scegli cosa leggere tra oltre 1.600 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Banksy Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger design thinking diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds genere femminile George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giò Ponti Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese innovazione intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti Monica Dengo mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi visual design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Categoria: brand
23 Settembre 2013

All’inizio ad attirarmi nella lettura dell’articolo di Neil Taylor, direttore creativo di The Writer, è stata un’espressione che non conoscevo, ma dall’onomatopea stuzzicante: nooks and crannies. Sono le parti nascoste, gli angolini in cui si annida la polvere. Il tema dell’articolo pubblicato su Brand Republic – Non contate sulla prevedibilità nel linguaggio del vostro brand – spiega che questi polverosi angolini sono tutti i piccoli testi di servizio cui anche i brand dalle pubblicità più sfavillanti non prestano la dovuta […]

continua a leggere
3 Giugno 2013

Di solito non leggo i paginoni pubblicitari tutto testo sui quotidiani. Invece qualche giorno fa la paginona fitta di Conad mi ha attirata fin dal titolo e di frase in frase sono arrivata alla fine senza nemmeno accorgermene. Così l’ho messa da parte per rileggerla meglio e capire perché funzionava così bene. Almeno per me. Ecco il testo. Comprendere viene prima di vendere. Comprendere deriva da cum-prehendere, cioè includere, abbracciare con la mente le idee, entrare in sintonia con le […]

continua a leggere
19 Febbraio 2012

Wollf Olins è una delle maggiori agenzie di brand consulting a livello mondiale. Nell’ebook Game Changers che hanno appena pubblicato presentano una rassegna di brand che stanno cambiando le regole del gioco. Li hanno suddivisi secondo cinque comportamenti chiave: determinazione, utilità, voglia di sperimentare, senza frontiere, creazione di valore. Potete guardare le schede di ogni brand, con il suggerimento finale per “fare come loro”, oppure leggere il saggio discorsivo che i consulenti di WO hanno scritto per ogni capitolo, o […]

continua a leggere
15 Febbraio 2012

Da un paio di giorni sto leggendo Brandwashed, di Martin Lindstrom. In Italia lo ha appena pubblicato Hoepli, con il titolo Le bugie del marketing. Come le aziende orientano i nostri consumi. Lindstrom è un guru del marketing danese, cresciuto a Lego e Bang & Olufsen, che ora opera in tutto il mondo come consulente per i più diversi brand, dai profumi alle case reali. Il  libro è appassionante, soprattutto per una come me, che ingenuamente (capisco ora) si ritiene immune […]

continua a leggere
3 Febbraio 2012

L’agenzia londinese di language and brand consulting The Writer ha messo online la sua House Style Guide. Ok, è in inglese, ma è un ottimo esempio sul quale strutturare la propria. La guida di stile può suonare come una cosa antiquata, ma in tempi di content marketing è attualissima. Potete anche chiamarla in altro modo e rivestirla con un titolo meno ottocentesco, ma la sostanza non cambia. Quando si afferma che oggi qualsiasi organizzazione per stare sul mercato deve “pensare […]

continua a leggere
2 Febbraio 2012

Decisamente Ikea sa cogliere l’attimo.

continua a leggere
13 Dicembre 2011

Nel 2007, quando lavoravo a Il mestiere di scrivere, le parole al lavoro tra carta e web, mi imbattei in un librone affascinante. Le parole dell’incanto di Ferdinando Dogana, in quasi 500 pagine,  esplora le capacità “spettacolari” della parola e soprattutto “la capacità di far percepire le meraviglie insite nel flusso sonoro, di farsi assaporare nella sua materialità e nel suo potere di allettamento sensoriale”. Detto più semplicemente, cosa sono capaci di evocare in noi i suoni delle parole. Tutto […]

continua a leggere
12 Agosto 2011

“It’s the joy of what happens with color and form and information.” “Words have meaning and type has spirit, and the combination is spectacular.” Paula Scher  

continua a leggere
4 Luglio 2011

A proposito di documenti aziendali in cui i legali mettono molto il naso, David Meermann Scott in uno dei suoi ultimi post su Web Ink Now si occupa delle policy per l’uso dei social media da parte dei dipendenti e segnala le cinque limpide pagine delle policy del corriere internazionale TNT Traco. Già il titolo parla dello spirito del documento: How to make your voices heard and display the TNT’s can-do attitude online. E così ho anche notato la tagline […]

continua a leggere
14 Giugno 2011

Se con la rete siamo diventati – come si dice – tutti editor ed editori, è enormemente cresciuta anche la necessità di battezzare i nostri prodotti con nomi che li raccontino e li distinguano: siti, blog, newsletter, eventi, ebook, applicazioni. Eppure sul naming sappiamo molto poco e poche sono le risorse italiane dedicate a questo tema. Oggi ce n’è una in più: ALCE, naming blog di Alberto Cellotto. Sottotitolo: Naming di prodotto, brand, notizie, persone e di tutto quello che fugge l’anonimato. Vi […]

continua a leggere
1 Giugno 2011

Quale sta bene nel tuo portafoglio? Qual è il tuo tipo? chiede FRANK, il nuovo brand dedicato ai giovani di OCBC, il maggior gruppo bancario di Singapore. E si vede quanto stia cambiando la comunicazione online delle banche, che il nostro Che Banca! in confronto quasi quasi sembra antiquato. La domanda si riferisce alle carte di debito e ai giovani potenziali clienti se ne propongono ben 100 diverse (100 nel look e nel nome, ovviamente, non nella sostanza). FRANK sta […]

continua a leggere
11 Maggio 2011

Le vision vanno benissimo se si tolgono l’etichetta di “vision”, ma vanno ancora meglio se, fedeli al loro nome, fanno vedere invece che annunciare. Ci si riesce molto meglio se invece di supremi valori e obiettivi inarrivabili si fanno vedere cose della vita, piccole cose che stanno per cose e valori più grandi. Il team di Duarte design vuole cambiare il mondo, ma per portarci fin lì parte dalle lavagne e dagli sformatini vegani, passando per una storia. Lo fa […]

continua a leggere
2 Maggio 2011

Deutsche Bank, familiare anche nelle nostre città, ha appena completato il suo lavoro di rebranding. La celebre fascia diagonale blu ha perso il nome ed è rimasta sola, come è successo di recente anche alla sirena di Starbucks. In compenso la banca ha un nuovo payoff, Passion to perform, che stempera la freddezza bancaria con il calore della passione. Per celebrare l’evento, nel quartier generale di Francoforte è stato allestito un grandioso Brand Space. Il solo logo cinetico pesa due […]

continua a leggere
4 Aprile 2011

Alberto Cellotto, poeta ed esperto di naming, mi segnala stamattina il sito-blog di Linda Liguori. Condivido volentieri, perché le risorse cartacee e online dedicate al naming, anche a livello internazionale, sono pochissime e ce le dobbiamo tenere care. Questa è veramente ottima, con post non frequentissimi ma densi e interessanti, soprattutto su aziende e prodotti di casa nostra. Anche Alberto ha aperto un blog, Libro breve, “Notizie di libri piccoli nel formato e nella grammatura, per lettori dalla palpebra pesante”.

continua a leggere
21 Marzo 2011

Mentre l’Italia taglia i fondi alla cultura e ha un sito turistico scandaloso, gli altri paesi si danno da fare, anche quelli piccolissimi. È il caso del Bhutan, minuscolo stato himalayano stretto tra l’India e la Cina, che qualche giorno fa ha presentato il suo nuovo logo: Frutto di sei mesi di lavoro, mostra un papavero azzurro, simbolo del paese, e un  payoff semplice e bellissimo: happiness is a place. Il Bhutan, oltre al Prodotto Interno Lordo, fin dagli anni […]

continua a leggere
2 Febbraio 2011

Vi ricordate quando, più o meno un anno fa, eravamo tutti in attesa del nome che Apple avrebbe dato al suo tablet? I blog di brand e tecnologia erano pieni di anticipazioni e scommesse. Poi è arrivato l’iPad, semplice semplice, solo quattro lettere, fratello di iPod e iPhone. Compito più difficile devono aver avuto i produttori dei tablet a seguire: quello di Toshiba si chiama Tegra, quello di Dell Streak, quello di Blackberry Playbook, quello di Panasonic Viera, quello di […]

continua a leggere
28 Gennaio 2011

L’Economist fa appello ai lettori per trovare un nome a un nuovo blog sul sito del settimanale. Ecco il breve e limpido brief: Help us name our new defence blog Readers are invited to suggest a name for our new blog on defence, security and diplomacy, which will be launched in the next few weeks. It will cover weapons and warfare, spooks and cyber-attacks. Ideally, its name should accord with our style and 19th-century origins—and, preferably, not begin with a […]

continua a leggere
13 Gennaio 2011

“Se hai più soldi che cervello, punta al marketing tradizionale. Se hai più cervello che soldi, punta al marketing sui social media”. Questa frase del guru del marketing Kawasaki appare mentre aspetti i risultati della valutazione del tuo sito su Hubspot. Ma appare giusto il tempo della lettura, perché poi seguono altri spunti di marketing-meditazione. Vale davvero la pena di andare sulla pagina dei Grader di Hubspot. Non solo per valutare la propria presenza online (siti, blog, facebook, twitter…), ma […]

continua a leggere
2 Gennaio 2011

Se come me siete appassionati di naming, cioè della disciplina per trovare il nome giusto ad aziende e prodotti, vi consiglio il blog di Lexicon, l’azienda che ha battezzato il panno Swiffer, il Febreze, il PowerBook, il Blackberry, il Pentium e tanti altri prodotti che usiamo tutti i giorni. Aperto solo a ottobre, non contiene tantissimi post, ma tutti di alta qualità. Ci sono arrivata attraverso l’articolo di dicembre della rubrica che Dan e Chip Heath, autori di Made to […]

continua a leggere
24 Settembre 2010

La risposta all’antico dilemma è sempre “dipende”. Quelli di Brandchannel sono convinti che la ripetizione funziona, almeno per quanto riguarda le notizie (e ne sfornano molte decine alla settimana). Le pagine sono sempre identiche: dieci titoli, cortissimi, il nome del brand in grassetto, una parola chiave che linka all’approfondimento, quasi sempre un verbo. Funziona, sono d’accordo con loro. Lo schema è sempre lo stesso, non devi far altro che scorrere i grassetti per vedere se c’è qualcosa che ti interessa: […]

continua a leggere