scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

20 maggio 2014

Tra ripetizione e variazione

Buffa giornata oggi, in cui mi trovo a fare un’operazione opposta su due testi diversi.
Nella revisione di un lungo contratto devo assicurarmi non solo di aver usato sempre le stesse parole per dire le stesse cose, ma anche le stesse strutture sintattiche e lo stesso ordine per lo stesso tipo di informazioni.
La ripetizione che rassicura, chiarisce, orienta.

Nella stesura dei testi per un sito web devo invece dare fondo a tutte le mie capacità di variazione. Si tratta di un portfolio che racconta come lo stesso prodotto-servizio permetta di dare vita a un progetto sempre diverso: il design e la realizzazione di allestimenti fieristici. Il portfolio è ricco, il mercato lo stesso, il prodotto lo stesso – uno stand o un insieme di stand. Ma chi sfoglia il portfolio deve “vedere” un ventaglione di possibilità e cogliere tutte le differenze tra un progetto e l’altro. Per esprimerle bisogna essere capaci di un ventaglione di variazioni. Quando non ce la faccio più con le parole, vario di sintassi, di ordine, di suoni. Ma non basta: ogni scheda del portfolio ha il suo microtesto di 160 battute in home page, che non possono essere uguali identiche a quelle della scheda. Parenti, assonanti, simili sì, ma identiche no.
La variazione che uccide la monotonia e accende l’immaginazione.

 

Categorie:

0 risposte a “Tra ripetizione e variazione”

  1. Molto interessante questa contrapposizione, un po’ come tra polo nord e polo sud … opposti sì, ma immersi comunque dello stesso elemento: ghiaccio 

    La cosa mi ha incuriosito e mi sono chiesto: come avrei iniziato io?
    Sperando di non essere banale, fuoristrada o annoiarvi, riassumo le mie due idee.

    Mi immagino due fogli bianchi, uno per ciascun “polo”.

    Primo “polo” – polo nord:
    – nella parte superiore del foglio avrei riportato lo schema della struttura fissa da mantenere;
    – sotto a questo schema avrei trascritto, riga dopo riga (quindi verticalmente dall’alto verso il basso); termini e frasi che si ripetono. Ovviamente ogni riga corrisponde ad una frase diversa;
    – terminata questa fase delle “ripetizioni”, avrei completato ogni singola frese (riga).

    Secondo “polo” – polo sud:
    – avrei tentato con una mappa mentale (navigando tra i ghiacci un mappa può fare comodo…):
    – al centro una bella nuvoletta con il nome del/i prodotto/i o l’immagine del progetto;
    – alla nuvoletta centrale avrei collegato tante altre nuvolette quante sono le variazioni;
    – ad ogni nuvoletta-variazione avrei poi aggiunto ulteriori sotto-nuvolette;
    – magari mi sarei accorto che alcune variazioni si possono ottenere collegando o modificandone altre.

    Ringrazio per questo interessante spunto che mi ha permesso di “giocare” con la fantasia su un progetto reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *