scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

16 Agosto 2011

Mozartiano o beethoviano?

Alle prese con testi mooolto lunghi, in questo periodo sono particolarmente sensibile al tema della velocità della scrittura. Lo è anche Michael Agger, che nei giorni scorsi gli ha dedicato un brillante articolo su Slate: Slowpoke, How to be a faster writer.
Leggendolo mi sono consolata. Scrivere testi lunghi è una delle sfide cognitive più impegnative, anche per chi lo fa per mestiere, perché il cervello deve destreggiarsi contemporaneamente tra tre compiti diversi: scrivere il testo, pensare a cosa dire subito dopo, immaginare l’impatto del testo sul lettore.

Ognuno ha le sue strategie, riconducibili soprattutto a due tipi di scrittori: i progettisti, quelli che prendono note e fanno scalette prima di mettersi a scrivere anche una sola parola, e gli improvvisatori, che si buttano subito a scrivere perché solo così riescono a scoprire cosa vogliono dire.
Agger, rifacendosi allo psicologo Ronald Kellog, chiama i primi “mozartiani”, i secondi “beethoviani”. Strade diverse, ma stessa produttività.

Io sono un po’ a metà, perché dopo aver fatto mappe e scalette, all’interno dei loro confini mi lascio molto andare.
Quanto alla velocità, ho bisogno di cincischiare per un bel po’, anche un’oretta prima di partire, ma quando parto prendo velocità e allora non mi fermo finché non arrivo alla meta. Però col tempo ho imparato l’arte del cincischio utile: una piccola revisione o un post mattutino come questo.
Bene, ora non ho proprio più scuse: vado ad assumere la triplice veste di scrittrice, editor e lettrice.

Categorie:

0 risposte a “Mozartiano o beethoviano?”

  1. E' curioso: uso anch'io da tempo le categorie mozartiano e beehtoveniano, ma in un ambito completamente diverso: le immagini fotografiche.

    Insegno fotografia (http://www.oltrefoto.it) (http://compagniadeifotografi.blogspot.com) e quando affronto la regia dell'immagine, il primo passo è quello di far capire il peso che il soggetto può avere all'interno dell'inquadratura.

    Immagine-beethoven è quella in cui il soggetto occupa quasi interamente lo spazio e l'occhio, quindi, non ha scampo: viene attirato inesorabilmente verso il centro. E' un'immagine che ha già (quasi) tutto dentro di sè. (Gli esempi che mostro in aula hanno come colonna sonora il primo movimento della Quinta sinfonia)

    Immagine-mozart è quella, invece, in cui il soggetto è più defilato, più aperto. Il suo rapporto con lo spazio dell'inquadratura è invitante: il vuoto (o i vuoti) intorno al soggetto chiedono allo spettatore di entrare nell'immagine, di percorrerla, di collaborare al suo significato. (Colonna sonora: il Concerto per flauto in Mi minore)

    P.S. Quali sono i riferimenti bibliografici di Ronald Kellog?

    Un cordiale saluto.
    Enrico Prada

  2. È veramente interessante quello che racconti, Enrico.
    Sono una capra assoluta in fatto di musica, ma mi è venuta subito voglia di andare a risentire i tuoi sfondi musicali.

    I riferimenti bibliografici di Kellog sono all'interno dell'articolo di Slate.

    Luisa

  3. Cara Luisa, questo è un commento svolinata, preparati!

    Ho fatto grandi pulizie di stagione sui link del mio blog ed il tuo è ancora tra i miei preferiti.

    Anche se ti seguo ormai da un anno solo ora decido di scrivere mossa dal sorriso che mi ha messo la situazione che descrivi nel post.

    Complimenti per il tuo lavoro, anche quando cincischi.
    F.

  4. Ciao Luisa,
    bentornata alle tue creazioni con penna e tasti:-)
    Ho scritto solo poche righe in questo mese di agosto affollato di amici, figli acquisiti e da crescere (più un nuovo gatto). Mi sono immersa in romanzi ma anche in libri e riviste di cucina: un piacere per gli occhi e per i sensi.
    Ti regalo una rIcettina che può aiutare i tuoi momenti "vuoti" tra un testo e l'altro: un po' di anguria, un po' di pomodoro cuore di bue (togli i semi), un po' di basilico, un filino di sale e di olio. Frulla il tutto e metti in frigo per 5-6 ore.
    Un abbraccio e buona scrittura,
    Mariella

  5. Buongiorno Luisa
    Io avevo sempre sentito parlare di "pantsers" (quelli che fly by the seat of their pants)  e "plotters" e mi spaccavo a testa per trovare un'immagine proponibile in italiano. Servite su un piatto d'argento, le categorie di Kellog mi sembrano davvero "parlanti", grazie.
    Giovanna 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *