scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Anno: 2009
5 Novembre 2009

La sezione Lingua italiana sul sito della Treccani dedica un articolo interessante alla prosa di Ilvo Diamanti. La prosa frantumata, fatta di microfrasi. “Stop-and-go” la chiama l’autore dell’articolo, “mal di mare” l’ha definita una mia allieva in un laboratorio di scrittura. Quale linguista non ha detto la sua in questi anni, da Luca Serianni a Bice Mortara Garavelli? L’articolo cita tutti i punti di vista, compreso quello del diretto interessato, che difende il suo stile ma soprattutto la piena consapevolezza […]

continua a leggere
3 Novembre 2009

See the world one drawing at a time è la splendida tagline di Urban Sketchers, blog collettivo cui contribuiscono 100 artisti che da tutto il mondo disegnano giorno per giorno le città in cui vivono, lavorano e viaggiano. Per chi, come me, la mattina accende insieme il pc e il fornello sotto la macchinetta del caffé affacciarsi su Urban Sketchers è uno dei modi più piacevoli di cominciare a mettere il naso fuori casa.  

continua a leggere
3 Novembre 2009

I link sono l’essenza del web, la “moneta dell’economia dei new media”. Eppure è uno dei terreni su cui è più difficile avere e dare delle buone indicazioni. Linkare all’interno del testo? Linkare alla fine in una sezione “approfondimenti”? E quanto? E poi quanto devono essere lunghi i link? Quali parole usare? Io mi regolo sempre diversamente a seconda dei testi e il mio parametro è che un link deve essere un servizio, ma mai un inciampo alla lettura. Il […]

continua a leggere
31 Ottobre 2009

Alexander Calder era un omone. Le fotografie che Ugo Mulas gli scattò negli anni sessanta ce lo mostrano intento al lavoro negli immensi spazi del suo laboratorio con grandi lastre metalliche davanti e rotoloni di fil di ferro agganciati al braccio, oppure mentre monta un’opera in piena campagna insieme agli operai o in una pausa con un fiasco di vino davanti. Un artigiano dall’inizio alla fine, che in pochi anni con stupore e allegria è riuscito a rivoluzionare la scultura […]

continua a leggere
25 Ottobre 2009

Credo che valga la pena di ascoltare almeno alcuni interventi delle Venice Sessions. Per quanto mi riguarda, comincio con David Weinberger e Alessandro Baricco. PS Scorrendo l’intera rassegna degli oratori mi sono trovata inaspettatamente davanti una parata di maschi, così mi sono messa a contare i generi con santa pazienza: su 87, 15 donne.

continua a leggere
23 Ottobre 2009

A proposito di elenchi, il Guardian racconta così i 40 anni di internet: La prima email Il primo virus La prima community online Il primo emoticon Il primo gioco multiplayer Il primo motori di ricerca Il primo browser La prima webcam Il primo blog Il primo cybercafe La prima vendita su eBay La prima voce di Wikepedia Il primo social network Il primo fallimento di dotcom Il primo video di YouTube

continua a leggere
17 Ottobre 2009

Questo post ce l’ho in testa da un po’, stimolato dai tanti, troppi, messaggi che ricevo da parte di giovani che cercano invano lavoro nel campo della scrittura e della comunicazione e anche da un articolo scritto il mese scorso da Paola Mastrocola sulla Stampa: L’innocenza perduta dei giovani precari. La Mastrocola ha solo pochi anni più di me, apparteniamo quindi alla stessa generazione, siamo entrambe laureate in lettere e in diverso modo ci guadagnamo da vivere con le parole. […]

continua a leggere
15 Ottobre 2009

Il passaggio massiccio dalla lettura sulla carta a quella sugli schermi dà molto da pensare a linguisti e scienziati. Come cambia la lettura? Il nostro cervello si adatta o è disorientato? Riusciremo a coniugare la ricchezza offerta dagli ipertesti con quello che Proust chiamava “il cuore della lettura”, cioè la capacità di andare oltre le parole dell’autore per esplorare il profondo di noi stessi? La questione naturalmente interessa molto anche a chi per gli schermi scrive. Ieri il New York […]

continua a leggere
14 Ottobre 2009

Oggi il Corriere della Sera pubblica un articolo di Paolo Foschini sulle 2.800 parole da salvare del Vocabolario Zingarelli 2010, un’iniziativa che ho segnalato qualche post fa. L’articolo è divertente, perché l’autore vi si impegna a usare un gran numero di parole da salvare, proprio quelle che lo Zingarelli indica con il segno dei fiori (quello dei quadri è riservato alle parole dell’italiano fondamentale). Sì, proprio i segni delle carte da ramino. Non sono parole strane o desuete, solo parole […]

continua a leggere
14 Ottobre 2009

Via Internazionale ho scoperto e vi segnalo la piccola ma interessante guida al blogging durante conferenze ed eventi Tips for conference bloggers scritta da Ethan Zuckerman e Bruno Giussani, responsabile per l’Europa delle TED conference. Se TED non vi dice niente, andate direttamente a scoprire di che si tratta, per esempio a partire da questo gioiellino di soli quattro minuti. O da questo, di soli tre minuti.

continua a leggere
13 Ottobre 2009

Ultimamente mi sono occupata parecchio di testo sulle slide, anche perché io stessa di slide ne preparo delle vagonate. Prima la consideravo un’incombenza indispensabile ma noiosa, ora mi ci diverto moltissimo. Il formato “paesaggio” mi sembra sempre più un terreno interessante per sperimentare le mille sfaccettature dell’unione tra parole e immagini, forme delle lettere e colori. Con immagini che aiutano le parole, e parole che diventano immagini. Sulle slide applichi tutte le buone indicazioni di base della scrittura professionale: la […]

continua a leggere
9 Ottobre 2009

Torno al blog dopo una settimana intensa di laboratori di scrittura, connessioni precarie, cantiere in casa. Aggregatore e casella di posta sono sovraffollati e ci metterò un po’ a smaltire il tutto. Vorrei però passarvi subito una segnalazione di Marco Fossati di Creative Classics: il Content Marketing Ebook di Jonathan Kranz, scaricabile online. Kranz è l’autore di Writing Copy nella collana For Dummies. Se non fate gli snob verso la celebre serie nera e gialla, piena di pupazzetti, ci troverete […]

continua a leggere
29 Settembre 2009

Visto che sono incollata a testa bassa alla scrivania da ore, mi prendo una pausa e vi segnalo il bel Contrappunto di ieri di Massimo Mantellini, dedicato al ruolo del testo oggi: Calamaio e mappa caratteri. Ruolo improvvisamente centrale all’alba del nuovo millennio dopo la grande ondata della voce che ha dominato la seconda metà del novecento. Scriviamo tantissimo, ma con strumenti completamente diversi rispetto al passato. Lo spunto è un articolo sul valore della calligrafia che Umberto Eco ha […]

continua a leggere
28 Settembre 2009

Nella mia suprema ignoranza ero convinta che la parola scarabocchio avesse dentro la radice di “scrivere”. Manco per niente, come mi rivela stamattina la Parola del Giorno Zanichelli: ♣ scarabòcchio [dal fr. escarbot ‘scarafaggio’, sovrapposizione di escargot ‘chiocciola’ all’ant. écharbot ‘scarafaggio’ ☼ 1598] s. m. 1 Insieme di segni senza significato: una pagina di quaderno piena di scarabocchi. SIN. Ghirigoro | Parola illeggibile, mal scritta: questa firma è uno s. SIN. Sgorbio | Macchia d’inchiostro fatta scrivendo. 2 Disegno fatto […]

continua a leggere
27 Settembre 2009

Ieri, mentre tornavo a Roma dopo la Reunion del Mastercom di San Marino, in treno ho finito di leggere Proust e il calamaro. Un libro strano, perché è come se ce ne fossero due dentro. Uno me lo sono divorato, l’altro l’ho praticamente saltato. Quello che ho divorato è scritto dalla Maryanne Wolf lettrice appassionata, storica della lettura e mamma premurosa (dei figli suoi e di tutti i bambini alle prese con i libri). Quello che ho saltato è scritto […]

continua a leggere
16 Settembre 2009

The problem with non: un appassionato post di Seth Godin sulla comunicazione delle istituzioni non-profit. Dalle denominazioni a Twitter.

continua a leggere
14 Settembre 2009

Bing, il nome del neonato motore di ricerca di Microsoft, è stato ideato dai più famosi nominatori del mondo, Interbrand. Sul sito e sul blog ci raccontano come è andato il parto, durato ben sei mesi. Microsoft chiedeva che il nome del nuovo motore fosse breve e facile da ricordare, associato immediatamente all’efficienza della ricerca, ai risultati veloci e significativi. La squadra di otto professionisti di Interbrand ha buttato giù durante i brainstorming circa 2.000 nomi. I 600 più convincenti […]

continua a leggere
12 Settembre 2009

“Tutti discutono la mia arte e affermano di comprenderla, come se fosse necessario comprendere, quando invece basterebbe amare.” Tra le tante, belle e brevi, citazioni che accompagnano il visitatore lungo il giardino dipinto della mostra milanese dedicata alle Ninfee di Monet, questa mi ha dato la chiave per la mia visita di qualche giorno fa. Mi sono semplicemente lasciata andare e mi sono seduta per tutto il tempo che ho voluto di fronte alle 40 tele provenienti dal Museo Marmottan […]

continua a leggere
8 Settembre 2009

Attraverso il blog 60 Questions sono approdata al dossier La lecture change, nos cerveaux aussi del mensile francese di divulgazione scientifica Science et Vie. Interamente disponibile online, fa il punto su come stanno cambiando le nostre abitudini di lettura (e il nostro cervello) da quando leggiamo sempre più su schermi grandi e piccoli. Dopo cinquecento anni in cui ci siamo abituati a leggere su un libro, sfogliando pagina dopo pagina, ora il testo dilaga sui supporti più diversi. Il nostro […]

continua a leggere
7 Settembre 2009

Rinvii Rinviamo continuamente l’istante in cui non ci incontreremo in nessun luogo. Nel frattempo ridiamo molte volte di tante cose della nostra vita, e a volte piangiamo soli, di nascosto, per ciò che non ritornerà mai più. Titos Patrikios, traduzione di Nicola Crocetti

continua a leggere