scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

3 giugno 2011

Vade retro, content!

Ho deciso. Di libri con la parola “content” nel titolo o nel sottotitolo non ne comprerò più per un bel pezzo.

Sono reduce dalla lettura di Clout, the arte and science of influential web content con la sensazione di non aver letto nulla o cose che avevo già letto mille volte, anche senza essere un’esperta di architettura dell’informazione o di content strategy. Il libro ricalca molto il tanto decantato Content Strategy for the web di Kristina Halvorson, che comunque non era un granché. Molto meglio Content Rules di Ann Handley e C. Chapman, che offre consigli concreti e punti di vista utili e soprattutto molti più casi ed esempi.

Queste signore prestano la loro opera di consulenza ad aziende grandi e importanti – e lo faranno benissimo –, ma sono ormai inserite a pieno titolo nel filone “libri scritti con la mano sinistra”, particolarmente fiorente negli Stati Uniti, le cui caratteristiche sono:

  • un tono stucchevolmente “conversational”, che sul web regge ma in un libro non si regge
  • il trionfo delle ridondanze, tra intro, testo e summary, uno scaglionamento di cui si giovano i libri lunghi e molto discorsivi; nei libri tutti frasette minimali ed elenchi puntati è solo una furbata
  • l’andazzo powerpoint, appunto, per cui invece di un libro ti sembra di sfogliare Slideshare
  • il rimandare continuamente ad altro, non solo nelle note ma anche nel corpo del testo, cosa che funziona in rete dove puoi cliccare ma non sulla carta
  • la prevalenza della teoria e la povertà degli esempi, magari tanti ma tratti tutti invariabilmente solo da due o tre siti (tra i quali, ci puoi scommettere, c’è sempre Zappos)
  • la grafica minimalista, raffinata (copertine e tabelle bellissime!) e… ingannatrice.

E ti chiedi perché allora queste paladine del web content e dei social media ritengano così importante fissare sulla carta e così pomposamente queste poche cose stiracchiate, più di buon senso che originali.
Il mio non affollatissimo aggregatore mi propone ogni giorno cose infinitamente migliori e più approfondite, a cominciare da quelle di casa nostra, come i video e i paper dell’ultimo IA Summmit.

0 risposte a “Vade retro, content!”

  1. ….io ho appena acquistato anche  ' The elements of content strategy' _ erin kissane ….sembra leggermente più 'operativo'. Laura

  2. Una volta ho acquistato un libro il cui unico argomento era la compilazione del cv.  Bene, non un esempio pratico ma solo pagine e pagine e pagine di elenchi puntati e  numerati sul cosa e cosa non scrivere  (certo, non occorre comprare un libro per capire che, se ti piace tirare tardi in discoteca,  è meglio non scriverlo sul curriculum!). Per quanto riguarda la lettera di presentazione anche lì una sequela di: all'inizio vi dovete presentare, poi bla bla bla…, insomma una serie di ovvietà teoriche senza esempi, che sono poi le cose veramente utili per la stesura di un buon cv con lettera accompagnatoria. A quel punto meglio cercare in rete, si trovano certamente più informazioni. 

    Non sono un'esperta di scrittura, per questo motivo commento poco i post del Mestiere di Scrivere ma quando decido di scrivere qualcosa è anche e soprattutto l'occasione  per ringraziarti, Luisa, di tutte le preziose informazioni, pareri e competenze  che elargisci con grande generosità.

    Grazie davvero e un cordiale saluto

    Anna B.

  3. E lo stesso discorso si può fare per la miriade di blog ed esperti in service design, design thinking, social media, lean movement, etc

    Io ci casco sempre.. con questo post forse mi risparmi la seccatura 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *