scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

27 agosto 2015

Il mio prana scribacchino

Giacomo Balla, Automobile in corsa, 1925

Vivo giorni strani, una specie di intercapedine, di limbo, tra il non far niente vacanziero e gli impegni serrati che mi aspettano a settembre. Ho deciso di concedermi il lusso di fare quello che mi va, che sia lavoro, letture, riflessioni o altro.

In questo ritmo pacato sto stranamente riuscendo a combinare più di qualcosa, ma soprattutto sto osservando il mio rapporto con i tempi di lavoro. Non per ricavarne la solita lista di buoni propositi – per carità! che quella non fa altro che aumentare la mia ansia – piuttosto per provare o prolungare il gusto di lasciarmi andare.

E così, mentre gironzolo in rete, incontro un podcast (poi di questa storia dei podcast nei siti di scrittura ne riparliamo) di Copyblogger dedicato proprio ai tempi e alla produttività. Finalmente qualcuno contro la famosa tecnica del pomodoro! Quella che ti chiede di settare il timer della cucina per 25 minuti, cominciare a scrivere e prenderti una breve pausa solo quando questo suona. La mia mente non assomiglia a una pentola dove l’acqua deve bollire e basta accendere il fuoco e comincia a scaldarsi. Io sono una da attesa, da cincischio, da prima caffè e tisana, da prima giretto in rete, da prima post mattutino come questo. Non vuol dire che non sappia scrivere come un soldatino, ma che non è la mia dimensione, non ne ricavo piacere.

Per me, la scrittura è anche un fatto di energia che si deve mettere in moto: lo chiamo il prana scribacchino. Ha bisogno di respiro, di stretching, di allungamento, di nutrimento, ma quando si mette in circolo comincia a correre e mi pone in quello stato di flow da cui derivano sia la produttività alta sia la gioia di lavorare. Non potrei sopportare di essere “svegliata” dal driiiin del pomodoro e riposare a comando. Proprio io, una precisissima che non porta orologi.

Su questo blog leggi anche:

L’arte della corsa
Questione di ritmi
Scrivere in affollata solitudine
Non insistere, cambia strada e soprattutto corri
C’è un tempo per ogni testo
A tappe, o tutto d’un fiato

Categorie:

0 risposte a “Il mio prana scribacchino”

  1. Cara Luisa, che peccato non poterti mandare la foto dei pomodori, che ho rigorosamente tagliato a metà per seccarli, proprio tra due righe di scrittura e due righe di lettura…come faccio sempre! Non sempre pomodori ovviamente!
    Nicoletta

  2. Ciao, Luisa
    Trovo da quando conosco il tuo blog molte sintonie con te.

    Anche quando lavoravo per l’azienda di formazione ed ero responsabile di mezza Italia i miei tempi non erano serrati nonostante la mole di lavoro.

    Il mio tempo deve fare i conti con il caffè e il RIMUGINARE.

    Grazie per le riflessioni che proponi.
    Buona giornata.
    F.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *