scegli cosa leggere tra quasi 2.000 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert aggettivi Alphonse Mucha Amos Oz Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto aziendalese Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza comunicazione comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting creatività Dan Pink Daniel Kahneman diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway facebook Federico Badaloni Fosco Maraini fotografia Garr Reynolds George Orwell Gerry McGovern Giacomo Mason Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanni Bellini Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing Guy Kawasaki incipit inglese intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jakob Nielsen Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità lessico lettura liste longform Luca Serianni Luca Sofri maiuscole manuali mappe mentali Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Mantellini mobile momenti mostre musei Nancy Duarte Neil MacGregor netiquette neuromarketing Paolo Iabichino Patrizia Cavalli Paul Auster piramide rovesciata poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Peter Clark sanscrito scuola semplificazione Seo Seth Godin silenzio sintassi sintesi speech writing Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline TED terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Umberto Eco usabilità visual design web writing yoga

risali negli anni

10 gennaio 2010

Etica e creatività dell’invertising

A me il signore che campeggia da solo sulla copertina di Invertising di Paolo Iabichino sembra che danzi e stia eseguendo una complicata piroetta, in cui deve muoversi velocemente e con ritmo, mantenersi elegantemente in equilibrio e al tempo stesso non perdere il contatto con il suo pubblico.

Sono convinta si tratti di un’interpretazione molto estensiva e del tutto personale, ma lungo la lettura del libro ho finito per convincermi che sì, il pubblicitario di oggi sta proprio cercando di eseguire un passaggio difficile.

Deve muoversi al ritmo incalzante dell’evoluzione tecnologica e su palcoscenici del tutto nuovi per lui, ma soprattutto deve riconquistare l’attenzione di un pubblico disaffezionato, sfiduciato e distratto, che ha imparato a divertirsi ballando da solo.

Paolo Iabichino ci racconta questo passaggio dal di dentro, da direttore creativo di una delle più importanti agenzie a livello italiano e mondiale ma soprattutto da innamorato del proprio mestiere che, ne è convinto, ha ancora un grande avvenire davanti a sé. Purché sappia invertire il suo senso di marcia, fare invertising, appunto.

Invertising è la capacità delle marche di risintonizzarsi sui bisogni e le aspirazioni più profondi delle persone, e ripartire proprio da qui, non dai media brief o dalla multicanalità. Saranno poi l’intelligenza e l’autenticità del messaggio a dar vita a nuove conversazioni e nuove storie e a coinvolgere le persone sui tanti canali che oggi abbiamo a disposizione. Tutti, senza inutili distinzioni tra vecchi e nuovi.

Come il ballerino che piroetta in copertina, la prima parte del libro si volta indietro e ripercorre gli ultimi decenni della pubblicità. Non per un piacere nostalgico, ma per capire le ragioni della crisi e della ripartenza di oggi.

La seconda parte guarda dritto in avanti ed è un susseguirsi di storie belle e coraggiose di marche che stanno già sperimentando il cambio di direzione: vi troverete la bellezza autentica di Dove, le conversazioni sul pianeta intelligente di IBM, i fan progettisti della nuova 500, i cortometraggi di Intesa Sanpaolo, la nuova vita del bollino blu di Chiquita, il fortunato lancio dell’edizione italiana di Wired.

0 risposte a “Etica e creatività dell’invertising”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *