo. Il tema non poteva che essere un inno dell’arte combinatoria, a partire dai florilegi medievali passando per Picasso, Einstein, Susan Sontag, e finire con Gandhi: I nostri pensieri diventano le […]

continua a leggere
29 Luglio 2011

“Scrivere come copywriter mi ha insegnato a non trascurare tutto quanto sta attorno alla scrittura e ne determina il senso: paratesti e contesti. E mi ha aiutato a capire come, cambiando registri, avrei potuto decentemente scrivere tutto il resto. Si tratta, credo, del regalo più grande di questo mestiere.” È la conclusione di un articolo dolceamaro che Annamaria Testa ha postato ieri su Nuovo e utile. Non vi inganni il titolo all’insegna dell’understatement: Qualche nota sul mestiere di copywriter. In tre pagine e mezzo […]

continua a leggere
25 Luglio 2011

L’inserto Domenica di Repubblica di ieri dedica una doppia pagina alla mostra Lists: To-dos, Illustrated Inventories, Collected Thoughts, and Other Artists’ Enumerations in corso alla Morgan Library di New York. Liste quotidiane, pratiche, amorose, testuali, illustrate di artisti e scrittori. Molte le potete vedere su Brain Pickings, dove la curator Maria Popova ha dedicato alla mostra uno dei suoi bellissimi post. La lista è uno dei generi testuali più antichi, percorre tutta la storia dell’uomo e tutte le arti. Basta pensare la poesia: da Esiodo a […]

continua a leggere
23 Luglio 2011

È in forma di elenco il menu di navigazione del sito dello studio di Milton Glaser, il graphic designer che ha realizzato il famosissimo logo I ♥ NY. Gli altri lavori, meno noti ma anche più interessanti, sono nel portfolio A short visual history. Ma anche a chi scrive il sito riserva parecchie cose interessanti, come la biografia di Glaser nella triplice versione brief, medium, interminable, o le sagge Dieci cose che ho imparato, che valgono per ogni professionista, non solo per i designer (tutto nella sezione […]

continua a leggere
23 Giugno 2011

Io adoro le infografiche, e quando riescono a incantarmi penso che vorrei rinascere per fare quel mestiere lì (oltre all’art director, la psicologa junghiana, l’insegnante di yoga). Ma ora sta accadendo qualcosa che non mi piace, cioè l’infografizzazione di tutto. Sembra che sei ne fai un’infografica, un contenuto diventa più smart, come con un tocco di bacchetta magica. E così si mettono insieme, su un fondo colorato e sotto un titolo sfizioso, un certo numero di blocchetti di testo e un […]

continua a leggere
14 Giugno 2011

Se con la rete siamo diventati – come si dice – tutti editor ed editori, è enormemente cresciuta anche la necessità di battezzare i nostri prodotti con nomi che li raccontino e li distinguano: siti, blog, newsletter, eventi, ebook, applicazioni. Eppure sul naming sappiamo molto poco e poche sono le risorse italiane dedicate a questo tema. Oggi ce n’è una in più: ALCE, naming blog di Alberto Cellotto. Sottotitolo: Naming di prodotto, brand, notizie, persone e di tutto quello che fugge l’anonimato. Vi […]

continua a leggere
13 Giugno 2011

Alla domanda se Twitter sia testo o conversazione, posta una decina di giorni fa sul sito del Nieman Journalism Lab, la risposta più lucida e ricca di spunti per continuare a rifletterci è arrivata da Maria Popova: Twitter è tutti e due e nessuno dei due. È un nuovo medium di orientamento nelle conversazioni e una piattaforma di scoperta per i testi e le conversazioni che contano davvero. Lei ne sa qualcosa. È la “curatrice” di Brain Pickings, un sito che ogni domenica […]

continua a leggere
11 Giugno 2011

L’ha segnalato il Post e in molti l’avrete già visto, ma era troppo carino per non averlo anche qui a portata di click: 29 modi per mantenersi creativi. Quelli che mi riescono meglio: non mollare, mettere in ordine la scrivania, portarsi appresso sempre un taccuino, stare lontana dal computer, leggere una pagina del dizionario, appuntare le nuove idee. Quelli che mi riescono peggio: prendersi pause, cantare nella doccia, essere aperta, collaborare, permettersi gli errori, contare le benedizioni, riposarsi molto, assumersi rischi. Se la […]

continua a leggere
11 Giugno 2011

sign “Uno spettacolo”, come si dice a Roma, la nuova sezione aperta sul sito del MoMA dal Dipartimento Advertising e Graphic Design. Cliccate su una delle immagini: potrete scorrere i prodotti di una campagna, un progetto, una mostra. Ma non fermatevi lì, arrivate fino in fondo, dove spesso c’è il Read more. Dopo le immagini, che ci fanno vedere cosa hanno fatto, arriva il testo, a spiegarci come l’hanno fatto.

continua a leggere
12 Maggio 2011

Pubblicità e propaganda: somiglianze, differenze, aree grigie. È il titolo di una bellissima presentazione, fresca fresca, di Annamaria Testa. Per chiarirci tutti un po’ meglio le idee.

continua a leggere
9 Maggio 2011

Sono a circa metà di Idea Writers di Teresa Iezzi. Sottotitolo: Copywriting in a new media and marketing era. In realtà, secondo l’autrice parole come copywriter e copywriting sono pronte per la pensione in un mondo dominato dal consumatore, in cui chi scrive deve soprattutto “mettere al mondo per conto di un brand cose utili, belle e divertenti, che facciano sentire le persone meglio rispetto a se stesse, al brand e al mondo.” Il nuovo copy deve essere insieme narratore, […]

continua a leggere
7 Maggio 2011

La verità è che mi piace scrivere dappertutto, a patto di avere una scrivania ordinata. Quando sono a casa mi piace scrivere nel mio studio, adesso che finalmente, dopo tanti anni, ne possiedo uno. Però non riesco a scrivere di fronte a una finestra, perché mi distrae quello che c’è fuori. Devo mettermi di fronte a un muro. Una volta degli amici galiziani mi prepararono un posto bellissimo. Stavo finendo un romanzo e chiesi di andare da loro per concentrarmi […]

continua a leggere
16 Febbraio 2011

Avevo tutt’altri programmi oggi, ma sono contenta di avere divorato un libro che con i miei doveri professionali non c’entra apparentemente niente. Un libro dal titolo sobrio e preciso: A scuola di narrazione. Come e perché scrivere con i bambini di Luisa Mattia, autrice che i lettori del Mestiere di scrivere già conoscono. Narrazione viene prima di scrittura, perché una buona parte del libro è dedicata allo “scrivere senza scrivere”, cioè all’attività più naturale dei bambini, il racconto, “un modo […]

continua a leggere
28 Gennaio 2011

L’Economist fa appello ai lettori per trovare un nome a un nuovo blog sul sito del settimanale. Ecco il breve e limpido brief: Help us name our new defence blog Readers are invited to suggest a name for our new blog on defence, security and diplomacy, which will be launched in the next few weeks. It will cover weapons and warfare, spooks and cyber-attacks. Ideally, its name should accord with our style and 19th-century origins—and, preferably, not begin with a […]

continua a leggere