scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

12 gennaio 2012

La semplificazione del linguaggio e un piccolo amarcord

Per un fatto generazionale ho fatto in tempo a vivere i miei primi anni in azienda in tempi di vere vacche grasse. Il mio gruppo era ancora a partecipazione statale con le sue tante ombre e pochissime luci. Tempi che non ho mai rimpianto, se  non per un cosa: c’erano i soldi per lavorare con aziende di comunicazione davvero top a livello mondiale e, se volevi, imparavi da loro come in un master.

Per alcuni anni il mio master è stato l’annual report, che veniva progettato con molti mesi di anticipo dall’agenzia di brand consulting Addison. A condividere il brief arrivava ogni anno da Londra un britannicissimo giovanotto che ascoltava silenzioso e divertito il gruppo di chiacchierone signore romane, prendeva i suoi appunti ordinati in un blocco per tornare dopo un mesetto con la cartellina di proposte da cui scegliere il nuovo annual report. I progetti erano tutti magnifici, e illustrati con dovizia in tutti i pro e i contro. Ho imparato da lui più che dai tanti capi che si sono succeduti negli anni a seguire.

Inutile dire che quei layout e quelle immagini, più le spiegazioni, mi ispiravano moltissimo per la relazione che avrei dovuto scrivere. L’anno in cui scegliemmo di illustrarlo con le sculture di giovani artisti europei, l’annual report vinse l’Oscar di Bilancio per le società non quotate in borsa ed ebbi anch’io il mio momento di gloria.

Per questo ho continuato a seguire il sito di Addison, sfogliato i suoi annual report, ammirato la loro capacità di anticipare le tendenze e, nel mio piccolo, ho sempre trovato molte sintonie con loro.
Stamattina cercavo alcuni esempi di annual report di istituzioni finanziarie e sapevo che lì avrei trovato quello che cercavo. L’ho trovato, infatti, insieme a tanto materiale su Plain Language and Information Design (PLAID!)

0 risposte a “La semplificazione del linguaggio e un piccolo amarcord”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *