scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: brand
31 agosto 2009

L’ultima videocamera digitale tascabile era stata apprezzata per tutto, tranne che per il nome, il criptico Zi8. Così Kodak ha deciso di ribattezzare l’intera linea e ha pubblicato questo annuncio sulla stampa e sul blog ha chiesto contributi a tutti sul nuovo nome. Il brief: What would you call a video camera that is rugged, simple and ready for action and adventure? (Hint – we like the letter “Z”!) Il termine è scaduto da pochi giorni, quindi a breve dovremmo […]

continua a leggere
31 agosto 2009

… sarei un Helvetica. Almeno questo è il risultato del test che ho appena fatto: What font are you? Non è che il commento sia proprio il massimo: Sei un vero standard di mercato. Classica. Affidabile. Ok, anche un tantino noiosetta. Ma non permetti mai che i tuoi detrattori ti deprimano. In fondo, sei piena di amici che ti dicono sei la migliore. Il test e parecchie altre cose sfiziose sul sito dedicato all’unico font che è stato anche il […]

continua a leggere
4 agosto 2009

Uno dei piccoli accorgimenti per rendere il linguaggio delle organizzazioni più naturale e umano è di mettere sostantivo e aggettivo nell’ordine in cui di solito li mettiamo parlando: una formula originale, non un’originale formula; un libro interessante, non un interessante libro; un packaging innovativo, non un innovativo packaging, eccetera eccetera. Il bravissimo Gianluca Diegoli ha sintetizzato i luoghi del delitto in questo grafico sul suo post di oggi, La regola dell’aggettivo:

continua a leggere
29 luglio 2009

The Writer è una agenzia di Londra che si occupa di testi per le imprese e le amministrazioni. A tutti i livelli: editing, copywriting, branding, formazione. A fondarla è stato John Simmons, che ha diretto per molti anni la direzione Verbal Identity di Interbrand. Il concetto di “tono di voce” di un’organizzazione è loro/suo. Ho letto tutti i libri di Simmons negli ultimi anni e devo dire che è uno dei pochi scrittori professionali con cui mi sento sempre in […]

continua a leggere
17 febbraio 2009

Shiftcomm, la società di comunicazione che ha ideato il social media news release, ha pubblicato Brink, una guida al marketing e ai rapporti con i media aggiornata su Facebook e Twitter. 40 pagine belle dense di consigli e link a casi concreti.

continua a leggere
8 dicembre 2008

Anche quest’anno Future Brand ha puntualmente pubblicato il suo Country Brand Index, che misura e analizza il brand dei diversi paesi del mondo. Fondamentale per chi si occupa di turismo, di brand e di comunicazione, è una lettura interessantissima per tutti. Un album da scaricare gratuitamente, da sfogliare anche per la splendida impaginazione e per le soluzioni efficaci e originali di tabelle e grafici, tutte da copiare… ooops, cui ispirarsi. Il nostro paese, in virtù del suo patrimonio ereditato, è […]

continua a leggere
22 aprile 2008

Si parla tanto della necessità che le aziende trovino una loro inconfondibile voce sul web, in particolare nella “parte abitata della rete” , dove possono dialogare direttamente con i consumatori. Sul libro Internet P.R. di Marco Massarotto che ho appena finito di leggere ho trovato una bella definizione delle diverse voci aziendali. Cito testualmente: una istituzionale, corporate, quella dei comunicato stampa, dei bilanci, dei convegni. E’ una voce che tende a essere abbastanza simile per tutte le aziende, specialmente quelle […]

continua a leggere
7 aprile 2008

Sul New York Times del 2 aprile scorso è stato pubblicato un articolo molto interessante sul lettering usato in tutta la comunicazione di Barack Obama: To the Letter Born. La sua campagna, secondo Brian Collins, art director intervistato dal quotidiano, è un capolavoro di attenzione e accuratezza visiva. Proprio perché quella di Obama è la prima vera campagna transmediale – che corre sui cellulari, device mobili, siti web, email, social network, iPod, portatili, così come sui media più tradizionali – […]

continua a leggere
12 gennaio 2008

Mentre i siti e le brochure nostrane ancora pullulano di parole con l’iniziale maiuscola (Cliente, Prodotto, Servizio, Valori, Gennaio…) senza alcuna buona ragione per la loro “capitalizzazione”, il minuscolo viene sempre più visto come una delle chiavi per rendere testi e soprattutto marche più amichevoli e vicine. Esemplare è il caso di Xerox, la più famosa azienda di macchine fotocopiatrici al mondo. Talmente famosa che to xerox in inglese è ormai sinonimo di fotocopiare, come to google di fare ricerche […]

continua a leggere
15 novembre 2007

Solo qualche giorno fa, quando ho visto una pila di libri che faceva concorrenza alla mia modesta altezza, ho saputo che uno dei libri più venduti in Italia in questo periodo si intitola Il metodo antistronzi. Sfogliandolo mi è venuto da ridere perché a una prima occhiata il contenuto mi è sembrato più serio del titolo. Ma senza quel titolo, il libro probabilmente se ne starebbe rintanato nello scaffale Management e non troneggerebbe sulla colonna da centinaia di copie. La […]

continua a leggere
20 ottobre 2007

Seguo sempre con enorme interesse il ruolo delle parole scritte nel branding delle grandi aziende, soprattutto attraverso il blog Name Wire, la mia enciclopedia quotidiana sul naming. Le ultime novità riguardano Mercedes Benz, che il prossimo 1 novembre, dopo 18 anni, cambia la propria brand identity. La stella, che da sempre identifica la Mercedes, rimane l’elemento forte di continuità: il payoff diventa infatti The Star always shines from above, la stella splende sempre dall’alto. Un testo che si richiama direttamente […]

continua a leggere
16 luglio 2007

Siamo ormai abituati all’onnipresenza dell’inglese, soprattutto nel settore delle tecnologie. Invece uno dei maggiori produttori di computer d’oltreoceano, Dell, ha scelto l’italiano per battezzare la sua nuova linea di pc portatili. Si chiama Vostro. Così spiega la scelta Namewire, bellissimo blog sul naming: come molte parole italiane, suona energico e di qualità in italiano, sai sempre qual è la pronuncia giusta il significato si lega con grazia alla attuale tendenza verso i pronomi possessivi, come MySpace and YouTube è in perfetta sintonia con […]

continua a leggere
28 aprile 2007

Non mi meraviglia che Mandarina Duck abbia scelto lo strumento del blog per raccontare le sue storie. Da almeno due anni l’azienda bolognese introduce il suo company profile sul sito con due piccoli ma efficaci esempi di storytelling: la storia di un’amicizia e la storia dell’anatra mandarina. E’ il 1977. Due amici di lunga data, già soci da anni, entrano nel mondo della pelletteria ispirandosi ad un’anatra orientale dal piumaggio colorato, simbolo di felicità e fedeltà: nasce così Mandarina Duck. […]

continua a leggere
18 aprile 2007

Non so se sia vero che la metà degli italiani ha poesie, manoscritti, sogni di gloria letteraria nel cassetto. Certo è che questi piccoli segreti devono averli davvero in parecchi. Il concorso letterario esce infatti dai siti specialistici, dal mondo di giornali e riviste e diventa un vero strumento di marketing, anche per aziende che con le parole non c’entrano niente (ma è pur vero che le parole c’entrano con tutto). Unica condizione: testi minimali, brevi, brevissimi, quindi (per me, almeno) […]

continua a leggere
21 febbraio 2007

Il brand dei luoghi e dei paesi è un tema che mi ha sempre presa molto, tanto che ne ho scritto qualche volta anche in questo blog. Aspettavo quindi con parecchia curiosità l’annunciato nuovo logo dell’Italia, realizzato dal colosso del branding Landor. Ora finalmente c’è e ho voluto vedere subito che effetto mi facesse, al di là delle mille spiegazioni e interpretazioni che seguiranno. Difficile e delicato giudicare un logo così, su due piedi. Perché c’è una prima impressione, ma […]

continua a leggere
20 febbraio 2007

Dieci o quindici anni fa, potevi ancora affermare il tuo brand puntando sulla parola “soluzione”. Allora, “soluzione” era un modo fresco e inedito per rivolgersi direttamente alle esigenze del cliente. Nel 2000, il termine cominciava a usurarsi. Oggi è morto, deprivato di ogni capacità di rappresentare e differenziare minimamente un brand. Inizia così un articolo di Mike Stefaniak, appena pubblicato su BtoB Magazine, dedicato alla comunicazione delle aziende business-to-business. Così, mentre andiamo velocemente verso l’economia delle soluzioni, anche questa parola […]

continua a leggere
9 novembre 2006

In questi giorni sto studiando e riflettendo sul tema della scrittura in rapporto al brand. Considero “brand” un termine per niente semplice e mi sto impegnando a capire come spiegarlo in un contesto molto divulgativo, al di fuori del mondo della comunicazione. Un esercizio che trovo sempre utilissimo: come lo spiegheresti a un bambino di 5 anni? e a tua nonna (le nonne di una volta ovviamente, non quelle internettiane di oggi)? In genere mi aiuta a sbrogliare matasse, a […]

continua a leggere
7 novembre 2006

Il titolo di questo post è il sottotitolo del libro Ci mettiamo la faccia tutti i giorni! (Apogeo, 10 euro), che racconta in parole e immagini la storia vera di un’azienda e delle persone che ci lavorano. E’ Tele Sistemi Ferroviari, un’azienda che conosco bene, fin dalle sue origini, più di dieci anni fa. E’ per questo che scrivo “vera”. Non saprei definire questo libro, che si sfoglia come un libro, ma si legge e si guarda come un sito […]

continua a leggere
24 ottobre 2006

Venerdì scorso è stato reso pubblico il nuovo brand turistico di Seattle, costato 16 mesi di lavoro e 200.000 dollari (altri 300.000 verranno spesi nei prossimi mesi in operazioni di marketing). Una sola parola, che ha deluso moltissimo le aspettative, stando alle polemiche che si sono scatenate sui blog: metronatural. “Un aeroporto dove acquistare banane biologiche.” “Un campo nudisti in piena città.” “Metro che? Metrosexual?” sono solo alcuni dei commenti. L’idea alla base di metronatural, cioè che Seattle offra il meglio […]

continua a leggere
25 settembre 2006

Valle d’Aosta E’ bella sempre. Piemonte ll Piemonte scopritelo adesso. Lombardia Lombardia: attrazione fatale. Trentino Sopra le aspettative. Alto Adige Alto Adige… tante vacanze in una. Veneto Tra la terra e il cielo. Friuli Venezia Giulia Ospiti di gente unica. Liguria Liguria terradamare. Umbria Il cuore verde dell’Italia. Lazio Duemila anni di vacanze. Marche L’Italia in una regione. Abruzzo Tutta la tua natura. Molise Cuore verde dell’Italia. Campania Una terra alla luce del sole. Basilicata Qualità e natura. Sardegna Quasi […]

continua a leggere