scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

25 Febbraio 2013

Scrivere a scuola (con gioia)

Tempo fa dedicai un post alle scuole di scrittura popolari, dedicate soprattutto ai ragazzi, che sono nate nel mondo anglosassone: Scrivere storie può cambiare un paese.
Non conoscevo analoghe esperienze italiane, che invece ci sono, come la Scuola Twain, “un progetto dedicato alla creazione di storie e di una nuova generazione di lettori e narratori”.
A segnalarmela è stata una delle docenti, Federica Campi, autrice dell’articolo Bambini e ragazzi, una lingua in superficie, in cui racconta la sua esperienza quotidiana nelle scuole e invita a considerare la scrittura meno una disciplina da apprendere e più uno strumento espressivo del mondo e del pensiero di bambini e ragazzi:

Finché il processo di conoscenza della lingua sarà tenuto lontano dal mondo personale dei bambini e dei ragazzi, sottratto alla loro dialettica di apertura e chiusura delle conoscenze acquisite e della ricerca di un senso nuovo (e questo potrà essere fatto, solo quando il bambino e il ragazzo saranno il punto di partenza e di arrivo del processo educativo), la lingua (la scrittura e la messa in moto del pensiero dentro di essa) rimarrà plastificata e destinata al fallimento – traslata, al massimo, in quella cultura superficiale di cui scrive nell’elzeviro del domenicale del Sole e 24 ore del 10 febbraio, Claudio Giunta (parlando del libro di Luca Serianni L’ora di italiano. Scuola e materie umanistiche, Bari Laterza, alla sesta edizione).

Solo quando la lingua dei bambini – la complessità e la pienezza del loro pensiero – non dovrà rinunciare a se stessa nell’incontro con la lingua italiana, i bambini e i ragazzi potranno usare la competenza linguistica e la tecnica locutoria acquisita e attraversare le sette porte dell’infinito della lingua (Tullio De Mauro), e farlo anche con qualche gioia.

L’articolo e il punto di vista che esprime l’ho ritrovato anche nella lettera di un professore di liceo pubblicata ieri sulla Domenica del Sole 24 Ore in risposta all’articolo di Claudio Giunta che citavo un paio di post fa:

Uno dei problemi, forse il più rilevante, è che per la quasi totalità delle ore di italiano (soprattutto nel secondo biennio nell’ultimo anno della scuola secondaria superiore) oggetto dell’insegnamento è la letteratura. Così, nella fase della produzione scritta, si invitano gli studenti esprimersi su tematiche di storia o di ermeneutica letteraria. Pertanto le esercitazioni scritte sembrano pensate non per formare cittadini in grado di scrivere correttamente in italiano in situazioni comunicative concrete, ma dei piccoli critici letterari in erba. Cui prodest? Non sarebbe forse più sensato aprire l’insegnamento della scrittura ad altri argomenti, a partire da quelli personali e sociali? Perché i ragazzi scrivono tanto più correttamente quanto più stanno scrivendo di un tema che li interessi da vicino: chi prende quattro nell’analisi di una poesia può prendere tranquillamente otto in un tema che chieda di parlare, poniamo, di calcio o di come occupi il tempo libero. Oppure, modesta proposta, si può benissimo continuare a partire dalla letteratura, ma non per farne l’oggetto di una raffinata quanto artificiosa analisi stilistica e formale, bensì per fare reagire il potenziale dei classici con il vissuto degli stessi ragazzi. Così si vitalizzerebbe uno studio come quello della grande tradizione letteraria, che spesso viene percepito dagli adolescenti come lontano se non staccato dal loro orizzonte psicologico.

Su questo blog leggi anche:

Un mostruoso stile elegante

Le porte dell’infinito

Categorie:
Tag:

0 risposte a “Scrivere a scuola (con gioia)”

  1. Cara Luisa, la scuola secondaria offre tante buone occasioni per confrontarsi con la scrittura viva: il professore di liceo che si riferisce alla storia e all’ermeneutica letteraria dimentica di ricordare che ben 3 su 4 tipologie della prova di italiano dell’esame di stato vertono su altro: la tipologia B (redazione di un articolo o di un saggio breve) porta gli studenti a riflettere a scelta su 4 ben diversi ambiti (artistico-letterario, sì, ma poi socio-economico, storico-politico, tecnico-scientifico) in cui cimentarsi per organizzare le proprie esperienze e il proprio pensiero in direzione argomentativa (e analizzare con occhio critico e argomentare la propria opinione serve nella vita di tutti i giorni). Le tipologie C e D altro non sono che tema storico e di attualità, e dunque capita che chiedano anche di scrivere di sport e tempo libero, e – perché no- del nostro immediato ieri perché il domani sia diverso, auspicabilmente migliore.
    Con queste tipologie ci si allena in tutto il biennio conclusivo, ma anche prima, e così non riscontro (così come non riscontro il mostruoso stile elegante) queste scollature tra scrittura e vita. Sarà forse perché insegno in un istituto tecnico anziché in un liceo? non credo. Ho insegnato anche al classico e allo scientifico. Sono piuttosto propensa a credere che gli insegnanti possano e debbano eludere i condizionamenti del contesto (nei licei – ma non solo- esiste spesso la gara tra docenti a chi rende gli alunni più edotti) e abbiano appunto il coraggio e l’obiettivo di far percepire la scrittura come lo “strumento espressivo del mondo e del pensiero”. Accade. Giuro che accade! Grazie delle tue riflessioni e consigli, sempre preziosi.

  2. Cara Luisa,
    è un piacere constatare che la maestra di italiano di mio figlio, in terza elementare, li avvicini alla poesia e alla scrittura continuamente. Gli ha dato da imparare a memoria varie poesie (pare anacronistico, sì, ma non lo è: mio figlio ne è felicissimo) e per domani ne deve inventare una di sua iniziativa sull’inverno. Legge loro continuamente brani interessantissimi e gli dà magari da inventare il finale della storia. Stimoli continui, che allargano la mente di questi bambini. Per fortuna c’è ancora chi sa insegnare bene!

    Luisa
    ps: grazie per la dritta che ci hai dato sulla “Grammatica in salsa horror”. Babbo Natale ha provveduto al regalo e io e mio figlio lo leggiamo tutte le sere insieme, su tua indicazione.
    Lo stiamo quasi per terminare e, ti assicuro, che solo la stanchezza (più mia che sua, lui non smetterebbe mai 🙂 ) ci impedisce di leggerlo tutto d’un fiato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *