scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Anno: 2011
14 Novembre 2011

Si vede che è la giornata dei download. La bella pagina che vedete qui sopra appartiene a un ebook gratuito pubblicato fresco fresco da Hubspot: An introduction to effective calls-to-action, 40 pagine dedicate a un tema cruciale per chi comunica in rete. Per i meno markettari tra noi la call-to-action è l’invito a fare qualcosa che trovate nella pagina di un sito o di un’app, in un banner, in un’email, ma anche in una più tradizionale lettera di direct mail: […]

continua a leggere
10 Novembre 2011

Ieri Barbara Bagli della Scuola di Fund Raising di Roma mi ha segnalato un post sul loro blog che prendeva spunto da uno mio di poco tempo fa: Togliamo gas e bollicine inutili e controproducenti! È stato interessante leggere alcune riflessioni sugli effetti del linguaggio un po’ montato del marketing in un settore che frequento poco. Anche dove coinvolgimento ed emozione contano, conta sempre più la sostanza. Le bollicine mi sono rivenute in mente oggi, giornata passata interamente a fare […]

continua a leggere
8 Novembre 2011

Dopo la bella recensione di Massimo Mantellini della biografia autorizzata di Steve Jobs scritta da Walter Isaacson, mi sono letta anche quella di Malcom Gladwell sul New Yorker. Un pezzo lungo e molto ricco, che si apre con una lavatrice, tra i tanti oggetti delle ossessioni funzional-estetiche di Jobs. Nonostante si parli del genio del fondatore di Apple, Gladwell definisce la sua sensibilità editoriale piuttosto che inventiva, come quella di editor bravissimi nel mettere le mani nei testi degli altri e […]

continua a leggere
7 Novembre 2011

Learn to write. Writing is a form of selling, one step removed. There’s more writing in business today than ever before, and if you can become a persuasive copywriter, you’re practically a salesperson, and even better, your work scales. Seth Godin, How to get a job with a small company

continua a leggere
6 Novembre 2011

Questa volta il disclaimer è d’obbligo e assolvo all’obbligo subito e volentieri. Il libro che ho letto questo fine settimana, C’era una volta… un cantastorie in azienda (FrancoAngeli 2011), lo ha scritto una mia cara amica e io stessa vi ho contribuito con una pagina nell’inedita veste di fata madrina. Ma da una cantastorie ci si può aspettare di tutto, anche se è nostra contemporanea e va a raccontare le fiabe della tradizione nelle aziende. Già, che ci fa una cantastorie […]

continua a leggere
3 Novembre 2011

Ieri nel suo blog Visual Communication Elena Veronesi ci ricorda quanto siano importanti in un sito web le prime parole, che hanno il compito è di agganciare la nostra attenzione. Le ricerche di Jakob Nielsen confermano che non dovremmo mai “sprecare” l’incipit con premesse, lungaggini, ovvietà e banalità. Questo però è vero anche sulla carta, dove siamo meno inclini alle innovazioni. Stiamo diventando lettori un po’ diversi, e la nostra attitudine all’esplorazione veloce prima di dedicarci alla lettura vera e propria ce […]

continua a leggere
3 Novembre 2011

Mi dispiacque molto, la scorsa primavera, non poter assistere alle quattro lezioni del ciclo I mondi e le scritture che il professor Carlo Sini, uno dei nostri filosofi con il dono della divulgazione, tenne alla Libreria Rizzoli di Milano. La particolarità è che erano organizzati da una famosa e appassionata insegnante di yoga, Lisetta Landoni. Le “figure” dello yoga, le asana eseguite dai suoi allievi, completavano le lezioni. C’erano le mie due passioni, lo yoga e la scrittura, e due […]

continua a leggere
31 Ottobre 2011

Nella sua newsletter settimanale Giraffe Forum ieri Gerry McGovern sosteneva che il consumatore si sta facendo sempre più smaliziato e meno incline a farsi manipolare dal punto di vista emotivo. Soprattutto nel marketing B2B e in quello online, dove chiarezza e confronto dettagliato dei prodotti contano ben più di facili slogan e punti esclamativi. Secondo le sue ricerche non solo i banner non li guarda e legge più nessuno, ma nei siti di prodotti finanziari le immagini illustrative farebbero addirittura […]

continua a leggere
30 Ottobre 2011

Poco fa un amico mi ha segnalato il video dell’intervento di Alessandro Baricco ieri sera alla trasmissione di Fazio. Tema: perché si scrive. Io non amo Baricco narratore e sono sempre un po’ prevenuta, invece ho ritrovato il Baricco che mi piace, quello dei Barbari, quello che sa entusiasmare verso la lettura e i libri (degli altri). Forse mi è piaciuto anche perché paragonava la scrittura alla “disciplina” del tiro con l’arco e dietro di lui scorrevano alcune tra le […]

continua a leggere
28 Ottobre 2011

Il settimanale Internazionale da alcuni numeri ha una nuova rubrica: Le correzioni. La cura Giulia Zoli, che nella sua colonnina prende spunto da inesattezze ed errori segnalati dai lettori per interessanti osservazioni sul linguaggio e la comunicazione. Questa settimana si occupa della “disciplina della brevità”: “Non c’è bisogno che tutti gli articoli siano di 1.800 parole. Abbiamo già molti articoli lunghi. A volte quello che manca è un po’ di disciplina. Per esempio un concetto viene ripetuto troppe volte o […]

continua a leggere
23 Ottobre 2011

Stimolata da un articolo del Boston Globe, tempo fa scrissi un post sulla fluenza cognitiva, cioè la facilità con la quale riusciamo a leggere e a capire un messaggio. Una ricerca in rete non mi restituì molto, per cui oggi sono stata contenta di trovare un breve filmato in cui uno dei maggiori esperti di fluenza cognitiva, lo psicologo Adam Alter, spiega molto bene il rapporto tra facilità e complessità e come questo influenza la nostra capacità di prendere decisioni, […]

continua a leggere
17 Ottobre 2011

Leggere Just my type, a book about fonts è come prendersi una vacanza. La abbordi come una lettura di lavoro e ti ritrovi a viaggiare nel tempo e nello spazio, incontrando i più diversi personaggi come in un libro di avventure. Sarà perché l’autore non è un esperto di tipografia, ma un saggista e giornalista che affronta il tema delle font come un’inchiesta storica. 22 avvincenti capitoli alla fine dei quali entriamo in confidenza con font famose e meno famose, […]

continua a leggere
16 Ottobre 2011

Oggi la parola del giorno Zanichelli in realtà sono quattro: succitato, suddetto, summenzionato, sullodato. Aggettivi che appartengono al linguaggio burocratico e che ormai tutti i manuali di semplificazione del linguaggio amministrativo consigliano di non usare. Io li ho messi ormai da anni nella mia black list. Gli aggettivi che ci rimandano in su non sono solo brutti e pesanti, ma compromettono la leggibilità di un testo. Il povero lettore si deve fermare, rileggere e tornare su alla ricerca del succitato. […]

continua a leggere
12 Ottobre 2011

Jakob Nielsen torna sulla scrittura (e la lettura) dei microtesti destinati agli smartphone. Le sue ricerche dei mesi scorsi avevano già evidenziato che sui piccoli schermi la comprensibilità dei testi è due volte più difficile che sul normale schermo di un pc. Oggi rileva un curioso paradosso: chi legge news e altri testi sullo smartphone lo fa per lo più a tempo perso, quando è in attesa da qualche parte, ha un minuto o giù di lì e non sapendo […]

continua a leggere
12 Ottobre 2011

L’edera si espande: non sa contenere la bellezza delle foglie. Così anche la poesia, quasi avesse rubato al cielo le lettere per scrivere. Questa poesia è di Rabindranath Tagore, un grande poeta indiano del novecento oggi un po’ passato di moda. È nel numero gratuito con cui la rivista Poesia inaugura il suo ingresso nel mondo iPad. 99 pagine con alcuni speciali davvero speciali: Saffo, un’antologia dedicata alla luna a cura di Vivian Lamarque, un ritratto di Costantino Kavafis, la […]

continua a leggere
11 Ottobre 2011

Tagliaerbe approfondisce oggi la risposta di Matt Cutts sul posizionamento dei siti ben scritti che ho segnalato un paio di post fa: Google ti premia se scrivi bene. Ma vale la pena di leggere anche il suo post precedente: L’evoluzione/involuzione dei contenuti online.

continua a leggere
10 Ottobre 2011

In questi giorni di rampogne contro i libri elettronici e di inni nostalgici alla carta ne ho ascoltati e letti fin troppi. L’opposizione carta/bit di per sé non ha senso, perché bisogna vedere di cosa si sta parlando. Io non parteggio né per l’una né per gli altri, ma continuo nella mia esplorazione della lettura sullo schermo. La lettura di normali testi lineari sull’iPad mi sta stancando molto, gli occhi soprattutto, e penso che nonostante la mia riluttanza a circondarmi […]

continua a leggere
7 Ottobre 2011

La semplificazione del linguaggio amministrativo ha fatto un lungo cammino in questi anni, ma spesso ci si ferma dove cominciano aspetti e temi legali. Lì improvvisamente sembra tutto intoccabile, e non solo nelle amministrazioni ma anche nelle aziende. Eppure nel mondo anglosassone il Legal Plain Language è un tema all’attenzione da anni. E da anni io sono abbonata a una ricca newsletter australiana che tratta questi temi. L’ultima segnalava il Better Information Handbook, recentissimo manuale di comunicazione dei temi legali […]

continua a leggere
6 Ottobre 2011

Scrivere bene, con accuratezza e senza refusi, non basta per scalare le pagine di Google, ma aiuta. Se ne è accorto anche Matt Cutts, che di Google è uno degli esperti più in vista: La relazione tra testi chiari e page rank non è diretta, ma documentata. Cutts la spiega così: le pagine ben scritte attirano più utenti che le apprezzano e sono portati a linkarle più di altre contribuendo così alla loro popolarità. Il ragazzo nel video del canale […]

continua a leggere
6 Ottobre 2011

Concentrazione e semplicità è sempre stato uno dei miei mantra. La semplicità può essere più difficile della complessità. Devi lavorare sodo per chiarire il tuo pensiero fino a renderlo semplice. Ma alla fine ne vale la pena, perché una volta arrivato lì puoi spostare montagne. Sullo speciale del Guardian una pagina di citazioni di Steve Jobs. Sulla tecnologia, il design, l’innovazione, la vita.

continua a leggere