scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

24 aprile 2010

Armonie in bianco e nero

Stamattina ho faticato a staccarmi dalla lettura di Flow per andare verso il centro di Roma sotto il diluvio.

Il libro dello psicologo statunitense di origini ungheresi dal cognome impronunciabile, Csikszentmihalyi, mi ha acchiappata fin dal primo capitolo perché affronta un tema che sta a cuore a tutti: la felicità. Non quella che ci capita addosso all’improvviso perché incontriamo l’uomo o la donna dei sogni o vinciamo alla lotteria, bensì quella che nasce da dentro, dal condurre una vita in sintonia con ciò che siamo davvero. Una vita autentica, direbbe il nostro teologo Vito Mancuso. Una vita in armonia con il nostro dharma, direbbe un filosofo indiano.

Una vita felice, per Csikszentmihalyi, è quella ricca di optimal experiences, di esperienze vissute in una condizione di flow, in cui facciamo una qualsiasi cosa – anche semplicissima e quotidiana – con grande attenzione al dettaglio di ciò che ci sta accadendo nel momento presente, in cui mettiamo tutta la nostra consapevolezza per raggiungere un obiettivo. Senza pensare al successo, ma solo perché quello che stiamo facendo ci piace, serve, ha un senso per noi e per gli altri.

Quando finiamo possiamo essere anche molto stanchi, ma proviamo un senso di felicità di cui continueremo ad avere nostalgia e che cercheremo di ritrovare ancora.

Non immaginavo, sotto la pioggia battente, che stamattina mi aspettava proprio una straordinaria testimonianza di flow.
L’ho trovata al Palazzo delle Esposizioni, nella mostra del fotografo napoletano Mimmo Jodice.
180 foto in bianco e nero che raccontano una vita e anche il nostro paese, dall’arte concettuale alla riscoperta dell’antichità, dall’impegno sociale agli anni delle disillusioni, fino al silenzio e alla pace che solo trovarsi soli nella natura può regalare.

Ma soprattutto il documentario di un’ora in cui Jodice, nel suo studio, lungo il mare o tra gli scavi archeologici, parla con disarmante semplicità del suo rapporto con ciò che lo circonda: l’arte, la malattia che prende uomini e cose, la bellezza accecante e le contraddizioni della sua Napoli, l’immersione nell’antico, le sensazioni di fronte al mare.

Niente tecnicalità e niente lezioni, se non la lezione della pazienza, della tenacia e dell’ascolto per cogliere i rari momenti in cui visione, emozione e pensiero sono in allineamento perfetto.

Flow e scrittura >>
Csikszentmihalyi su TED >>

0 risposte a “Armonie in bianco e nero”

  1. Ma allora ci conosciamo?!?!Sono la laureanda 57enne girovaga che ha scritto del girovagare e girovagando sono la laureata 57enne con lode. Dimostrazione algebrica dell'utilità del girovagare. Come se non bastasse oggi questi post, ieri l'altro ancora la discussione della mia tesi girovaga, lo stesso stato d'animo.Quando vuoi ti offro un caffè!Grazie anche di quella rispostaGrazia

  2. "Armonia" è la parola che mi viene in mente leggendo questo bellissimo post. Armonia come accordo di suoni.Forse è proprio nell'accordare la vita con noi stessi che si cela il segreto della felicità… nel condurre una vita in sintonia con ciò che siamo davvero, come scrivi tu Luisa.In un "flusso" unico, continuo, armonioso.Grazie per lo spunto.Caterina

  3. Tradotto in italiano con il titolo La corrente della vita, pubblicato da Frassinelli nel 1992, fuori catalogo da tempo.Quando l'ho letto per la prima volta non ho affatto pensato al self-help, ma a John Ruskin (Gli elementi del disegno) e a un medico assai ben documentato, umile e colto, che si fossero messi a scrivere insieme.Contenta che ogni tanto ritorni, Cheeks sent me high!Silvia T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *