scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

25 maggio 2017

Come ho scritto i miei libri? Già, come?

Sono stata arcicontenta di rispondere alle domande di Marzia Tomasin su come sono nati i miei libri e come li ho scritti.
Primo, perché non me lo ha mai chiesto nessuno e invece è una componente fondamentale della mia professione.
Secondo, perché è stata una chiacchierata vera e anche un po’ lunghetta, non l’elenco di domande cui rispondi per email.
Terzo, perché ho scoperto il suo splendido sito Per Iscritto, fatto di interviste lunghe e accuratissime a scrittori e professionisti della comunicazione che hanno scritto un libro. Ce ne sono tanti e interessantissimi e mi sono fatta già la lista di quelli che voglio ascoltare (praticamente tutti).
Già, perché il bello è anche la molteplicità dei formati che Marzia ci propone: una sua ricca introduzione, il podcast da scaricare e da ascoltare, il video da vedere.
Io come al solito straparlo, mi muovo e gesticolo troppo, ogni tanto volgo gli occhi al cielo come una santa del Perugino. Ma sono io, prendetemi così.
Eccomi qua.

4 risposte a “Come ho scritto i miei libri? Già, come?”

  1. Buonasera Luisa, guarderò la video intervista con calma nel fine settimana quando le tensioni lavorative si attenuano, i nipoti se li godono i genitori, il cane ruzza con gli amici suoi e c’è una sorta di armistizio socio-familiare.
    Però devo dirti subito una cosa. Da anni, per passione o deformazione professionale, vado schedando (meglio, schedulando) speaker di ogni tipo: formatori, comunicatori, docenti, politici, scienziati, conduttori, divulgatori… Un giorno forse tutto questo diventerà un saggio, un manuale, un romanzo della comunicazione; o le tre cose insieme.
    Anche tu sei stata inventariata. Però è terribile ‘sto verbo burocratico; diciamo che ti ho analizzato perché speaker interessante, ricca di contenuti e fonte di ispirazione.
    Faccio un’eccezione al riserbo totale sui singoli casi, perché troppo sollecitato dalla tua autoanalisi e contando sulla tua autoironia: “ogni tanto volto gli occhi al cielo come una santa del Perugino”.
    No Luisa, secondo me, il riferimento iconografico più pertinente non è Pietro Vannucci, bensì un pittore seicentesco. Infatti a suo tempo avevo annotato: “mimica facciale controllata, con periodici lampi di estasi mistica: volge lo sguardo verso l’alto come una Madonna di Carlo Dolci”.
    Dopo quello che hai scritto, potevo non dirtelo? Un abbraccio!

  2. Cara Luisa,
    ho ascoltato con molto piacere l’intervista, frizzante e utile. Con così tanto piacere che ho subito avuto voglia di ascoltare ancora la tua voce. Quale occasione migliore del bis della Lesson che hai tenuto a Ferrara nel 2012?
    Ascoltarti mi rimanda a una ovvietà, e cioè che la parola è anche parlata. Nello scritto si lavora di cesello, e si ha il tempo di ripescare imprecisioni e trasformarle in chiarezza. Nella comunicazione orale ci si lancia senza rete, e correggersi non è sempre facile. Tu riesci magistralmente in entrambi i casi.
    Per tornare a quanto hai detto sui post del tuo blog, ti dico che una delle cose che apprezzo di più è proprio l’effetto sorpresa, il non sapere mai quando ne scriverai uno. Di contro ho una certezza assoluta, quella di sapere che se ti sei seduta alla tastiera è perché hai qualcosa di significativo da condividere. Grazie per la tua onestà intellettuale.
    Ora non ci resta che aspettare il tuo prossimo libro (o libri?)
    Marinella Simioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *