scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

21 Maggio 2011

I titoli, tra Google e me

Questa settimana Internazionale traduce un articolo uscito qualche giorno fa su The Atlantic: Google Doesn’t Laugh: Saving Witty Headlines in the Age of SEO.
Lo traduce con un titolo che più SEO-oriented non si può, Questo articolo spiega perché i titoli su internet sono noiosi. Esagerato, ma esemplifica bene il destino che molti paventano per i titoli, da sempre ingrediente essenziale del buon giornalismo.
Titoli totalmente informativi ed espliciti, con parole chiave e nomi propri per incontrare il favore di Google che notoriamente non ride, o titoli ironici, misteriosi, capaci di incuriosire il lettore e strappargli un sorriso?
Va da sé che conciliare le due cose rimane l’obiettivo più ambito.

Molti del SEO se ne infischiano, come il direttore di Slate David Plotz: “Non si tratta di avere più lettori, ma di avere quelli migliori. Se scrivi un titolo brillante i più affezionati si sentiranno vicini al tipo di ironia che hai usato, e questo rafforzerà il vostro legame.”

Altri strizzano l’occhio sia al lettore sia al motore giocando abilmente con titoli, sommari e occhielli. È il caso delle due autorevolissime testate britanniche The Economist e The Guardian, che devono le loro più recenti fortune (sono tra le poche che anche nelle versioni cartacee avanzano e non arretrano) proprio a una sapiente integrazione tra carta e web.

Il settimanale più letto dalle élite economiche di tutto il mondo si permette giochi di parole raffinati per gli articoli più seri:

To cosset or to cull? Uccidere o coccolare?

ma seguono sempre sommarietti precisi e informativi:

Cacciati di frodo in Africa centrale e orientale, gli elefanti proliferano al sud.

Oppure:

Immagina di star bene

Le medicine alternative funzionano raramente. Ma funziona l’effetto placebo che provocano.

A volte diventano una filastrocca:

Don’t bully Boeing, Barack
(non maltrattare Boeing, Barack)

ma il sommario spiega tutto, anzi continua a rivolgersi direttamente al presidente:

Vuoi dimostrare di essere dalla parte delle imprese? Allora condanna la denuncia di alcuni pazzi di sinistra nei confronti del maggiore esportatore americano.

A volte il titolo misterioso si trova come il ripieno di un sandwich tra occhiello e sommario:

Proibire la circoncisione

Contro il taglio

Il movimento “intattivista” si oppone alla più antica operazione chirurgica che l’uomo conosca.

The Guardian si muove tra titoli completamente google-friendly:

In vendita manoscritto di Jane Austin

Netanyahu e Obama ancora lontani

e titoli misteriosissimi:

Grazie per la visita, ma abbiamo bisogno d’aiuto

ma nel sommario c’è tutto, dal nome del giornalista alla notizia, alla spiegazione del titolo:

Da ragazzo Colm Toíbín ha assistito alla visita di JFK in Irlanda. Questa settimana incontra la regina, e anche Obama sta per arrivare. Questi ospiti sono fantastici, ma l’economia è ancora un disastro.

Chissà, forse una strada è proprio quella di non lavorare su un solo livello di titolo ma sull’intero apparato di titolazione.
La raccomandazione a corredare sempre un titolo con un sottotitolo era già nella famosa ricerca Eyetrack III del 2004. Allora soprattutto per portare il lettore verso il corpo del testo. Oggi anche per gratificare sia il lettore sia il motore.

Categorie:

0 risposte a “I titoli, tra Google e me”

  1. che bell'articolo, proprio interessante.
    Si, forse lavorare su più livelli (proprio come nella grafica xD) è la soluzione migliore. 

    Ti seguo sempre con piacere.
    Davide

  2. Cara Luisa, da tempo penso questo ma è così difficile far capire che la qualità della scrittura, come in tutto, paga sempre.
    Anto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *