scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email facebook Federico Badaloni fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini grammatica guerrilla marketing Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

16 giugno 2013

Il previo che viene dopo

I labirinti sintattici possono essere affascinanti se l’autrice li ha costruiti con un preciso obiettivo in mente. Diverso il caso della scrittura informativa e di servizio, dove la strada dovrebbe essere spianata.
Invece spesso è il povero lettore a dover trovare la sua in un periodo lungo e contorto. Un tipico esempio è la frase finale di un periodo introdotta dal malefico aggettivo previo (se non lo avete ancora fatto, mettetelo subito subito nella black list).
Previo si usa per indicare una cosa che va fatta prima, ma – guarda un po’ – questa cosa di solito si mette alla fine.
Esempio:

L’Ufficio Protocollo, in seguito al ricevimento del plico, lo inserisce nell’apposita casella e lo inoltra alla Direzione Legale, previa apposizione del timbro con il giorno e l’ora del ricevimento.

Non so quante procedure ho corretto rimettendo insieme i pezzi dalla parte del povero addetto all’Ufficio Protocollo. Quel che viene prima si dice prima. È semplice:

L’Ufficio Protocollo:

  • riceve il plico
  • appone il timbro con il giorno e l’ora del ricevimento
  • lo inserisce nell’apposita casella
  • lo inoltra alla Direzione Legale.

PS quando ci sono una serie di azioni da fare o di raccomandazioni da dare, l’elenco deve essere verticale. Chi è che si scrive la lista della spesa in orizzontale?

0 risposte a “Il previo che viene dopo”

  1. Io però la procedura la ricorderei meglio in forma discorsiva anziché con quella lista asettica di punti, specialmente quando è relativamente semplice come in questo caso.
    Trovo che il previo che viene dopo abbia una funzione enfatica: all’operatore sottolinea l’importanza di non dimenticare quel timbro, in aggiunta al più ovvio compito di smistare il plico verso la sua destinazione finale. All’utente dà il conforto di sapere che qualcuno si cura anche di contrassegnare la sua pratica come ricevuta, e in un ben preciso momento.
    Siamo esseri umani in fondo…

    PS: ho provato a scrivere la lista della spesa in orizzontale, una riga per tutti gli articoli di un certo settore del supermercato e nella sequenza del percorso entrata-uscita. Funziona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *