scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

19 Gennaio 2005

Tempi difficili

Un paio di anni fa, una lista di discussione americana per scrittori professionali trattò per vari giorni un tema che mi interessò molto e sul quale ho poi sempre riflettuto: scrivere nei momenti difficili.
Come fare a concentrarsi sulla scrittura, a mettere insieme parole per vendere biscotti, attirare turisti verso isole tropicali, tessere le lodi di un profumo quando si è depressi, stanchi, abbandonati, delusi, preoccupati per la salute di chi ci sta a cuore.
Chi per professione scrive deve imparare a farlo anche in queste circostanze, superando l’angoscia, il blocco, il panico, sgombrando la mente, per far spazio alle parole.

Ho letto molte cose sulla capacità terapeutica della scrittura, sulla scrittura di sé, e ricevo molte lettere su questo tema. Ma quasi mai ritrovo la mia esperienza in quello che leggo. Ci ho ripensato in questi giorni, perché ho dovuto scrivere di cose profumate e leggere in ore di grande stanchezza e preoccupazione. Eppure dovevo farlo, e l’ho fatto. Non sono andata nel panico, perché tanti anni di consuetudine con le parole mi hanno insegnato che possono illuminare i momenti più bui e guidare piano piano fuori dal peggiori tunnel. Forse oggi non mi guadagnerei da vivere scrivendo se non avessi ricevuto la scrittura quasi come un dono alla fine di un periodo molto difficile. Non era un dono degli dei, naturalmente, ma la mia personale conquista di un mezzo espressivo che mi aveva permesso di mettere ordine dove regnava la confusione più totale. Nella mia mente e nella mia testa. Mi sembrò un dono perché me ne accorsi all’improvviso.

Non esisterebbe il MdS senza la mia insoddisfazione, e nemmeno questo blog, inaugurato in un pomeriggio di giugno disperato e caldissimo. Fare un blog mi sembrò un modo come un altro per arrivare alla sera. Solo dopo ci ho provato gusto ed è diventato un cantuccio confortante, di scrittura personale e leggera.

Eppure, la funzione terapeutica della scrittura non ha mai avuto per me i caratteri dello sfogo, del dilagare dei sentimenti e delle emozioni sulla pagina. Tutto al contrario.
Anche quando ho bagnato la tastiera di lacrime – anzi soprattutto allora – la calma e la rassicurazione mi sono sempre arrivate dalla “tenuta” del testo, dal suo ordine, dalla struttura che man mano riuscivo a dare.

Come tutti, anche io in certi momenti devo “buttare fuori”, pestare sui tasti con forza e quasi con rabbia, ma quello che mi conforta non è questo. E’ il vedere il testo prendere forma e ritmo mentre scrivo, disegnare immagini, giocare con le ripetizioni e con i parallelismi, sistemare le virgole, cercare la parola giusta. Meglio se su temi che nulla hanno a che fare con me e con la mia vita. Quando il testo è finito, chiuso, e metto il punto, anche la mia ansia si placa.

Essere riuscita a scrivere un testo denso, ma ordinato nella scansione, originale e leggero nello stile, che ha un senso non solo per me, ma soprattutto per chi lo leggerà, è come essere riuscita a mettere ordine nella mia testa e nel mio cuore, dipanando la matassa ingarbugliata dei ricordi, dei rimpianti, delle emozioni. Può essere un post come questo, una brochure aziendale, una pagina web… non importa. Può parlare di un software, di un libro, di un paio di calzettoni di lana, di una tisana di frutti di bosco.
A me parla soprattutto di me e della strada che anche questa volta sono riuscita a trovare.

Categorie:

21 risposte a “Tempi difficili”

  1. Ancora un testo illluminante e prezioso, come una torcia quando va via la luce. Te ne sono grato. Ti leggo assiduamente se pure, fino ad ora, in modo anonimo. Oggi abbandono la trasparenza per dirti la mi stima. Un caro saluto. Graziano

  2. Che dire…. questa mattina non avevo proprio voglia di affrontare un’ altra giornata da disoccupato e scrivere quel piccolo articolo che mi hanno richiesto, “non vale la pena, non cambia nulla per la mia situazione”, pensavo. Mi volevo crogiolare nel mio sconforto. Poi ho letto il tuo post e mi sono messo al lavoro. Grazie di cuore Luisa è la seconda volta che mi aiuti con le tue parole a provare, comunque, a “volare”.
    Ciao, un saluto affettuoso e spero che il pensiero d’essere d’aiuto anche agli altri ti dia tanta forza in questi momenti difficili. Antonio.

  3. Scrivere mette ordine e disordine. Confonde quello che c’è e porta alla luce forme nuove e sorprendenti. La scrittura mi piace, perché mi stupisce. Non so mai come va a finire!

  4. è incredibile, ma questo blog è diventato un angolo silenzioso e confortevole, che mi parla delle cose giuste al momento giusto. grazie ancora. Francesca

  5. vero…
    la scrittura può anche diventare un modo per resistere alle storture della vita, per fare chiarezza su di sé, sciogliere dei nodi dolorosi.

    Scrivere come respirare, quando imbocchi la strada giusta, facendoti largo sgomitando tra le parole, e il tuo cuore lo avverte, e ti capita di rabbrividirne.
    Riappropriarti dei tuoi pensieri, a tal punto da plasmarli come più ti soddisfa, divertendoti!
    E’ come sciogliere un rebus o trovare la soluzione di un enigma. Sarà per questo che a me spesso non riesce : )
    Però è gratificante anche provarci, se non altro impari a non smarrirti quando quella che apri non è tanto una strada di panura quanto un varco, in una foresta…

    grazie per questo post…

    ciao
    Orme Invisibili.

  6. Scrivere per fare ordine?
    E’ un’esperienza che sto vivendo attualmente.
    Me ne ero già accorto da solo, ma qui ne ho trovato la conferma.
    Non ho molta dimestichezza di “blog”, “chat”, però è talmente “vero per me” il contenuto di questo post che non potevo resistere dal lasciare un commento.
    E’ un tentativo per “migliorarsi” e questa regola la sto “vivendo” anche adesso, mentre scrivo il commento.
    Grazie

  7. Sono una utente recente di Internet, più per timidezza che altro; ma da quando ho finalmente iniziato a passeggiare per siti e per blog, MdS è rimasto sicuramente fra le cose meglio fatte che mi è capitato di leggere.
    L’ho trovato utilissimo, pieno di esperienze personali, traboccante di desiderio di comunicare, di trasmettere agli altri la propria passione ed il proprio intenso vissuto. La caratteristica più gradevole della scrittura di L.C. è proprio la semplicità e la colloquialità del suo stile, sostanziato di una rara signorilità.
    Con viva simpatia.
    (megalo) Maria.

  8. Mi sono ritrovata in molte delle tue parole e ringrazio qui l’amica che mi ha segnalato il tuo blog (grazie, Fede!). Sai che ho anch’io il link a Internazionale, Poesia.it e l’oroscopo di Internazionale (mitico) l’ho segnalato una volta in un post?
    Ciao, ti leggerò con attenzione.

  9. perfettamente d’accordo. anche se bisogna esser consci dei rischi “onanistici” dello scrivere. e sopratutto, distinguere tra scrivere e scrivere. io faccio il copywriter e parlo di profumi, isole tropicali, connessioni a banda larga e altro, e mi diverto a scrivere di ogni cosa, provandone piacere. ma lo “scrivere” può essere anche un bisogno primario per chi ha qualcosa di preciso da dire. hai qualcosa che devi, non puoi non tirare fuori. e allora diventa più importante quel qualcosa che hai da scrivere che lo scrivere in sè, inteso come forma, come esercizio, in ultima analisi, come masturbazione, se mi si passa il termine. E in ultima analisi, ritengo, sia meglio lo scrivere di qualcosa, che lo scrivere e basta. Il panorama desolante di autori “emergenti” contemporanei in italia mi pare lo dimosrti chiaramente.

  10. E’ troppo vero. Pensare di “accollarti” problemi altrui, magari quelli di un morto a terra in una strada di periferia, di un disabile sfrattato; una qualsiasi vertenza, istanza, richiesta di qualcuno alle istituzioni, ad una azienda, al padreterno. Raccontare una storia straziante quando aspetti la telefonata di tuo fratello che speri ti dica “ok, è andata bene…”. Eppure si tira la carretta, si va avanti. Titolo occhiello sommario pezzo foto dida.
    O ci si chiude nel mutismo repellente agli sguardi e alle domande dei colleghi (“Cos’hai oggi?” “Ma non stai bene?” “E’ successo qualcosa?”) o si parla, magari col compagno/a di sventura lavorativa. O si sta zitti e si cammina, si esce, scrive, riporta, domanda, fotografa. E la sera si scoppia. Tanti modi. Ma la scrittura non so se serve. O meglio, se serve, non me l’ha fatto mai capire. Come un buon amico, in fondo.

  11. Cara Luisa
    Scrivere come leggere, aiuta a vivere, ti fa sentire meno sola, perchè sei in compagnia dei personaggi del libro che stai scrivendo o leggendo oppure se la scrittura è riferita al lavoro di copy, mi viene da pensare a chi leggerà la mia frase in quel caso mista alle mie frasi, sarà sicuramente un lavoro che suonerà diverso alle orecchie dei lettori.
    Donatella Daini

  12. Cara Luisa: rimango folgorato dalla poesia che questo pragmatico post porta; che altro dire, la bellezza delle parole ci regala tristezza e conforto, a volte nello stesso istante.
    un saluto 
    Blas 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *