scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Anno: 2011
4 Ottobre 2011

Il sito del New York Times pubblica oggi un lungo articolo dedicato alla cura editoriale del giornale: The Reader’s Lament. I lettori segnalano errori e inesattezze per email e su Twitter, e si imbestialiscono per i refusi. Soprattutto da quando l’edizione online si paga. I redattori che devono pubblicare velocemente su più piattaforme rischiano di essere più distratti, e i lettori hanno tanti più canali per farsi sentire. Però, assicura il NYT, tutti i testi sono riletti almeno due volte […]

continua a leggere
4 Ottobre 2011

Warren Buffett, il magnate americano che ha chiesto a Barack Obama di far pagare più tasse ai ricchi come lui, ha firmato la prefazione di A Plain English Handbook, la guida con la quale la SEC (la Consob statunitense) dà indicazioni su come scrivere documenti chiari ed efficaci per gli investitori. Buffet conclude con un consiglio solo apparentemente banale: scrivi con una precisa persona in mente, possibilmente non uno specialista come te. Lui afferma di pensare sempre alle sue sorelle, […]

continua a leggere
3 Ottobre 2011

Non sono potuta andare al Festival di Internazionale perché sabato ero al lavoro, anche se non troppo lontano da Ferrara. Mi sono consolata leggendo l’ultimo numero del settimanale mentre tornavo verso Roma. Mi è piaciuto tantissimo il pezzo di David Randall dedicato allo “scrittore interiore”, quella parte di noi che può fare un bel pezzo del lavoro se solo ci accorgessimo più spesso di lui. Basta fidarsi e lasciarlo andare dove vuole, senza star lì a controllarlo: Per garantire che […]

continua a leggere
30 Settembre 2011

Occorre coraggio per affrontare dentro la crisi l’idea di un altro modo di muoversi, di abitare, di impiegare il vento e la monnezza e il tempo, di imparare e insegnare. da L’occasione della crisi di Adriano Sofri su Repubblica di oggi. Il tono del lungo articolo di Sofri è grave anche se speranzoso. Quello di Annamaria Testa sulla nuova home page di Nuovo e utile leggero e giocoso. Forse perché stamattina li ho letti uno dopo l’altro vi ho trovato […]

continua a leggere
29 Settembre 2011

Tra i tanti microcontenuti della scrittura online – indispensabili per classificare, associare e soprattutto trovare i macro – i tag sono i più micro di tutti. Piccoli, ma per niente facili da utilizzare dai bibliotecari della rete improvvisati come me. Ho cercato invano una guida semplice e chiara nei mesi scorsi e ora me la ritrovo miracolosamente scodellata su Snodi, il blog di Federico Badaloni. Piccolo manuale alternativo sui tag: leggo, prendo e ringrazio 🙂

continua a leggere
28 Settembre 2011

Sul Corriere della Sera di oggi Maria Laura Rodotà fa notare che con gli ebook stiamo diventando grandi accumulatori di libri che spesso finiamo per dimenticare o per lasciare a metà, cosa che non succede con la pila di libri sul comodino. In parte ha ragione, ho sperimentato la cosa su di me negli ultimi mesi. I libri sull’iPad non mi guardano, sono io che mi devo ricordare di loro e andarli a cercare. Per i libri non sono mai […]

continua a leggere
28 Settembre 2011

Più volte la ministra Gelmini si è detta convinta dell’inutilità della laurea in Scienze della Comunicazione. Invece sarebbe la prima ad averne bisogno. L’intervento di un manager della comunicazione e docente nella tanto vituperata facoltà alla Sapienza di Roma: L’insostenibile superficialità delle “sentite congratulazioni” di Marco Stancati. E quello di una linguista: Se la grammatica non è un’opinione di Licia Corbolante.

continua a leggere
25 Settembre 2011

Help for writers di Roy Peter Clark è uscito da pochissimi giorni ed è già nel mio carrello. Il libro è organizzato in 21 problemi che costellano l’intero processo della scrittura, dall’ideazione alla revisione, con 10 strategie per ciascuno. Non temo l’effetto “ricettina”, perché seguo Clark da anni e conosco bene le sue capacità di distillatore anche quando scrive testi brevi. Il suo Fifty Writing Tools è uno dei libri che mi hanno insegnato di più e sono stuoli i […]

continua a leggere
25 Settembre 2011

Come già molto annunciato durante la settimana, il sito dell’inserto Domenica del Sole 24 Ore esce oggi pieno di novità. Dal serissimo gioco che invita i lettori a raccontare una favola politica à la Esopo (in cento parole e con cinque tassative regole) alla consultazione gratuita degli ultimi quindici numeri. Ma la novità che preferisco è la video-rubrica Rima privata: una poesia al giorno, con un poeta che cambia ogni settimana. Il primo è il vecchio Franco Loi e la […]

continua a leggere
21 Settembre 2011

Non mi piace constatare di essere piena di stupidi pregiudizi, ma sono contenta quando uno di questi crolla per farmi scoprire invece qualcosa di buono. Siccome ho molto a che fare con i libri, applico i miei paraocchi anche a loro. Così mi faccio conquistare dal nome del guru di turno e prendo una sòla dietro l’altra (quante ultimamente!), mentre snobbo per anni altri libri solo perché il titolo non mi piace. Uno dei libri più snobbati è stato Le […]

continua a leggere
20 Settembre 2011

Cerco sempre, per quanto posso, di essere accurata. Le webliografie dovrebbero essere il più accurate possibili, ma in questi giorni mi sto domandando se il contesto così cambiato in cui leggiamo e comunichiamo non possa cambiare qualcosa anche lì. Mi spiego meglio. L’indicazione di una pagina web in un libro cartaceo dovrebbe a rigore riportare l’url completa. Ma, mi sono chiesta, chi è che si mette a ridigitare un’url lunghissima piena di slash, underscore e php, facendo la spola dalla […]

continua a leggere
19 Settembre 2011

Ieri, dopo aver scritto di indici di leggibilità e carichi cognitivi, cercavo una citazione che in poche righe sintetizzasse tutto questo. L’ho trovata in un libro cui mi fa sempre bene tornare, L’altrui mestiere di Primo Levi, una raccolta di articoli che scrisse per La Stampa, con la prefazione di Italo Calvino. Articoli brevi sulla scrittura, il suo mestiere di chimico, i legami tra i due, la sua quotidianità e la sua casa. Sono così veri e così limpidi da […]

continua a leggere
16 Settembre 2011

Domenica scorsa l’inserto di Repubblica dedicava un paginone al “metodo Simenon”: rituali, tic, fissazioni, ritmi e feticci di uno dei più prolifici, amati e venduti scrittori di tutti i tempi. La gabbia di cose, luoghi e tempi di cui il creatore del commissario Maigret aveva bisogno per riuscire a scrivere è impressionante nella sua rigidità e immutabilità, ma l’immagine che più mi ha colpito è quella dello scrittore che, una volta terminato un romanzo, prende il pacco di fogli, lo […]

continua a leggere
14 Settembre 2011

Con Walter Bonatti perdo uno dei miti della mia infanzia. A me, bambina degli anni sessanta, il fascino della scrittura era tutto in due personaggi lontanissimi. Una era l’eroina di Piccole Donne, romanzo che avrò letto centinaia di volte solo per calarmi nei panni della bruttina ma intellettuale Jo, e con lei aumentare il gusto della lettura addentando una mela, chiudermi a scrivere in una mansarda e poi affrontare con coraggio un mercato editoriale difficile. L’altro era lui, Walter, che […]

continua a leggere
13 Settembre 2011

Nella mia estate scribacchina ho passato almeno una mezza giornata a riflettere se fosse meglio definire “stile” o “voce” il tratto inconfondibile che si sprigiona da un testo e che ci fa riconoscere l’autore e affezionarci a lui. Ieri ho trovato una bella risposta in un articolo che la giornalista messicana Alma Guillermoprieto ha scritto per Internazionale: In quella che a volte chiamiamo cronaca e altre volte narrativa non-fiction abbiamo molte possibilità di fare sentire la nostra presenza: attraverso l’ironia, […]

continua a leggere
13 Settembre 2011

Nella sua ultima Alertbox Jakob Nielsen ci ricorda che la decisione di rimanere a navigare e leggere su un sito è presa nel giro di 10-20 secondi e che comunque si legge in media appena un quarto del testo di una pagina. A meno che il testo non sia “straordinariamente chiaro e pertinente” e, aggiungo, originale e piacevole. Tra i testi, quello introduttivo della home page, che dovrebbe rispondere alla fatidica domanda “Che ci faccio io qui?”, è tra i […]

continua a leggere
11 Settembre 2011

Cosa tiene accese le stelle di Mario Calabresi non ha nulla dell’intensità struggente di Spingendo la notte più in là, né della scrittura raffinata di La fortuna non esiste, ma siccome il direttore della Stampa è bravo giornalista e uomo curioso e sincero il risultato è dignitoso. L’unica novità è che stavolta i resilienti coraggiosi e sognatori non sono il bambino afghano o la soldatessa reduce dall’Iraq, ma tutte persone più o meno normali di casa nostra. Quindi non dovrebbe […]

continua a leggere
9 Settembre 2011

Finora ho fatto solo qualche timido acquisto su Groupon, ma da qualche mese le due email con i deal sono le prime cose che leggo ogni mattina insieme alle parole del giorno Zanichelli. Cultura e frivolezza è un buon mix davanti al caffè. È dall’inizio che i testi di Groupon mi incuriosiscono, perché sono semplici, concreti, corretti, non la sparano mai troppo grossa e, soprattutto, non ci ho ancora trovato un refuso. Così mi sono incuriosita e alla combinazione “words+writing+groupon” […]

continua a leggere
5 Settembre 2011

A chi è ancora convinto che esistano una scrittura professionale e una scrittura creativa come due mondi separati d’ora in poi darò da leggere la pagina 35 del Sole 24 Ore di ieri. Un sorridente Attilio Bertolucci vi racconta la sua straordinaria avventura di nove anni (1955-1964) come direttore della rivista aziendale dell’Eni, Il Gatto Selvatico. Una rivista, come gli aveva raccomandato Enrico Mattei, “il più democratica possibile, leggibile, dal Presidente della Repubblica al più lontano dei nostri perforatori, anche […]

continua a leggere
4 Settembre 2011

Non so se avrò il tempo e il coraggio di avventurarmi nelle quasi 400 pagine di The secret life of pronouns: what our words say about us, dello psicologo e linguista James W. Pennebaker, però quello che ne ho letto in questi primi giorni dopo l’uscita mi ha incuriosita assai. Pennebaker e il suo gruppo di linguisti computazionali hanno analizzato migliaia di documenti – email, annunci di Craiglist, test di ammissione all’università, discorsi di politici, canzoni di Lady Gaga, romanzi […]

continua a leggere