scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: creatività
9 febbraio 2013

Salvo le pagine web interessanti in de.li.cious, e ho provato invano ad archiviare quello che mi interessa in Evernote. Poi mi sono rassegnata, e le pagine su cui voglio tornare, leggerle finalmente con calma, e magari annotarle, ho ricominciato a stamparle e a metterle in un angolo della mia scrivania. Di solito nel fine settimana le riprendo e me le leggo. Nell’ormai faticoso equilibrio di tempi e attenzione, analogico e digitale, la carta si è riconquistata un piccolo spazio. Vedere […]

continua a leggere
4 febbraio 2013

Be’ sì, si è concluso proprio così il primo fine settimana intensivo di calligrafia con Monica Dengo (Il potenziale creativo della scrittura a mano): con tutti i taccuini che abbiamo disegnato, piegato e realizzato alla fine delle due giornate. “Piegato”, perché non abbiamo usato cucitrici e colla, ma solo le nostre mani che piegavano in dentro, in fuori, in su e in giù fino ad avere un taccuino leggero ma solidissimo per i nostri appunti. E di appunti, fogli e […]

continua a leggere
30 gennaio 2013

Cambiare la scuola. Non ci vogliono sempre tantissimi soldi, né tantissimo tempo. Lo dimostrano i paesi che ci riescono, come racconta Annamaria Testa in uno dei suoi ultimi articoli su Internazionale: La scuola del Duemila. Tutto questo mi è tornato in mente stamattina, quando mi sono scaricata Design Thinking for Educators, realizzato e messo a disposizione dai bravissimi di IDEO, che aiutano le aziende di tutto il mondo a innovare pensando come se fossero uno studio di design. Ma il […]

continua a leggere
28 gennaio 2013

Sorprendente, una domenica pomeriggio, trovare ispirazione in un libro che insegna a scrivere canzoni (Scrivere una canzone, di Alfredo Rapetti Mogol e Giuseppe Anastasi). Talmente sorprendente che, dopo averne sottolineato alcuni brani per me, ho deciso di copiarli e condividerli con voi come viatico e incoraggiamento per la settimana che inizia: Pensate a ogni parola come fosse l’anello di una catena. Mogol parla sempre di un filo d’acciaio che, dall’inizio alla fine, deve tenere legata ogni frase all’altra in una […]

continua a leggere
18 gennaio 2013

l’arte, cioè la capacità di vedere in modo nuovo e di immaginare qualcosa di nuovo le idee, la vera moneta del nuovo mondo la creatività, ovvero la capacità di produrre idee originali gli altri, quindi la collaborazione con le altre persone il nuovo, cioè la capacità di capire, adeguarsi e guidare i cambiamenti saper imparare, vale a dire la voglia e gli strumenti per continuare a imparare o a usare quanto già imparato in situazioni nuove la passione, cioè la capacità […]

continua a leggere
9 dicembre 2012

Che emozione stamattina leggere l’intervista che Michele Boroni (@EmmeBi) ha fatto alla mia maestra di calligrafia Monica Dengo sulla Lettura del Corriere della Sera! A lezione di calligrafia: la bella scrittura come brand, questo il titolo dell’articolo. “Con l’avvento della stampa si pensava che la scrittura a mano sarebbe scomparsa. Invece è diventata uno strumento propulsore che ha dato vita a una moltitudini di scritture individuali desiderose di pubblicazione. Allo stesso modo, ora che stiamo gradualmente perdendo la scrittura manuale in […]

continua a leggere
12 novembre 2012

Sabato mattina, ore 9.30: abbiamo spento tutti i nostri iPad e smartphone e tirato fuori fogli, matite, pennarelli e… le nostre mani. Eravamo lì – e qualcuno veniva anche da molto lontano – pieni di aspettative di fronte alla  “nuova” avventura di scrivere a mano, ognuno con motivazioni e spinte diverse, ma la nostra maestra di calligrafia Monica Dengo ci ha fornito subito la chiave in cui credo tutti ci siamo immediatamente riconosciuti. Proprio perché la scrittura a mano non […]

continua a leggere
29 ottobre 2012

Questa è la mappa mentale che la mia amica Roberta Buzzacchino ha disegnato e mi ha regalato per illustrare il processo della scrittura nel secondo capitolo di Lavoro, dunque scrivo! Ne fanno parte, ovviamente, anche le mappe mentali, che uso da quando ho frequentato il suo primo Mappe Mentali Lab alcuni anni fa. Nel frattempo Roberta ne ha fatta di strada, applicando il metodo delle mappe come strumento di apprendimento e innovazione anche all’università. Questo lungo percorso lo racconta oggi […]

continua a leggere
28 giugno 2012

“I move things around until they look right.” Milton Glaser Quello che Milton Glaser dice del graphic design vale anche per la scrittura. Spesso basta un piccolo spostamento, anche una sola parola, per trovare la chiave.

continua a leggere
30 maggio 2012

Le mappe sono un ottimo strumento di stimolazione della creatività. Quando ci mettiamo a scrivere un articolo, una relazione, un racconto, specialmente se abbiamo pressioni temporali, ci può capitare di restare bloccati di fronte al foglio bianco: che cosa dire? Come cominciare? Dove andare a finire? Come fissare subito un’idea prima che ci sfugga di mente? Per vincere la sindrome del foglio bianco basta prendere un foglio di carta, o un software per mappe, e scrivere al centro il nostro […]

continua a leggere
15 maggio 2012

Di solito segnalo ma non riproduco per intero i post altrui e per la lettura rimando sempre alla fonte. Faccio un’eccezione per l’ultimo di Nuovo e utile, Scrittura, rilettura e cucina dei carciofi. Non aggiungo nemmeno una parola a quanto scritto in maniera così efficace da Annamaria Testa: Capita spesso che ragazze e ragazzi mi facciano vedere i loro scritti. Perfino a quelli che vogliono fare pubblicità chiedo di mostrarmi almeno un testo lungo: da un titolo pubblicitario, per quanto […]

continua a leggere
28 aprile 2012

La lettura di Imagine, How creativity works mi ha fatto bene. Abborderò al più presto gli altri due libri del trentunenne newyorkese: Proust era un neuroscienziato e Come decidiamo. Uno dei temi che mi hanno toccata più da vicino è quello della “distanza” dal testo da rivedere, dal problema da risolvere, dal vuoto da riempire. I due geniali autori di Made to stick l’avevano chiamato “la maledizione della conoscenza”, Lehrer lo chiama “outsider problem”. Riusciamo a vedere una soluzione solo quando […]

continua a leggere
24 aprile 2012

Il saggio, vittima dell’iPad: il titolo dell’articolo di Roberto Casati sull’ultima Domenica del Sole 24 Ore è un po’ iperbolico, ma l’autore è seriamente preoccupato per il destino dei saggi e della qualità della loro scrittura, perché così conclude. Il punto chiave del mio argomento è dunque che l’ecosistema è veramente nuovo: non si tratta di una semplice digitalizzazione di situazioni preesistenti. L’ebook comincia a far breccia e a sostituire il libro cartaceo perché esiste un nuovo contesto, in cui […]

continua a leggere
17 marzo 2012

Una passeggiata. Un regalo dedicato a ciascuno. Una raffinata operazione di distilleria. Grazie a Brain Pickings.   What is Curation? from Percolate on Vimeo.

continua a leggere
12 marzo 2012

Alla ricchissima pagina che Annamaria Testa dedica oggi sul suo NeU alle ragazze e ai ragazzi che cercano lavoro aggiungerei queste considerazioni di un altro grande della pubblicità, Giancarlo Livraghi: C’è un po’ di retorica nel pensare “solo” ai giovani, quando la situazione sta pesando su tutti. È diffusa, per esempio, la barbara stupidità per cui una persona di cinquant’anni, che in qualche pasticcio della “crisi” ha perso il lavoro, si sente dire che “è troppo vecchia” per poterne avere un […]

continua a leggere
12 marzo 2012

La prima pagina del Sole 24 Ore di ieri ci ricorda uno dei più tristi primati del nostro paese, l’analfabetismo funzionale, che coinvolge circa la metà degli italiani. Funzionale significa saper leggere “tecnicamente” ma non capire quello che si legge e soprattutto non saperlo usare per fare cose importanti per propria vita, come compilare correttamente un modulo che vada oltre i dati anagrafici. La convinzione che le capacità di esprimersi con la parola scritta, e quindi di organizzare i pensieri, […]

continua a leggere
11 marzo 2012

Per il titolo del suo libro Steal like an artist, Austin Kleon si ispira a una famosa frase di Picasso: I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano. Scrittore e artista lui stesso, Kleon stende il suo decalogo di consigli per i giovani creativi, convinto che si possa essere artisti in ogni campo. Molte pagine si possono sfogliare su Brain Pickings, dove Maria Popova ha dedicato al libro un gran bel post. I miei consigli preferiti: 3,5,10.

continua a leggere
4 marzo 2012

Fino a un lunedì sera di qualche anno fa non avevo idea di che straordinario docente fosse Roberto Vecchioni. Il 5 ottobre 2005 seguii una sua lezione magistrale all’Auditorium Parco della Musica di Roma, ne rimasi incantata e per non dimenticare quella magia ci scrissi subito un post. Sabato sera ho ritrovato quel professore competente e appassionato nei cinque minuti in cui ha riletto Caro amico ti scrivo di Lucio Dalla a Che tempo che fa: L’analisi del testo è una […]

continua a leggere
3 marzo 2012

Nelle mie lunghe ore in treno degli ultimi giorni mi sono letta tutto Stop stealing dreams (what is school for?) di Seth Godin. La mia copia su Kindle è piena di annotazioni e lunghe sottolineature, tra cui questa: Scrivere è un continuo parlare, ma in forma organizzata. È avere il coraggio di dare forma a un’idea. Quando parliamo possiamo aggirare le questioni importanti, contraddirci, essere imprecisi. Quando scriviamo, invece, non c’è modo per sgusciar via. Nel mondo interconnesso chi scrive in modo […]

continua a leggere
1 marzo 2012

Il poliedrico guru del marketing Seth Godin ha pubblicato un ebook (disponibile in tutti i formati possibili) dedicato alla scuola del futuro, anzi alla scuola come dovrebbe essere già oggi: Stop stealing dreams (what is school for?) 190 pagine, 132 brevi capitoli titolati, come è nello stile di Godin. Come al solito, molto ben titolati. Io non l’ho ancora letto, ma basta dare un’occhiata ai titoletti per incuriosirsi all’istante: Il costo dell’insuccesso è cambiato Le grandi aziende non creano più […]

continua a leggere