scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

20 Aprile 2013

Di Google, del lettore e del gioco della seduzione

Esistere in rete, oggi esistere tout court, dipende dal favore che Google è disposto ad accordarci, però le tecniche di seduzione dirette e aggressive non servono più. Se insistiamo, rischiamo anzi un clamoroso voltafaccia da parte del re dei motori. Il quale, se lo guardiamo dritto negli occhi, si offende. Conviene fare come se non ci fosse, guardarlo appena con la coda dell’occhio mentre corteggiamo in maniera esclusiva l’essere umano che ci auguriamo leggerà le nostre pagine.

È quanto ha raccomandato ieri Piersante Paneghel di Search Brain nella sua relazione al Web Marketing Fundamentals.
Il tema era la SEO post-Panda e post-Penguin, cioè quella cosa complicatissima che mi sono sforzata di seguire negli ultimi mesi, almeno nei tratti che riguardano più direttamente chi scrive. Il racconto di Paneghel  – pieno zeppo di metafore, immagini, storie – è stato finalmente chiaro, ricco e istruttivo anche per i non tecnici.
Ecco il testo della sua ultima slide:

Cosa rimane nel 2013 della “vecchia” SEO?

  • La soddisfazione utente come bussola per i link. Se piaci ti linkeranno, il punto è piacere.
  • I due pubblici (umani e bot) vanno accontentati contemporaneamente, non separatamente e i motori non vanno mai guardati negli occhi, altrimenti si offendono.
  • La creatività nell’intrecciare relazioni e distribuire contenuti con link casuali e citazioni testuali.

Dopo l’annus horribilis 2012 non rimane dunque quasi nulla. È un’intera industria che crolla, soprattutto quella del link building di massa.  Google castiga i testi lunghi e fuffosi, l’orgia di keywords, le pratiche tossiche.
Gli scrittori e i copy possono sorridere, perché Google premia quel che ci siamo sempre sforzati di fare: scrivere testi originali, interessanti, di buona qualità.
Quello che possiamo fare noi onsite, cioè direttamente sul sito, non è molto. Una fettina del 20%. Tutto il resto dipende da quanto piaceremo al resto del mondo, se vorrà linkarci, citarci e parlare di noi.
Oltre a far bene il nostro mestiere, quel che possiamo fare è soprattutto questo:

Dare alla pagina un url “parlante, cioè che faccia capire di cosa si parla.
Per esempio: www.mestierediscrivere.com/articolo/bibliografia e non un url seguito da stringhe incomprnsibili di lettere e numeri tipo OpenDocument&MenuID=63FD0ADFF22101D4C1256F690042AC31.

Curare il primissimo contatto del lettore con la pagina, cioè il Title e la Description.
Sono i primi due microtesti che parlano della pagina a chi ha appena effettuato la ricerca:

Il mestiere di scrivere
www.mestierediscrivere.com
Il primo sito italiano per la scrittura professionale: tutti i links e i consigli pratici per scrivere e comunicare meglio.

Victoria and Albert Museum: V&A Home Page
www.vam.ac.uk/
The Victoria and Albert Museum is the world’s greatest museum of art and design.

Mai rinunciare a presentare il sito e le sue pagine con le nostre stesse parole. Se non lo facciamo, Google fa di testa sua e va a prendere il primo brandello di testo che gli capita. E il risultato potrebbe essere questo:

Musei Capitolini
www.museicapitolini.org
Il museo pubblico più antico del mondo, fondato nel 1471 da Sisto IV con la donazione al popolo romano dei grandi bronzi lateranensi, si articola nei due edifici …

Raccomandare di dedicare grande attenzione a questi testi di presentazione sembra una banalità, ma quando ho preparato la lezione ai curatori dei musei dell’Emilia Romagna, ho potuto verificare che i musei italiani con la Description curata si contano sulle dita di una mano. Ci sono musei famosi in tutto il mondo che si presentano in modo totalmente sciatto, lasciando fare a Google. Il quale non è obbligato a mostrare i nostri testi, ma se li abbiamo scritti bene è altamente probabile che lo farà:

Mart
www.mart.trento.it
Il museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, con esposizioni permanenti e non di autori italiani ed internazionali.

Nello snippet che Google ci mostra, il testo in grassetto è il Tag Title, quello sotto l’indirizzo è il Tag Description.
Il primo influisce sul posizionamento, il secondo no, ma è essenziale per convincere chi ha appena fatto la ricerca a visitare la nostra pagina.
Il Tag Title non dovrebbe superare le 65 battute e dovrebbe includere la keyword principale, meglio se all’inizio.
Il Tag Description non dovrebbe superare le 155 battute: un testo breve ma completo, che presenti con chiarezza il contenuto della pagina e inviti alla visita. E se è completo, deve avere il punto alla fine!

Inserire la keyword principale nel titolo del testo.
Il titolo del testo  è quello che precede appunto il corpo del testo, nel codice html connotato dal tag <H1>. Se riusciamo a mettere la keyword all’inizio, senza tradire la naturalezza, è meglio.

Diluire la precisione dei testi dei link (anchor text).
Qui le cose sono cambiate assai e dobbiamo rivedere molte delle nostre pratiche.
Abbiamo infatti predicato per anni la precisione dei testi dei link e anche l’opportunità di inserirli fuori dal corpo del testo principale. Contrordine: se prima li disegnavamo con la china ora li dobbiamo sfumare con l’acquarello. La troppa precisione “sa troppo di vecchia SEO” e Google potrebbe castigarci.

Quindi inserire, accanto a testi molto precisi che contengono una keyword, anche testi più “sfumati”, compreso il famigerato Clicca qui, che abbiamo sempre disdegnato. Alla mia faccia inorridita, Piersante Paneghel ha sorriso sornione e mi ha detto che anche il semplice qui va bene. Ok, mi sembra un buon compromesso. Altri link potrebbero avere come testo persino l’url completa di http, una cosa che ho sempre considerato inelegante, anche se l’url è “parlante”. Insomma, fare un mix di anchor text tipo diverso, seguendo il criterio della naturalezza che dovrebbe informare tutto il testo.
L’altro mito da sfatare è che i buoni link stiano al di fuori del testo, nelle liste di fianco o nel footer. Non è così: i buoni testi dei link stanno dentro al testo, circondati da parole che non sono keyword. Per esempio: Ecco alcune caratteristiche e tecniche della Mobile SEO di maggiore interesse per il 2013. La nettezza della “Mobile SEO” è ammorbidita da altre parole più generiche, come “caratteristiche” e “tecniche”.

Insomma, Google percepisce la qualità di un testo molto al di là di quello che noi pensiamo e se il lettore ci ama ci amerà anche lui. È  una buona notizia: preoccupiamoci di fare bene il nostro mestiere curando in primo luogo il testo e la relazione con il lettore. Con naturalezza e precisione. Se ci linkano ringraziamo. Se non ci linkano ma si limitano a citarci, ringraziamo in cuor nostro. Il link non è più tutto, anche le citazioni testuali contano. E anche questa è una buona notizia.

Categorie:
Tag:

0 risposte a “Di Google, del lettore e del gioco della seduzione”

  1. Ciao Luisa, Panaghel ha parlato anche di diffusione di ipertesti tramite i social network (Social Media Optimization, acronimo SMO)? Non influisce sui bot, ma a un seminario di e-commerce i prof. ci han detto di puntare molto sui lettori umani, sempre più social…

    • Manu,

      no, Paneghel non ha parlato di SMO, ma il suo intervento è stato di un’oretta e chiaramente ha scelto un taglio e un messaggio precisi. Però se puntiamo sui lettori umani… immagino che i prof del seminario abbiano ragione.

      Luisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *