scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

22 marzo 2017

Verso il verbal design

Le leggi della semplicità, di John Maeda

The best copy is the copy you steal from how your users actually talk and write about your product.

A volte leggi delle frasi semplicissime, che dicono cose che pensi e sai, ma non avresti saputo dire così bene. Una è quella che apre questo post, ispirato da un lungo giro di letture, in gran parte su www.fastcodesign.com. Il punto di partenza è stato il Design in Tech Report 2017, coordinato da John Maeda. 48 pagine limpide ed essenziali sulle tendenze del design tra tecnologia, business, economia e arte.

John Maeda lo seguo da anni, da quando scoprii e divorai il suo libro più famoso, Le leggi della semplicità, nella piccola ed elegante edizione di Bruno Mondadori. Mi piacque tanto, ma soprattutto mi aiutò a capire i concetti di base del design efficace, anche il design del testo. Quelle pagine erano la dimostrazione che anche i concetti complessi si potevano esprimere in modo semplice e con le sole parole necessarie. Quelle giuste, né una di più né una di meno.

Maeda predica e razzola ugualmente bene. La sua tinyletter arriva ogni due o tre mesi: la prima del 2017 ha solo 2017 parole e solo due link: quello “speciale” a un contenuto di particolare valore, e quello per cancellarsi dalla mailing list. Stop.

Tra le tre sole “cose che sto pensando sul design” questa, che ho ritrovato anche nel Report:

Voice-based and chat-based interfaces are grounded in mental models that don’t require a visual representation.

Lì per lì non ci avevo fatto troppo caso, ma sfogliando il report ho capito. È  stato a pagina 27, dove mi aspettava la sorpresa sotto il titolo More than design. Code is not the only unicorn skill. E qual è l’altra? La scrittura, il vero punto debole dei designer che invece ne hanno grande e urgentissimo bisogno. Nella nostra interazione con app, prodotti e luoghi fisici e digitali puoi togliere (quasi) tutto, ma non le parole. Language design di Yvonne Bindi, cui ho dedicato il post precedente, offre tantissimi esempi dei danni e del disorientamento che può provocare una sola parola sbagliata, fuoriposto e truffaldina.

Con chatbot e assistenti vocali, comunicheremo con i brand soprattutto, se non solo, con le parole e nei momenti cruciali della relazione: quando poniamo domande, vogliamo sciogliere un dubbio, saperne di più, lamentarci, scegliere, confrontare e infine comprare. Parole che ci aspettiamo siano utili, oneste, precise, ma anche naturali e plausibili e in più in sintonia con tutte le altre parole del brand. Quelle del sito, dei social, delle DEM, delle app, delle condizioni di servizio (sì, pure quelle, con buona pace degli uffici legali). Un vero verbal design, finalmente alla pari con il visual design.

Brand non solo con un carattere, ma con una voce inconfondibile, riconoscibile, proprio come quella di una persona. E chi è che da sempre disegna, dà voce, scava dentro e fa muovere i personaggi, crea situazioni, risolve conflitti, se non chi scrive?

E visto che la scrittura sta per riprendersi la scena, un bel ripasso delle dieci leggi della semplicità ci sta proprio bene:

  1. RIDUCI
    Il modo più semplice per conseguire la semplicità è attraverso una riduzione ragionata.
  2. ORGANIZZA
    L’organizzazione fa sì che un sistema composto da molti elementi appaia costituito da pochi.
  3. TEMPO
    I risparmi di tempo somigliano alla semplicità.
  4. IMPARA
    La conoscenza rende tutto più semplice.
  5. DIFFERENZE
    La semplicità e la complessità sono necessarie l’una all’altra.
  6. CONTESTO
    Ciò che sta alla periferia della semplicità non è assolutamente periferico.
  7. EMOZIONE
    Meglio emozioni in più piuttosto che in meno.
  8. FIDUCIA
    Noi crediamo nella semplicità.
  9. FALLIMENTO
    Ci sono cose che non è possibile semplificare.
  10. L’UNICA
    Semplicità significa sottrarre l’ovvio e aggiungere il significativo.

Per finire, due cose utilissime che ho scovato nel mio giro intorno a design e scrittura:

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *