scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

6 Maggio 2012

Esageratamente iperbolici

“Frenate l’entusiasmo, gente!” titola l’ultimo post della rubrica del Guardian Mind the language.
L’editor Gary Nunn coglie la tendenza sempre più diffusa a ricorrere a iperboli (“immensamente superiore a qualsiasi cosa abbia mai visto”).
Nata sulla strada (“dove per strada intendo il colloquiale spirito del tempo: tweet, facebook update, hashtag, conversazioni tra gente più che adulta”), la tendenza dilaga negli ambienti di lavoro e nelle redazioni giornalistiche, anche quando ci si riferisce ad avvenimenti normalissimi. Deve essere vero, perché Massimo Mantellini lo notava in un suo post di questi giorni: Trasformazioni epocali.

Le iperboli vanno riservate – ci ricorda Nunn – al “best of the best”. Invece mille cose diventano incredibili, grandiose, fantastiche (i nostri corrispettivi dell’ormai onniprensente awesome in inglese).
Il pericolo è impoverire il linguaggio e “trovarci in bancarotta di aggettivi e avverbi adatti quando l’occasione è davvero speciale. Prima di spararla grossa, è meglio cercare alternative che possano esprimere lo stesso fattore Wow! Quello sarebbe davvero grandioso. O in realtà, solo corretto.”

Ma la vera scorciatoia verso l’esagerazione è il punto esclamativo. Ne parla il Boston Globe: The overuse of exclamation points!
La bangorrea affligge tutti, anche chi come me è abituato a sorvegliare molto la propria scrittura. Mi innervosisco quando mi arrivano le newsletter con “offerta imperdibile!”, “richiedi la fidelity card!”, “in esclusiva per te!”, “scopri l’offerta che ti abbiamo riservato!”, ma poi non riesco a non scrivere “grazie!” quando concludo un’email. È come se mi spegnessi il sorriso da sola.

0 risposte a “Esageratamente iperbolici”

  1. Suvvia, non essere così severa con te stessa. Il punto esclamativo finale è conseguenza del fatto che il linguaggio delle mail ci appare sempre più freddo e distaccato di quanto volesse l’autore (persino se gli autori siamo noi). A parte questo, le iperboli messe a casaccio sono fastidiose, oltre che inutili, visto che ormai siamo tutti assuefatti alle “offerte imperdibili!” e ai “Laura, c’è un regalo per te!”

  2. Come sempre vai dritto al cuore del discorso. Sono d’accordo sulla tua breve analisi dell’uso del punto esclamativo, che mi suscita ormai diffidenza, anche se almeno nelle comunicazioni semi-informali lo uso! 🙂

  3. Sei una GRANDE!!! Hai il sito on line dal ’99. E probabilmente è l’anno che ho scoperto il tuo sito.

    Quando mi manca l’ispirazione faccio un giro sul tuo sito e ecco, il gioco è fatto.

    Sei stata ispiratrice ed elemento di grandi riflessioni. Prima per hobby, poi di necessità mi son fatto virtù. Ho scoperto però da poco il tuo Blog, e non chiedermi perchè.

    Dopo tanti anni, ho l’occasione di ringraziarti.

    Colgo questo tuo post per segnalarti uno mio proprio sull’oggetto delle email.

    http://www.alessandrozucchelli.com/?p=120

    A. Z.

  4. Ci sono fenomeni simili anche in altri momenti, penso soprattutto alla televisione di oggi. In certi show, è stato introdotto con troppa liberalità il rito della standing ovation, che altro non è che un’iperbole di un linguaggio diverso.
    Purtroppo il tratto che accomuna i due fenomeni è deprimente: non essendoci davvero qualcosa di grande in sostanza, la sua rappresentazione, il suo racconto sarà iperbolico ugualmente, per confondere e far credere che ciò a cui si sta assistendo, sia davvero grande.
    con l’unico risultato di togliere valore a quelle poche volte in cui in effetti ci sarebbe bisogno dell’iperbole, per la vera meraviglia, per la spontanea standing ovation.
    Oggi come oggi sempre più le persone rivolgono l’attenzione a come viene loro proposto un evento, al suo racconto. Non all’evento in sé: giudicarlo davvero richiede uno sforzo troppo alto. Non per essere apocalittico (un’iperbole che ha un significato ben preciso da 48 anni), ma anche questo è un segno di imbarbarimento (iperbole che ha circa sei anni…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *