scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

26 febbraio 2015

Lo dico in italiano, ma ogni tanto pure in inglese

Ecco, ho firmato anch’io la petizione #dilloinitaliano promossa da Annamaria Testa. La mia motivazione è questa: perché non riesco a scrivere “weekend”.

È vero: concludo le mie email, anche quelle informali, con “buon fine settimana”. Non uso mai parole come deadline, lunch, break, timeline, effort, location, appealing. Odio e censuro i calchi come ingaggio. Ma adoro una parola inglese come takeaway, nel senso di quello che ti porti a casa dopo aver letto o ascoltato qualcosa o qualcuno (ora comunque farò come Licia Corbolante e ricorrerò al non meno simpatico asporto). Però non riesco a rinunciare a parole come slide o call. Non mi ci vedo a dire a un cliente “preparerò una presentazione con diapositive” o “ci possiamo sentire in videoconferenza” e nemmeno “devo restituire il tesserino in portineria?”. Dico badge da quando lavoro e di primavere ne sono passate assai. Così come non riuscirei a usare riassunto o sintesi al posto di abstract. Anche perché non è la stessa cosa. Credo che alcune parole siano legate a un tempo e al tempo non possiamo far fare marcia indietro.

Insomma, la questione dell’inglese mi vede molto combattuta e mi regolo con il buon senso volta per volta. Il buon senso per me è soprattutto:

  • non sembrare ridicola, fuori luogo e fuori tempo
  • preferire la parola straniera quando è ampiamente condivisa in un determinato settore tecnico o specialistico
  • usare le parole straniere quando arricchiscono un discorso, gli danno una sfumatura o un sapore particolare; non succede spesso, ma quando colgo quella sfumatura, non esito mai.

0 risposte a “Lo dico in italiano, ma ogni tanto pure in inglese”

  1. Ciao Luisa.
    Grazie per aver firmato!
    In realtà, Dilloinitaliano non censura (o propone di rinunciare ad) alcuna parola.

    La petizione è costruita su due capisaldi:
    – tutti noi, giorno per giorno e nel momento in cui parliamo, costruiamo e ricostruiamo la nostra lingua, che è un bene comune e ha un valore. Proprio come l’aria o il paesaggio. Potremmo rendercene conto.
    – chi ha voce pubblica ha una responsabilità in più sul produrre discorsi comprensibili e dotati di senso e potrebbe, se vuole, metterci un zinzino in più di consapevolezza.

    Questo, per tutti noi, significa usare l’inglese quando serve, e anche quando ci piace farlo.
    Ma usarlo con consapevolezza del senso di quel che diciamo, e senza provocare collassi verbali del tipo “l’outfit oversize è out. Nella top ten, il glamour del look skinny che fa tanto bad girl” (e dire che la moda sarebbe un’eccellenza italiana nel mondo).

    Significa anche (questa è una vecchia battaglia, che ti vede protagonista) invitare le pubbliche amministrazioni a spiegarsi chiaramente, senza velarsi dietro parole incomprensibili: l’incrocio perverso tra burocratese e itanglese sta davvero producendo mostri.

    Mi ha scritto una delle persone che hanno firmato: “oggi ho riletto una mail prima di spedirla. Mi sono accorto che di italiano erano rimaste solo le congiunzioni”.
    Ecco. Di questo stiamo parlando, tutti insieme.

    Un abbraccio, a presto e ancora grazie!
    Annamaria

  2. Ovviamente ho firmato.

    Poi, il 10 febbraio si annuncia il nuovo simbolo per Roma: Rome & you. Un restyling, ecco qui forse l’inglese ci vuole, perché mi pare che restauro o peggio miglioramento proprio non siano appropriati. Questo mi ha confermato la bontà dell’iniziativa di Annamaria.

    Su NeU ho scritto quanto segue.

    Roma NON è la capitale, è molto, ma molto di più.
    Solo Alemanno poteva aggiungere CAPITALE!
    Una città che il mondo ama e visita non è solo capitale.

    Ha un logo antico che rappresenta la forza laica della città: SPQR (molti non ricordano neanche più che cosa significa), come contraltare dell’altra grande anima della città: la chiesa.

    Ora, a parte questo assurdo scimmiottare la lingua inglese, che accidenti mi rappresenta questo logo?
    I fascisti cavalcano il dissenso, ma c’era proprio bisogno di questo *_))

  3. Ho firmato? Certo, anche io ho firmato, nonostante i miei problemi con le lingue in generale, a partire proprio dalla mia: la lingua italiana.

    Non metto in discussione l’utilità e la presenza dei termini e delle lingue straniere, in alcuni settori si è quasi obbligati ad utilizzarli e comprenderli (questo vale anche per il linguaggio giovanile).

    Metto in discussione il loro utilizzo, a volte inopportuno e spesso ingannevole.

    Non credo che il “jobs act” sia migliore di una “riforma del lavoro”, speriamo che prima o poi “lassù” capiscano che i contenuti sono più importanti dei titoli, a partire da quelli personali …

  4. Tutto giusto, ma ho un’obiezione. I primi tempi, a Milano, quando dicevo “corriera” anziché bus, termine entrato anche nel mio vocabolario da quando sono bambina, mi ridevano tutti dietro, compresa la tutor (altra parola inglese) sessantenne del master a cui ero iscritta. Ma per me una cosa è il bus, o autobus; altra è la corriera, che per me va più lontano.
    A volte è anche questione di distinguo e di appiattimento. Ormai mi sono arresa ma dico “navetta” (mi rifiuto di chiamare autobus un mezzo che faccia percorsi interurbani).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *