scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Banksy Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds genere femminile George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giò Ponti Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese innovazione intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti Monica Dengo mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi visual design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

28 Ottobre 2010

Il libro, uno tra tanti

 

“La lettura libresca ‘classica’ degli ultimi 450 anni non è che uno dei parecchi modi di usare l’alfabeto.” Lo scrittore austriaco Ivan Illic inizia da qui il suo viaggio nella storia della tecnologia della lettura, che nel 1991 diventa un volume profetico (In the vineyard of the text, tradotto e pubblicato in Italia da Raffaello Cortina editore).
Internet era davvero un nuovo medium. Ma Illic già scriveva: “Oggi il libro non è più la metafora fondamentale dell’epoca; il suo posto è stato preso dallo schermo. (…) E’ il momento ideale per coltivare una molteplicità di approcci alla pagina che sotto il monopolio della lettura scolastica non hanno potuto fiorire”. Come accade ai visionari, Illic guardava nella direzione giusta: In anticipo.
Il libro progettato intorno all’intuizione di Gutenberg è solo un modo fra i tanti di interazione di interazione con la pagina scritta. Un modo efficace – il più efficace – per molti aspetti. Inadatto per altri. Uno fra tutti: a causa di limiti tecnici, l’avvento della stampa ha esasperato la contrapposizione tra testo e immagine. Eliminando numerose forme di scrittura che, fin dalle origini, utilizzavano un diverso rapporto tra i segni, e la loro posizione all’interno della pagina, per codificare un messaggio. E questi limiti hanno influenzato anche la genesi dei giornali e, per riflessi culturali e nuovi limiti tecnici, delle loro evoluzioni digitali: i siti web. I supporti per la lettura emergenti, a cominciare dall’iPad, offrono ora l’opportunità di recuperare queste forme di scrittura perse nel tempo. E di inserirle in nuove pratiche di comunicazione.

Inizia così l’articolo Riscrivere la lettura, di Antonio C. Larizza, su Nòva del Sole 24 di oggi.

Categorie:

0 risposte a “Il libro, uno tra tanti”

  1. Larizza non ha torto (e proprio quel libro di Illich è tra i miei preferiti, e non solo sul tema della scrittura), però la rivoluzione di cui parla è già in atto da un pezzo, e l'Ipad non farà che permettere l'accentuazione di una tendenza che la stampa non ha affatto chiuso, ma solo rallentato.
    Sto proprio ora leggendo un bel libro di Andrea Catellani (Lo sguardo e la parola. Saggio di analisi della letteratura spirituale illustrata, Franco Cesati Ed.) che mostra come i gesuiti utilizzassero già tra Cinque e Seicento modalità didattiche ed esplicative basate su una forte interazione tra parola e immagine. Oggi la chiameremmo forse infografica.
    (E poi tra due mesi esce anche il mio libro, che non si occupa di Ipad, ma ha lo stesso titolo del mio blog, e puoi immaginare di che cosa parla).
    Ciao
    db

  2. Bellissima la doppia pagina di Nòva, e molto buono l'articolo qui citato. Oltre ai punti di continuità bisognerebbe però analizzare anche i punti di frattura tra i due medium…
    Il libro illustrato premoderno [d'ora in poi: Lip] compariva in un regime di scarsità (quando non era unico), i testi "illuminati" su iPad [d'ora in poi: Tisi] saranno una frazione degli "oggetti" fruibili sulla tavoletta.
    I Lip eano destinati a pochi, selezionati e preparatissimi lettori, i Tisi a infiniti lettori anonimi.
    I Lip erano pensati per durare in eterno, buona parte dei Tisi saranno pensati, prodotti e consumati in tempi brevissimi e per durare tempi brevissimi [ci crediamo davvero all'aggiornamento perenne dei testi giornalistici elettronici?].
    I Lip erano molto spesso supporti per la meditazione, non so se ciò si potrà dire per i Tisi!
    Insomma, anche se esiste una certa aria di famiglia, lo Zeitgeist attuale è troppo particolare per pensare a una semplice riprsa di una tradizione premoderna interrotta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *