scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email facebook Federico Badaloni fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini grammatica guerrilla marketing Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

25 agosto 2016

Nuovi appunti digitalanalogici

Questa estate ho affrontato un problema ormai ineludibile, il “taggamento” degli oltre 2000 post di questo blog. Sono quasi a metà, ma questo lavorone che avevo tanto temuto mi sta dando talmente tanti spunti di riflessione che gli dedicherò presto un post. E non sarà breve.

Intanto, però, questo continuo domandarsi “cosa significa?”, “cosa volevo dire?”, “ma è proprio questa la cosa più importante?”, questo lenzuolone di parole che si connettono tra loro e nella mia mente, questo dover scegliere e discriminare tra le parole, mi spingono ad andare di più verso la capacità di sfaccettatura, di smontabilità e ricombinabilità del testo digitale. Più profondamente nella sua natura. Cose dai contorni confusi, ma vedo una strada.

Per ora mi accontento di usufruirne da lettrice più che da autrice. E sto leggendo tanto in questi giorni tranquilli, di serena intercapedine tra la disconnessione vacanziera e il turbinio che ricomincerà già lunedì.

Tranquilla sì, ma l’urgenza di trasferire nuove letture, spunti e pensieri sulle slide degli impegni formativi di settembre è sempre lì a farsi sentire. Per questo condivido volentieri una piccola scoperta e un metodo nuovo per fare mio rapidamente il succo delle letture e trasformarlo in qualcosa di utile per me e per gli altri.

Il mio nuovo Paperwhite al posto del vecchissimo Kindle mi fa inviare per email tutte le evidenziazioni che faccio sul libro. Entusiasta della scoperta, ho riflettuto bene su cosa evidenziare e ho letto con maggiore consapevolezza. Quando ho ricevuto il pacchettino in forma di file pdf, l’ho stampato all’istante. Ho riletto con calma quello che mi aveva colpito e volevo conservare.

Come sempre, rileggere accendeva scintille e connessioni. Ho preso le penne colorate e ho appuntato sulla carta tutto quello che ancora mi veniva in mente. Alla fine avevo sotto gli occhi una mappa ordinata dei brani più interessanti, intrecciati con i miei pensieri. Ancora una volta, quando si studia, digitale e analogico si danno la mano.

PS Tutti i post sono già revisionati, controllati nei link e taggati fino a tutto il 2010. Quindi, se volete esplorare le connessioni, accomodatevi pure.
Magari cominciando da quelli qui sotto.

5 risposte a “Nuovi appunti digitalanalogici”

  1. Ciao Luisa, piacere di “rileggerti”, io mi sono mandato una prima mail da paperwhite con alcune note (grazie per questo suggerimento) ma dove posso poi scaricarmi il PDF, non riesco a trovarlo 🙁 Grazie

  2. L’esercizio delle connessioni è un’attività intrigante oltre che utile e risolutiva. Grazie per aver svelato questo strumento che non conoscevo: forse è arrivato il momento di comprarmi un e-reader… e di coltivare la mia passione per le mappe mentali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *