scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

2 giugno 2014

Storytelling: dove si racconta di arance, patate, pesche e pomodorini

Per narrare le loro attività e i loro prodotti, quante aziende mettono in piedi superpiattaforme digitali, lanciano contest, li condiscono di hashtag, li sostengono con campagne multimediali! E poi magari le storie, invece di raccontarcele, le chiedono a noi.

Forse per questo mi ha colpito la ricca e gustosa semplicità dei video con i quali Coltura & Cultura racconta la ricerca sui prodotti della terra. Per aiutarci a capire quanta innovazione, di ieri e di oggi, è stata necessaria per farli diventare quelli che sono.

Non so se ad attirarmi di più sia stato il breve testo che accoglie il visitatore

Come nasce quello che mangiamo?
Il vero racconto dei prodotti della terra.
Da leggere, guardare, scoprire.

 o i titoli curiosi e fiabeschi dei brevi video di quattro minuti

L’amore salva la pesca

La patata sdoganata

Le arance con l’ombelico

La mela addormentata

Il mostro e la carota

Fatto sta che mi sono ritrovata a guardarmi i video uno dietro l’altro. In ognuno l’agronomo Duccio Caccioni arriva, prende una sedia, ci si spaparanza, appoggia i gomiti sul tavolo, ci guarda fisso e comincia a raccontare una storia che ha per protagonisti pesche, spighe, fragole, patate, uva e pomodorini.

Ogni tanto si abbassa, tira fuori un oggetto e lo piazza sul tavolo: piatti, piante, cartine geografiche, mappamondi, lampade, pagnotte, fotografie incorniciate, un mostro giocattolo… e intanto smangiucchia, annaffia e rompe uova, lascia cadere lì paroloni difficili quali antociani, fenoli, terpeni…Tutto qui, più qualche semplice e deliziosa animazione che prende vita sullo sfondo bianco.

Mentre lui chiacchiera e si agita, tu impari un sacco di cose sulla storia dell’agricoltura e la scienza dell’alimentazione. Per esempio che la patata, così calorica e nutriente, fino al Settecento era considerata il cibo del diavolo perché cresce sottoterra e veniva evitata anche durante le peggiori carestie, finché un giorno un famoso chef…

 

La storia degli agrumi prende avvio dalle arance Navel, cioè quelle “con l’ombelico” e da Bahia in Brasile ci porta in Sicilia passando dalla California. Non so voi, ma io non sapevo che arance e limoni hanno solo pochi secoli perché sono stati inventati incrociando altri agrumi. Il limone, per esempio, nasce dall’incrocio tra cedro e arancio amaro. L’arancio, invece…

 

Tra tante, la storia più sorprendente è quella del pomodoro pachino, new entry che nasce solo nel 1989 in Israele ma da genitori italiani, cresce temprato da una vita dura e da condizioni ambientali e climatiche tra le più difficili. Sarà per questo che alla fine viene su così buono:

 

Per altre storie sorprendenti e istruttive, brevi miracoli di fantasia e intelligenza low cost, non c’è che da andare su Coltura & Cultura.

0 risposte a “Storytelling: dove si racconta di arance, patate, pesche e pomodorini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *