scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

11 febbraio 2012

Infopaesaggi

Il nuovo libro di Dan Roam che citavo qualche post fa ha come sottotitolo What to do when words don’t work, e in rete è tutto un fiorire di Visual Thinking e Visual Storytelling.

L’ultimo post del blog di Duarte Design racconta le principali tendenze emerse all’International Forum for Visual Pratictioner e fornisce molti link interessanti da seguire. Invece dei live tweetter, a prendere nota lì c’erano i visual recorder.

Difficilmente però vediamo immagini e infografiche che “funzionano dove le parole non funzionano”. La maggioranza sono lenzuoloni verticali per niente usabili, dove convivono immagini, numeri e piccoli testi, per dire cose che forse un buon testo direbbe meglio. Io ormai diffido già del solo formato verticale, perché mi sembra una resa di fronte alla necessità di fondere i contenuti in un vero, nuovo paesaggio da guardare.

Paesaggi sono invece le infografiche di Francesco Franchi, information designer milanese noto in tutto il mondo. In questo breve video racconta cosa è il visual journalism, “un insieme di grafica e racconto, la presentazione ma anche l’interpretazione della realtà per sviluppare un’idea”, dove l’informazione diventa anche spettacolo. Il lettore interagisce, perché percorre quel palcoscenico come vuole e secondo modalità ormai molto diverse dalla lettura tradizionale.
Pagine, copertine e  mappe letterarie bellissime:


Francesco Franchi: On Visual Storytelling and New Languages in Journalism
from Gestalten on Vimeo.

Leggi anche:

Dove i dati prendono vita

0 risposte a “Infopaesaggi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *