scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

17 Novembre 2009

Tra virgolette

Oggi la mia lezione alla Writing School della Luiss verteva sulla formattazione del testo in rete: capoversi, stili del carattere, font, valore degli spazi. Prepararla è stata l’occasione per rifare il punto anche per me e rimettere a fuoco alcune cose.

Una di queste è l’uso delle virgolette, che in rete (ma anche fuori) andrebbero usate il meno possibile e solo quando servono davvero, cioè in pochissimi casi che stringi stringi sono il discorso diretto, la citazione e l’uso particolare (allusivo, ironico, traslato) di una parola o di un’espressione. Per la lettura sullo schermo, meno piccoli segni si mettono, meglio è.

Invece mi sono accorta che ultimamente in tanti lavori di editing non faccio altro che togliere virgolette. Mi sono chiesta perché e mi sono anche data la risposta: siccome l’uso corretto degli stili del carattere (grassetto, corsivo, sottolineato, maiuscolo, maiuscoletto) è quasi sempre avvolto nel mistero, si ricorre alle virgolette per “staccare” qualsiasi cosa. Per evidenziare, per nominare un prodotto, per citare un articolo, per il titolo di un convegno o di un seminario, per una parola straniera, per un programma aziendale… ovunque si addicono piuttosto grassetto o corsivo.

Un’altra abitudine dilagante nella scrittura delle organizzazioni è quella di iperformattare: una parola va in corsivo, ma anche tra virgolette e, se è importante, magari pure in grassetto.

In realtà le regole di base sono piuttosto semplici e sono in tutte la grammatiche di base e nei manuali di stile. Sono pure sul Mestiere di scrivere e in altri siti.
In un’azienda o in un’aula universitaria basta dirle una volta e nessuno le scorda più. Non solo: è anche un tema che piace sempre molto e suscita un sacco di domande e curiosità. Credo proprio perché è un affascinante terreno sconosciuto che sarebbe bene esplorare a scuola, fin da piccoli, senza dover attendere l’università e oltre.

PS Dopo aver scritto di getto questo post, sono andata a fare un ripassino sul Manuale di Stile Zanichelli, la cui attenzione al dettaglio mi cattura sempre. Sì, possiamo anche usare le virgolette per il titolo di una poesia o di un racconto, purché parti di un’opera più vasta, citata in corsivo. Insomma la novella “Lumie di Sicilia”, dalle Novelle per un anno di Luigi Pirandello. Oppure “A Silvia”, dai Canti di Giacomo Leopardi.

11 risposte a “Tra virgolette”

  1. Una simpatica vecchietta del mio paese (che ahimè non c’è più) diceva sempre nel nostro dialetto: <<Ogni giorno si fa la luna e ogni giorno si impara una!>>.

  2. Sul Web e soprattutto nei post dei blog, spesso
    si usa marcare una parola chiave in grassetto e corsivo
    come forzatura per gli spider.

    Per il resto, mi rendo conto di abusarne spesso
    anche io!

  3. Talvolta trovo le virgolette al posto dello sforzo per precisare un concetto, un’idea, quasi legittimassero una approssimazione.
    Come se dentro a quelle virgolette potesse starci più di quanto non si sia stati capaci di esprimere con le parole.

    Benita

    • Stessa impressione. La verità è che tanti si credono scrittori talentuosi, senza “aver studiato”. Centinaia di scrittori. Spesso mi domando perché non s’improvvisano meccanici o tappezzieri.

  4. L’altro giorno leggendo un mio articolo, inzeppato di parole virgolettate, il mio capo mi ha detto: è ottimo, ma perché virgoletti tutto? sembra quasi che tu abbia paura del significato delle parole che utlizzi…

    Mi sono reso conto che ha ragione e la quantità di parole virgolettate (non parlo delle citazioni ovviamente) che uso nei testi è inversamente proporzionale alle certezze che ho su quell’argomento. Se dovessi scrivere un testo di teologia, temo virgoletterei tutto dalla prima all’ultima pagina!

    Marco

  5. Sì, le virgolette solo per titoli  di articoli o parti di opere più ampie (i titoli dell’opera vanno invece in corsivo senza virgolette): avevo una relatrice per la tesi molto attenta, e devo dire che mi è servito molto, allora come oggi nel mio lavoro quotidiano. Sono d’accordo con te sul fatto che quello della formattazione sia un tema da "divulgare" (ecco le virgolette! ;-)) di più e, come dici tu, basta fare riferimento a un ottimo manuale di stile come quello di Lesina.

  6.  A questo punto mi viene da dire "menomale che ci sono gli editor!"… 

    E questo mi fa pensare a quanto sia importante che ognuno faccia il proprio mestiere. Lo scrittore deve scrivere storie (ovviamente deve conoscere la grammatica), ma è fondamentale l’intervento di editor professionisti.

    Lo so che ciò sembra scontato, ma spesso incontro scrittori in erba (come me) che cercano di convincermi che nessuno meglio di loro conosce il proprio romanzo e che quindi nessuno può "metterci le mani"…

    Ps: troppe virgolette? 😉 

  7. Ciao Luisa,

    forse puoi aiutarmi, ho un dubbio redazionale:
    se ho del testo in corsivo tra virgolette “qualcosa_in_corsivo”, vanno in corsivo anche le virgolette o solo il testo tra di esse? Grazie, F+

  8. Salve, avrei bisogno di un confronto per chiarire questo dubbio: nel caso di un testo citato tra virgolette e in corsivo, è meglio lasciare uno spazio tra l’ultima lettera o battuta (specialmente se un punto interrogativo o esclamativo) e le virgolette alte di chiusura?
    Il corsivo infatti fa sì che il carattere si addossi alle virgolette di chiusura che non sono in corsivo.
    Cosa fare in questi casi?
    Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *