scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Banksy Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds genere femminile George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giò Ponti Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti Monica Dengo mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Anno: 2006
15 Marzo 2006

Qualche volta il lavoro ti fa stare in buona compagnia. Ho trascorso un’ora con le parole, i disegni e le sculture di Louise Bourgeois, un’artista che conoscevo pochissimo. Una bambina di 95 anni, che ha attraversato tutto il novecento, ha conosciuto Picasso, Leger, i surrealisti in Francia, per poi stabilirsi negli USA prima della seconda guerra mondiale. Incise o scolpite, le sue sono forme ancestrali e quindi eterne, colte nel momento in cui si generano. Un Paul Klee femmina, ma molto […]

continua a leggere
11 Marzo 2006

Ieri, alla presentazione del libro di Giovanni Lucarelli, Domenico De Masi – teorico dell’ozio creativo – faceva notare come in tutti i paradisi che l’uomo ha immaginato lungo i secoli non c’è la minima ombra di lavoro, neanche quello ideale, scelto, gratificante e gioioso. Non c’è e basta, quindi il lavoro non è tra le aspirazioni dell’uomo. Noi uomini (e donne) avremmo quindi due sole possibilità: restringere al massimo il tempo del lavoro e aumentare di conseguenza lo spazio del tempo libero […]

continua a leggere
7 Marzo 2006

È bello quando cerchi e ti aspetti di trovare qualcosa, e insieme trovi anche qualcosa di inaspettato. Stamattina ho avuto una di queste sorprese. Ore 10, quartiere Cassia di Roma, Istituto Comprensivo Parco di Veio, una scuola pubblica “multi-multi-multi”, come la definisce un’insegnante, dall’asilo nido alle medie. L’occasione: la presentazione ai bambini, agli insegnanti e ai genitori, di “in OTTO PAGINE”, mensile di notizie di attualità e cultura per i bambini della scuola dell’obbligo del XX Municipio, realizzato dal gruppo […]

continua a leggere
7 Marzo 2006

Che i mercati sono conversazioni le banche se ne sono accorte da un bel po’, anche se non è poi così lontana la Barbie bruna in talilleur grigio gessato come testimonial del Credito Italiano. La Barbie non parlava, strabuzzava gli occhi, mi pare con una penna in mano come un’anchorwoman della tv. Ora i dipendenti parlano eccome, uno per uno, come negli spot del San Paolo. Con il loro linguaggio, ognuno diverso dall’altro. Linguaggio di persone. Meno banca, più Francesco. […]

continua a leggere
6 Marzo 2006

Il 2005 è stato l’anno dei business blog. E alla fine dell’anno lo European Public Relations Education and Research Association (EUPERA) ha condotto The First European Survey on Weblogs in Public Relations and Communication Management, coinvolgendo 587 professionisti delle PR professionals di 33 paesi europei. Obiettivo: capire il livello di familiarità con i blog e la possibilità concreta di utilizzarli nelle attività di PR. Cosa è emerso: due terzi conosce i blog, ma solo un terzo li segue su base […]

continua a leggere
5 Marzo 2006

Sul sito Incontriamoci il programma dell’Unione in una sintesi di sole 4 pagine: Un mondo migliore, Crescita e lavoro, La famiglia al centro, Uno stato al servizio del cittadino. Ognuna con pochi titoli chiari: Mezzogiorno: fare da sé, ma non da soli Diventare leader mondiali nel turismo e un breve paragrafo di spiegazione. Segue il “programmone”, ma scaricabile anche per singoli capitoli. Solo una cosa mi ha fatto sorridere: non si parla di “alta velocità”, ma di “alta capacità” ferroviaria.

continua a leggere
5 Marzo 2006

Il libro che mi tiro dietro in questi giorni nello zaino è L’altrui mestiere, una raccolta di brevi articoli che Primo Levi ha pubblicato negli anni sulla Stampa. Talmente brevi che stanno bene nei tempi della metropolitana, mentre aspetto che cominci una riunione, alla fermata dell’autobus. Levi non ha conosciuto internet, ma ha conosciuto i primi elaboratori di testi, cui dedica un paio di belle pagine. Non so perché, ma alcuni di questi articoli mi hanno fatto pensare ai blog. […]

continua a leggere
4 Marzo 2006

“Aiuto! Il mio capo vuole che io…” è uno dei nuovi capitoli della seconda edizione di Don’t make me think di Steve Krug, uno dei libri più seri e divertenti sull’usabilità dei siti web. Libro fortunatissimo di cinque anni fa, citatissimo in tutte le bibliografie, e a ragione. Tecniche Nuove lo rimanda ora in libreria in una edizione aggiornata dall’autore. Oltre al “capo”, ci sono i CSS e la Menscheit, ovvero l’umanità dei siti, più esempi e link aggiornati.

continua a leggere
4 Marzo 2006

Ha ancora senso il comunicato stampa? La domanda attraversa da mesi i blog e i siti di comunicatori e PR. David Meermann Scott risponde di sì, ma invita a bypassare i media per arrivare direttamente ai clienti. E insegna come in un ebook scaricabile gratuitamente: The new rules of PR. How to create a press release strategy for reaching buyers directly. Molto ben fatto, anche dal punto di vista grafico.

continua a leggere
27 Febbraio 2006

“Il portale è nato per promuovere e incrementare l’offerta turistica via Internet e il patrimonio culturale, ambientale e agroalimentare italiani, come peraltro già fatto da Francia e Spagna. Utilizza un programma interattivo in grado di organizzare e programmare il viaggio, con possibilità di effettuare – integrando diverse fonti – prenotazioni on line presso alberghi e ristoranti e di acquistare biglietti di musei, teatri, ecc.” www.italia.it (dalla brochure “L’innovazione digitale per le famiglie”, curata dalla Presidenza del Consiglio – Ministro per […]

continua a leggere
26 Febbraio 2006

Liseuse: lo stesso termine francese indica una donna che legge e una leggera giacca di lana che copre le spalle delle donne che amano leggere a letto.  

continua a leggere
26 Febbraio 2006

Non mi ero accorta che a fine 2005 il sito dell’Accademia della Crusca ha chiuso il suo forum. L’annuncio della redazione è triste: “infatti, per la mancanza di fondi, l’attività del gruppo redazionale del sito dell’Accademia della Crusca subirà una forzata contrazione.” Segue il numero di conto corrente “per sostenere le attività dell’Accademia della Crusca, e in particolare quelle del sito”. Segue, il 17 gennaio scorso, un annuncio simile sulle pagine della Consulenza Linguistica, una meraviglia di servizio dal quale […]

continua a leggere
25 Febbraio 2006

Ma come ha fatto l’Unione a elaborare e pubblicare sul web un programma elettorale di 281 pagine, senza pensare che quella pesantezza e quella prolissità sarebbero diventate all’istante un’arma in mano all’avversario? Il quale avversario ha elaborato e pubblicato un programma leggero leggero di sole 22 pagine, dalla sintassi elementare ma studiatissima: Sei anni fa, quando nel corso del 2000 abbiamo scritto il primo programma della Casa delle Libertà, il mondo era molto diverso da quello in cui ora viviamo. […]

continua a leggere
25 Febbraio 2006

“A volontà: come, quando, quanto si vuole, senza limite; mangiare, bere a volontà” (Zingarelli 2006) Ho messo a fuoco meglio il fastidio provato di fronte allo slogan “Immigrati clandestini a volontà? No, grazie.” “A volontà” si riferisce alle cose, non alle persone, fa pensare al superfluo e pure all’ingordigia. A una società che ha troppo e che non vuole condividere niente. In ogni caso – comunque la si pensi – non è tema da associare a una faccia sorridente, come avviene sui […]

continua a leggere
17 Febbraio 2006

“Telecom Italia non è il gestore di riferimento di questa patologia dei servizi non richiesti.” “Stiamo implementando una procedura operativa che cercherà di arginare il fenomeno.” “Eppure inviamo una welcome letter in cui rappresentiamo al cliente…” “Se il signore si è visto addebitare 5.000 euro, mica il sistema di fatturazione può sapere che è un pensionato, senza risorse, e compagnia cantando.” Sono solo alcune delle frasi che mi ricordo dell’intervento del rappresentante di Telecom Italia, appena andato in onda su Mi […]

continua a leggere
14 Febbraio 2006

Per fortuna esistono ancora le librerie che hanno anche i libri di qualche anno fa e non solo gli ultimi usciti. Una di queste è la Feltrinelli di piazza Duomo a Milano. Ti infili nel pertugio tra griffe e panini, scendi e ti immergi in quel sottosuolo che sembra non avere fine tanto è grande. Nel reparto linguistica, moltissimi i titoli introvabili a Roma. Sfoglio, apro, chiudo, finché una copertina colorata mi fa l’occhiolino. “Grammatica creativa”… uhmm, l’aggettivo “creativo” mi […]

continua a leggere
14 Febbraio 2006

L’altro ieri, domenica 12 febbraio, Alessandro Lucchini mi ha segnalato uno speciale dedicato alla pagina bianca sull’inserto Domenica di Repubblica. Una charity di Londra, Book Aid International, ha chiesto a 25 scrittori britannici di riempire un foglio A4 sul tema della pagina bianca. 25 fogli che saranno battuti all’asta il prossimo 21 febbraio, con l’obiettivo di acquistare libri per scuole, biblioteche, università e ospedali in Africa. Repubblica ha proseguito il gioco, proponendo la stessa prova a cinque scrittori italiani: Santacroce, Citati, […]

continua a leggere
11 Febbraio 2006

Perché non ci vengono subito in mente le idee più semplici? Ho ormai decine di presentazioni powerpoint, che uso per la formazione. Spesso, per aiutarmi, scrivo anche le Note. Anzi, faccio un enorme uso di Note, perché amo le slide rarefatte e suggestive, che contengono magari solo un’immagine, una frase, una poesia, dei link. Tutto il resto lo metto io, sul momento. Improvviso, ma su un canovaccio cui ho pensato e che ho preparato con cura. Nelle Note, appunto. Come mai in […]

continua a leggere
11 Febbraio 2006

Oggi, su Io Donna del Corriere, Beppe Severgnini ha dedicato la sua rubrica alla parola “mission”. In questo caso non particolarmente originale, né tempestivo – il nostro Italian – ma sempre garbato e divertente. A dire il vero la mission – nel mondo della comunicazione – è ormai talmente superata e abusata da fare piuttosto “provinciale”. Difficilmente la troverete sui siti dei grandi brand italiani e internazionali, ormai scafatissimi con i loro testi diretti, leggeri e conversational. No, la “mission” […]

continua a leggere
8 Febbraio 2006

Da una newsletter che ho ricevuto or ora: “He has never been known to use a word that might send a reader to the dictionary.” William Faulkner (about Ernest Hemingway)

continua a leggere