scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

28 Luglio 2008

La grazia e le grazie di Correggio

Le opere d’arte, come i libri, dovresti rileggerle in diversi momenti della vita, perché ogni volta ti sveleranno qualcosa di diverso. Qualcuna non ti piacerà più. Altre, che ti avevano lasciato indifferente, ti entusiasmeranno.

Correggio, il pittore cinquecentesco che prese il nome dal suo paese vicino Parma, a me è piaciuto sempre ma dopo aver visto ieri la splendida mostra che gli dedica a Roma la Galleria Borghese, so meglio perché.
Antonio Allegri, Madonna col bambino (1526). Firenze, Galleria degli Uffizi.Il suo vero nome era Antonio Allegri, ma secondo il biografo degli artisti Giorgio Vasari, non fece molto onore al suo nome, essendo anzi persona molto schiva e malinconica.

Di tutt’altro segno la sua pittura: che dipinga una Madonna con il bambino, un’amorosa dea o un tripudio di angeli e santi, Correggio sa infondervi gioia, allegria, serenità. Una quotidianità avvolta da una luce dorata.

Non era facile muoversi tra i grandi mostri sacri contemporanei. In Correggio, c’è qualcosa di ognuno: la prospettiva aerea e i volti pieni di sentimento di Leonardo, le figure avvitate come serpenti di Michelangelo, la passione per l’antico di Raffaello. Eppure Correggio non assomiglia a nessuno, prende e rielabora nella sua solitudine provinciale per esplodere con opere uniche che si alzano su su a bucare di infinito le volte delle chiese e anticipano di un secolo laAntonio Allegri, Io e Giove (1531-32). Vienna, Kunsthistorisches Museom. grande pittura barocca.

Il bello è che porta nei cieli la quotidianità della terra.
La Vergine assunta in cielo è una ridente ragazza parmigiana che per sostenersi si appoggia con il piede a un indispettito puttino.

La giovane Madonna degli Uffizi, finalmente sola con il suo bambino, esplode in grida e gesti di tenerezza, come una mamma qualunque. Ci sarà pure dietro l’altissima colonna che allude alla Chiesa e alla fede, ma a lei sembra non importare proprio nulla.

Il pittore delle madonne e della grazia non si tirò affatto indietro quando, alla fine della sua breve vita, Federico Gonzaga e Isabella d’Este gli commissionarono una serie di quadri dal tema assai difficile: gli amori di Giove, il quale adorava sedurre dee, ninfe e ragazzetti ricorrendo a qualunque stratagemma pur di non farsi scoprire dalla moglie. L’incarico era importante: il duca di Mantova intendeva regalare i quadri all’imperatore Carlo V.

Quegli stratagemmi olimpici divennero per Correggio gli spunti per soluzioni compositive e tematiche inedite e audacissime, che gli fecero scalare le vette dell’erotismo in quadri talmente belli e delicati che anche il bacchettonissimo Filippo II di Spagna non trovava niente di male nel rimirarli di tanto in tanto.
Della sacerdotessa Io non vediamo nulla se non quella schiena bianchissima che pare precipitare verso di noi e il viso estatico. Il seduttore Giove è quella nuvolona nera che la avvolge completamente per non lasciare spazio a niente altro; solo vicino al viso della ragazza scorgiamo in trasparenza il bacio appassionato del re degli dei.

Per Danae, invece, Giove prese le sembianze di una pioggia dorata che le cade dritta dritta in grembo. L’evento portentoso si svolge in una semplice camera da letto al tramonto, tra candide lenzuola e amorini che giocano. Nessuno sguardo malizioso, come in Tiziano, niente rossi infuocati di passione, solo una sinfonia di bianchi, grigi e oro.
Antonio Allegri, Danae (1531). Roma, Galleria Borghese

Salva

Categorie:

0 risposte a “La grazia e le grazie di Correggio”

  1. Ciao Luisa, ci hai raccontato una piccola bugia sui giorni di vacanza, ma ti perdoniamo volentieri per il bel post d’arte che ci hai regalato. Fa venir voglia di mollare tutto e correre a Roma.
    Grazie!

  2. Veramente non ho detto una bugia 😉 Ero qui a Roma, ma non avevo tanta voglia di scrivere, atteggiamento che ho assecondato senza troppi sensi di colpa, visto che considero il blog un piacere e non un dovere.
    Ciao.

    Luisa

  3. Luisa questo post mi ha ricordato una cosa che avevo messo in un forum, ma io non conosco l’autore del motto che riporto nel secondo post

    http://jag.forumfree.net/?t=22549351

    Il pezzo è questo:

    “Un libro andrebbe letto più volte nel corso della vita, da giovani, in età matura e da anziani.
    Se ne leggono sfumature differenti.
    E’ come per un edificio, va ammirato al mattino presto, con la luce rosata dell’aba che ce lo mostra attraverso una nebbiolina sottile, poi a mezzodì, con il sole che lo illumina mettendone in chiaro i pregi e difetti, e poi al tramonto con quell’atmosfera che smussa gli angoli.”

    La frase non era esattamente quella.
    Ma il senso grosso modo sì.

    Ci ho preso allora… cioè non me l’ero sognato di aver letto sta cosa!

    😀

    Grazie, per l’ennesima volta mi permetti di colmare una lacuna!
    😀

    E concordo, si scrive quando se ne ha voglia!
    😀

  4. Ho enfatizzato un po’ troppo… era un modo per dirti che sono contenta di tornare a leggere i tuoi post che trovo sempre interessanti e culturalmente stimolanti. Condivido anche in pieno la l’opinione del blog visto come un piacere e non un dovere. Credo anche che quando sono gestiti con ragionevole continuita’ denotano un atto di generosita’ nei confronti dei visitatori.
    Grazie e buone vacanze!

    L’anonima del 28 luglio

  5. Cara Luisa,
    ho trovato questo blog, per caso,sono studente di italiano,e mi é piaciuto tantissimo che voglio seguirlo e imparare da te.
    tanti saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *