scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

16 Aprile 2007

Tu! Chi, io?

Sabato, sul Corriere della Sera, c’era un articolo molto sfizioso sulla “dittatura del tu”, a firma del giornalista americano Christopher Hitchens.
E’ il dilagante fenomeno che vede organizzazioni pubbliche e private apostrofare direttamente il cliente o il cittadino illudendosi così di “rafforzare la relazione”.

E’ il caso dei mille slogan la nostra mission: le tue esigenze, costruito intorno al tuo mondo, tutto intorno a te, sei tu che scegli, spiaggie uniche solo per te, ogni cliente per noi è unico: proprio come te, diamo risposte alle tue domande.

Oppure degli inviti perentori: scarica subito la tua copia gratuita! registrati per avere il tuo omaggio esclusivo!

O delle lettere: Per qualsiasi ulteriore informazione, rivolgiti al tuo consulente di fiducia. Ti inviamo la documentazione del tuo prodotto.

Per la mia esperienza, tutto questo fiorire di pronomi personali e aggettivi possessivi deriva sì dal desiderio spesso ingenuo di accorciare le distanze, ma anche dalla loro onnipresenza in inglese. Nelle aziende multinazionali si traduce pari pari, e gli altri seguono.

Quando poi è unito a imperativi e punti esclamativi l’effetto può essere addirittura opposto. Nella peggiore delle ipotesi il povero cliente si sente accerchiato, soffoca e cerca una via di scampo, nella migliore si nausea per tanto stucco e zucchero. Vuole scegliere sì, ma mica con la badante appresso!

Quella della call to action è arte sottile, fatta anche di lei e tu, ma soprattutto di rispetto, attenzione e terreno preparato fin dall’inizio della pagina, del sito, del documento, non di improvvise scorciatoie.

6 risposte a “Tu! Chi, io?”

  1. Concordo con la tua conclusione, anche perché in alcuni ambienti è lecito aspettarsi rispetto e distacco (una buona comunicazione in inglese, pur usando solo lo you sa mantenere le distanze). Alcuni, in italiano, scendono nel ridicolo dando del lei nel benvenuto e del tu nel sottomenù (o viceversa che è lo stesso). Ardovig

  2. E che cosa mi dici delle riviste italiane dedicate al cosiddetto life style, come i fantastici Fox, Health e For Men, che non solo danno del tu al lettore negli articoli, ma lo maltrattano anche un po’?

    Ciao, Fabio.

  3. Stavo per commentare anche io l’articolo (che condivido) quando ho visto il tuo post… Ti ho linkato, che è meglio. Ma quanto è difficile scrivere “pubblicitese” senza il tu.
    Ciao
    Carla

  4. un piccolo aneddoto, su scala ridottissima, però in tema. qualche tempo fa, d’inverno. la commessa molto giovane mi fa provare un berretto inglese. a me sembra classico, lo indosso per il suo verso, lei me lo gira a rovescio sulla fronte, lo calca, mi dà del tu. sono perplesso: il berretto mi piace, ma quel modello, adesso, si porta rovescio. lo lascio sul tavolo, ci penserò. la commessa cerca altri cappelli dandomi del lei.

  5. Credo che nella comunicazione scritta pubblicitaria il “tu” sia la forma più gradevole poichè quando si legge si è davvero a “tu per tu” con la parola scritta. E’ piuttosto l’insieme del messaggio che non deve essere eccessivo nè perentorio. Per quanto riguarda l’ispirazione dalla lingua inglese/americana credo che ci tolga un po’ nella forma ma ci insegni molto sull’impatto della sintesi nella comunicazione.
    Non sono un’esperta in materia ma questo è ciò che penso.
    Grazie Luisa per i bei post che invitano alla riflessione e al ragionamento.
    Eli –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *