scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Banksy Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds genere femminile George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giò Ponti Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti Monica Dengo mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

15 Aprile 2020

Messaggio uguale ma non identico

Che Il Post, il giornale online fondato e diretto da Luca Sofri, stia facendo uno splendido lavoro in questo momento di emergenza lo hanno scritto in tanti. Se vuoi essere sicura di trovare opinioni ragionate, fatti documentati e controllati, spiegazioni chiare di temi complicatissimi, titolazioni sobrie e precise ma originali, vai lì. Il bello è che non sono mai seriosi, anzi la newsletter che arriva nel tardo pomeriggio mantiene il tono un po’ monello di sempre. Se a inizio anno mi sono abbonata è stato principalmente perché quella newsletter mi mancava terribilmente.

Il Post è scritto bene, curato e accurato, molto molto di più di tante case editrici blasonate, nei cui libri trovi un sacco di refusi, mentre nel Post non ne trovi nessuno.

Il Post lo puoi leggere anche gratis, ma se ti abboni lo sostieni, lo leggi senza pubblicità e ricevi le newsletter, che sono utili e ti fanno compagnia, come Le Canzoni. Convincere i lettori ad abbonarsi quindi non è facilissimo, ma stando ai dati ci stanno riuscendo alla grande. Senza paywall, ma con una campagna che ho trovato così garbata e intelligente che da un paio di mesi ne colleziono gelosamente gli annunci. Annunci fatti solo di parole.

Quello che mi ha colpito subito è che la campagna sembra applicare alla lettera quello che Steven Pinker, famoso psicologo del linguaggio docente ad Harvard, raccomanda nel suo libro The Sense of Style. Alla domanda che assilla tutti noi comunicatori “Ma funziona martellare ripetendo sempre lo stesso messaggio?” Pinker risponde così: sì funziona, ma funziona al meglio se quel messaggio è formulato ogni volta in modo diverso, con molte variazioni e poche parole chiave che tornano, ma in un contesto sempre diverso.

La nostra mente tende a saltare frasi o parti di testo che riconosce per averle già lette. È uno dei motivi per i quali dovremmo fare sempre a meno delle frasi fatte: sono uno stantìo deja vu. Diverso quando riconosciamo il messaggio, ma in una confezione inedita. Allora la ripetizione si trasforma in eco, in risuonare: diventa piacevole e la mente che legge si incuriosisce.

Da quando ho messo a fuoco la cosa, la applico anche al copywriting per i siti. Ogni pagina è autonoma e risponde a un preciso intento di ricerca, ma ci sono idee e concetti che devono “attraversare” tutto il sito, risuonando in modo familiare, ma sempre diverso. Tra me e me li chiamo appunto “gli echi” e prima di cominciare un lavoro di copywriting ne faccio un elenco per non perderli mai di vista.

Ma torniamo al Post. L’invito ad abbonarsi è in fondo a ogni articolo, su un fondino che lo fa risaltare. Ma risalta soprattutto perché alla fine della pagina inevitabilmente ci si ferma, anche con l’attenzione, soprattutto alla fine delle scrollate velocissime sullo schermo touch dello smartphone. E lì i redattori del Post ci aspettano al varco mettendo in atto le più antiche e consumate strategie retoriche, degne di Cicerone e Quintiliano.

Ci attirano con titoli che incuriosiscono all’istante e ci trascinano a leggere oltre. Qui mettono all’opera una bella antitesi: loro e noi, peggio e meglio.Pur con molta classe, ci fanno sentire dei veri mangiatori a sbafo:Un po’ di understatement, o di sprezzatura come direbbero gli esperti di retorica:Un piccolo climax (ti interessa, ti affezioni) funziona sempre:E così la forza persuasiva di un’anafora (magari, magari):Anticipano le obiezioni:Ti mettono davanti a uno specchio, e ti mostrano quello che non vuoi ammettere e vedere:Ma poi ti blandiscono con i colori del tramonto:O con la prospettiva di sentirti migliore:Ti mettono con le spalle al muro con una domanda a risposta obbligata:Non puoi sottrarti a cotanto appello alla tua personale responsabilità:E alla fine fanno i conti:In Hooked l’autore Nir Eyal, guru della psicologia del consumo, scrive che “la varietà crea un’esperienza imprevedibile e perciò allettante per l’utente”. Il libro descrive il modello-gancio per creare (buone) abitudini nell’utente e uno dei passaggi chiave è la “ricompensa variabile”, cioè il fatto di trovare sempre qualcosa di diverso dopo aver compiuto un’azione in un ambiente digitale. Gli annunci del Post mi sono apparsi una ricompensa variabile anticipata: la varietà prima di compiere un’azione. Evidentemente funziona anche questa. Con un messaggio uguale, ma non  identico.

Io ho contato 12 annunci diversi e spesso faccio il logout e mi sorbisco le pubblicità solo per vedere se ci sono annunci nuovi. Se fai il login da abbonata, infatti, niente annunci. Sei dei nostri, Luisa.

13 risposte a “Messaggio uguale ma non identico”

  1. Che bello vedere un giornale online che sta così attento a quello che scrive! Pur conoscendolo, non lo avevo mai letto. Mi abbono subito, grazie.

  2. Come da mia consolidata abitudine, cara Luisa, ho letto un paio di volte il tuo post. La prima, vorace ed esploratrice, e la seconda, attenta e riflessiva.
    Ogni volta mi lascio condurre dalle tue parole, certa che mi regaleranno emozioni lungo il tragitto. Sei la certificazione di qualità internettiana, in questa rete così zeppa di cose belle e meno belle.

    Ti ringrazio per avermi presentato il Post, di cui ignoravo l’esistenza. Ma soprattutto ti ringrazio per ogni singola tappa in cui ci guidi attraverso le parole, selezionate con cura, diligenza, amore, attenzione, generosità. Mi ricordi che la forma conta al pari della sostanza.

    Ora più che mai abbiamo bisogno di viaggiare, e farlo anche solo con la mente, attraverso i tuoi post, è un gran bel viaggiare.
    Buona lettura a tutti!
    Marinella Simioli

  3. Mi chiedo come li scelgano, cioè in fondo a quale tipo di articolo va un determinato messaggio promozionale, o magari appaiono in modo casuale.

  4. Mi hanno fatto sentire talmente tanto in colpa che alla fine mi sono abbonata e ora li leggo con il piacere e la tranquillità di chi ha la coscienza a posto 🙂
    W il POST!

  5. Grazie Luisa per il lavoro enorme di disseminazione di buone pratiche di scrittura che sta facendo.
    Grazie per la sua competenza, la chiarezza cristallina della sua scrittura, sempre leggera e profonda, ma soprattutto per la generosità con cui condivide.
    Io la seguo ormai da più di 10 anni, dai tempi penso della nascita di Mestiere di scrivere e ora nel suo prezioso blog.
    E consiglio a tutte le persone che vogliono migliorare la propria scrittura di seguirla
    Davvero Grazie!

  6. Mi sono iscritta alla newsletter del post pochi giorni fa, proprio per la professionalità che avevo respirato in tutti i loro articoli in cui mi ero imbattuta casualmente in quest’epoca di informazione apocalittica.
    Sono tra le pochissime newsletter che conservo anche dopo averle lette (assieme alle tue). Avevo già pensato di farlo, ma adesso non rimando piú: mi abbono 🙂

  7. Come sempre consigli illuminanti. Leggo il post a intermittenza ma oggi mi hai motivata all’iscrizione!
    Grazie Luisa
    La mai “prof.” Preferita!

  8. Anche io, da fedele lettrice “a sbafo” 🙂 mi sono abbonata da poco. E devo dire che gli inviti a fondo pagina hanno fatto la loro parte. Il resto lo ha fatto l’accuratezza, lo stile, l’equilibrata ironia, la chiarezza che contraddistinguono ogni articolo. Una volta La Stampa era cosi….una volta. Bando alla tristezza, i tempi cambiano e pure i giornali, quindi: cambiamo giornale 🙂
    per il resto complimenti anche a lei. Ho acquistato parecchi dei suoi libri e li ho suggeriti a tanti amici e colleghi.
    Buonissimo lavoro 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *