scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

30 aprile 2011

Stregata da Lorenzo Lotto

L’angelo irrompe nella stanza di Maria in modo talmente irruente che il gatto scappa via e la povera ragazza, spaventatissima, ci rivolge con lo sguardo una richiesta di aiuto. Sì, proprio a noi, che stiamo al di là del quadro. Tanti, tantissimi, tutti diversi, dal 1534 fino a oggi.

Ma è proprio quello che il pittore, Lorenzo Lotto, desiderava: entrare in relazione con lo spettatore, sollecitare la sua partecipazione, attivare le sue emozioni e la sua memoria, come fanno le moderne opere aperte e concettuali.

Lo faceva scardinando ogni volta il modello iconografico dominante, anche se era quello dei mostri sacri del suo tempo, come Giovanni Bellini, Michelangelo, Leonardo, Tiziano. Lui li studiava e reinterpretava a modo suo, ma preferiva il dettaglio di Dürer alle loro pur grandiose e geniali sintesi e la luce tagliente dei nordici a quella avvolgente di Giorgione.

Scardinava i modelli sottilmente, per piccoli scarti. Per esempio con la asimmetria: qui, nell’Annunciazione di Recanati, Maria si rifugia su un lato e il centro del quadro, il suo punto focale, è occupato dal gattino che scappa.

Amava poi introdurre nelle sue opere mille piccoli dettagli, dal valore realistico e al tempo stesso simbolico, che invitano ancora oggi il fruitore a una sfida per ricostruirne il significato, come in un rebus. Anzi, a volte il gioco era proprio palese, e proprio un rebus.

Qui ci sono i libri, la candela e la clessidra a rappresentare la devozione e l’attesa. Altre volte bastano una manciata di rose e una lettera a raccontare una sofferenza d’amore. O una mosca, che si è appena posata sulla manica bianca del giovane pensoso. Il pittore ci sfida, ancora una volta, perché il nostro impulso è di squarciare lo spazio invisibile che ci separa dal quadro e scacciare con la mano quella mosca molesta.

I contemporanei di Lorenzo capivano meglio di noi la rete sottile di allusioni con la quale imbastiva i suoi quadri, dagli oggetti quotidiani ai simboli alchemici. I suoi committenti ne erano lusingati, soprattutto se ritratti.

Ma l’irretimento agisce anche su di noi, e la mostra straordinaria che le Scuderie del Quirinale dedicano a Lorenzo Lotto fino al 12 giugno è un incanto continuo dal quale sono riuscita a uscire solo dopo tre ore buone.

Questo pittore inquieto, che ha dipinto quasi esclusivamente soggetti religiosi e ritratto professionisti e borghesi di provincia mentre Tiziano si dedicava all’imperatore a cavallo e Michelangelo alla Cappella Sistina, ha dovuto aspettare la fine dell’ottocento per essere finalmente riscoperto, apprezzato, studiato.

Non c’è da meravigliarsi: Lotto era talmente avanti che in lui ci sono già Caravaggio, Rembrandt e Goya.
Il ritratto della sorella del vescovo De Rossi, un’umanissima geometria definita dalla luce, sembra dipinto dal nostro novecentesco Casorati.
Era solo il 1501 e Lorenzo aveva ventun anni.

0 risposte a “Stregata da Lorenzo Lotto”

  1. Vidi una mostra di Lorenzo Lotto diversi anni fa. Ne rimasi molto colpita per i motivi che tu hai fatto scorrere nel tuo testo, con pasisone e devozione, come i grandi di un rosario.
    Così le opere di Lorenzo Lotto mi si sono ripresentate davanti, come fosse poco fa, intense, moderne, profonde. Con la loro capacità di raccontarci emozioni semplici e personali, mettendo su tela l'anima più che l'estetica, dei perosnaggi di allora. Così somiglianti a noi da sentirli parenti.
    Quindi, grazie mille.
    Laura Grazioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *