scegli cosa leggere tra oltre 1.500 post

scegli per tema

segui il filo di un tag

Abby Covert Accademia della Crusca aggettivi Albrecht Dürer Alphonse Mucha Amedeo Modigliani Amos Oz analfabetismo Andrea Vitullo Andy Wharol Anna Proclemer Annamaria Testa appunti architettura dell'informazione ascolto avverbi aziendalese bambini Barack Obama Beppe Severgnini Bice Mortara Garavelli black list blog Bruno Munari burocratese buroctatese Caravaggio Carmen Consoli carta vs schermo chiarezza citazioni cluetrain comunicato stampa comunicazione comunicazione della scienza comunicazione politica consapevolezza conversevolezza copywriting Correggio creatività customer care Dacia Maraini Dan Pink Dan Roam Daniel Kahneman David Weinberger diario Diego Velázquez disconnessione dizionari dizionario analogico don milani dueparole ebook Economist Edgard Degas editing editoria Edward Tufte Elias Canetti email Ernest Hemingway eye tracking Fabrizio De Andrè facebook Federico Badaloni Filippo De Pisis fonosimbolismo Fosco Maraini fotografia freelance Garr Reynolds George Orwell Georges Simenon Gerry McGovern Giacomo Leopardi Giacomo Mason Giancarlo Livraghi Gianni Berengo Gardin Gianni Rodari Gianrico Carofiglio Giorgio De Chirico Giorgione giornalismo Giotto Giovanna Cosenza Giovanni Bellini Giovanni Boldini Giovanni Fattori Giovanni Lussu Giuseppe Antonelli Giuseppe De Nittis Giuseppe Pontiggia grammatica guerrilla marketing guide di stile Guy Kawasaki haiku Heath Brothers Henri Matisse incipit india infografica inglese intervista intranet Isabel Allende ispirazioni Italo Calvino Jack Kerouac Jakob Nielsen James Hillman Jhumpa Lahiri John Maeda Jonathan Franzen Jovanotti leggibilità Leonard Cohen lessico lettura link liste longform Luca De Biase Luca Serianni Luca Sofri Luigi Pintor maiuscole manuali mappe mentali Marc Chagall Marcela Serrano maria emanuela piemontese Maria Lai Mario Calabresi Mario Garcia marketing marketing del turismo Martin Lindstrom Martin Luther King Maryanne Wolf Massimo Birattari Massimo Mantellini meditazione Melania Mazzucco metafora microcontenuti Milena Agus mobile momenti mostre musei naming Nancy Duarte Natalia Ginzburg Neil MacGregor netiquette neuromarketing Nicoletta Cinotti numeri Orhan Pamuk Pablo Picasso pagina bianca Paolo Iabichino paragrafo passivo Patrizia Cavalli Paul Auster Paul Gauguin Paul Klee piramide rovesciata podcast poesia powerpoint precisione preposizioni presentazioni Primo Levi pronomi public speaking punteggiatura retorica revisione Riccardo Falcinelli ricordi ripetizione ritmo Roberto Cotroneo Roy Bradbury Roy Peter Clark Ryszard Kapuscinski sanscrito scala dell'astrazione scienze della comunicazione scrivere a mano scuola semplificazione Seo Sergio Maistrello Seth Godin silenzio sintassi sintesi sketching social media spazio bianco speech writing Stefano Bartezzaghi Stephen King Steve Jobs Steven Krug Steven Pinker stile storie storytelling tagline technical writing TED tedesco terremoto Tim Berners-Lee tips titoli Tiziano Terzani Tiziano Vecellio tono di voce traduzione Tullio De Mauro typography Umberto Eco università usabilità verbi via visual design visul design vocabolario di base Wassily Kandinsky web writing yoga

risali negli anni

Anno: 2004
28 Ottobre 2004

E’ facile sentirsi improvvisamente stranieri e senza punti di riferimento in una città, la mia, che non è proprio una città, ma un mondo. Fatta di catacombe, di villaggi, di palazzi, di chiese, di parchi, di piazze, di fontane. Persino di piccolissime piazze che contengono immense fontane. Basta entrare da un’altra parte, sbagliare strada, e non sai più dove sei. Oppure ti muovi in quartieri che credi di conoscere da sempre e basta voltare un angolo per sentirti in viaggio, […]

continua a leggere
28 Ottobre 2004

virtuàle [da virtù, nel senso di ‘forza’; av. 1306] agg. 1 (filos.) Che esiste solo in potenza e non è ancora in atto. 2 (est.) Potenziale, possibile, quasi effettivo: ‘un virtuale stato di guerra’; ‘è lui il virtuale vincitore’ | (est.) Solo teorico, ipotetico: ‘il suo potere è solo virtuale’ | Simulato: ‘incontri virtuali su Internet’. CONTR. Reale | (elab.) “Realtà virtuale”, V. realtà. Il bel servizio Una parola al giorno della Zanichelli ha portato oggi nella mia casella di […]

continua a leggere
26 Ottobre 2004

Nei giorni scorsi non ho fatto altro che scartabellare la rete inseguendo le parole “innovazione”, “competitività”, “sistema Italia”, “competenze”, “conoscenza” e sinonimi per preparare un intervento dell’amministratore delegato della mia azienda a uno dei convegni dello SMAU. Ne sono uscita piena di dati e di scoramento: quest’anno il World Economic Forum ci ha collocati al 47° posto nella classifica della competitività a livello mondiale, al 50° per l’innovazione tecnologica produciamo ogni anno 800 brevetti, l’Inghilterra 20.000, il Giappone 100.000 solo […]

continua a leggere
26 Ottobre 2004

Oggi La Repubblica dedicava un paginone alle parole che ogni anno entrano ed escono dai dizionari. Entrano parole in voga, quali ecoturismo e pet therapy – destinate magari a soggiornarvi solo qualche anno – ed escono parole che come piantine debolucce non hanno attecchito nel giardino della lingua. Altre escono per essere ospitate da dizionari tecnici o specialistici. Non sapevo che la cartellina in cui i lessigrafi schedano le parole obsolete si chiama “braccio della morte”, dove stazionano in attesa […]

continua a leggere
23 Ottobre 2004

Al convegno Scrittura e Nuovi Media non sono riuscita a seguire tutti gli interventi come avrei voluto. Colpa anche dello sciopero dei mezzi pubblici che venerdì ha paralizzato Roma. Così mi sono persa anche quello di Emanuela Piemontese sulla scrittura professionale. Ieri però Emnuela si è materializzata nella mia casella di posta con la segnalazione del nuovo numero di dueparole, il mensile di facile lettura. Ogni volta che viene pubblicato un numero nuovo, lo scorro subito alla ricerca dell’argomento più […]

continua a leggere
19 Ottobre 2004

Oggi ho comprato su una bancarella un libro ormai introvabile di Raffaele Crovi sulla scrittura creativa, Parole incrociate (Piemme 1995). Crovi è stato un pioniere dei corsi di scrittura creativa in Italia, a partire da quelli famosissimi del Teatro Verdi di Milano, cui ha lavorato tanto anche Giuseppe Pontiggia. Traggo dal libro una citazione, che vale oggi specialmente per noi blogger malati di narcisismo: Nel vostro apprendistato di scrittori fidatevi dell’autobiografia: i ricordi, le confessioni, le annotazioni diaristiche, se organizzati […]

continua a leggere
18 Ottobre 2004

Ogni lunedì Punto.com intervista uno scrittore italiano sulle sue abitudini di scrittura. Oggi era la volta di Alain Elkann, leggero e un po’ snob: niente computer, né fax, né email; niente musica di sottofondo; quadernetti di colore diverso per ogni libro e una penna gialla; cinque pagine di quaderno al giorno (ma non tutti i giorni); riscritture ed editing accurati. Niente a che vedere con la fisicità, il sudore e i ritmi forsennati di Simenon, così come lui stesso racconta […]

continua a leggere
18 Ottobre 2004

Gian Luigi Beccaria, nella sua rubrica sul Tuttolibri della Stampa, sabato ha preso spunto dal romanzo La scuola raccontata al mio cane di Paola Mastrocola, fresca vincitrice del Campiello, per parlare del didattichese.  Gergo recente, che ha importato dal già brutto e spesso vuoto aziendalese un lessico strano e incomprensibile. “Strumenti didattici, Parte operativa, Preparazione alla verifica, Itinerari paralleli, Verifica sommativa, Moduli coordinati, Percorso formativo, Testi regolativi, Schede mirate, Laboratorio, Guida, Prospettive, Analisi, Contestualizzazione e lettura intertestuale, Apparato, Appendice, Cd-Rom, […]

continua a leggere
13 Ottobre 2004

Due perle lessicali da una lunga riunione di oggi pomeriggio: “storare” per “archiviare” e “effort” per “impegno”.

continua a leggere
9 Ottobre 2004

“La vita è un cammino. Io ho scritto L’ultimo giro di giostra per dire a chi verrà dopo di me e avrà degli acciacchi, delle malattie, dei problemi… ehi, guarda qui c’è una buca oppure se sul tuo cammino trovi un bivio con una strada che va in alto e una in basso, scegli sempre la strada che va verso l’alto“. Dall’Infedele su Tiziano Terzani, in onda sulla 7 mentre sto scrivendo.

continua a leggere
9 Ottobre 2004

Ci sono parole che interessano la collettività, perché le usano tutti, sono di tutti. Altre invece che fanno parte di un lessico familiare, e hanno per ciascuno di noi una singolare risonanza, contengono una personale memoria. Ce ne sono poi di scritte, nascoste tra i libri che abbiamo in casa, ora rapidi appunti nostri, o parole vergate da qualcun altro. Se ne ritrovano tante. Capita, talvolta, che ti emozioni, quando ritrovi certe dediche antiche sulle copie che gli autori ti hanno mandato, […]

continua a leggere
9 Ottobre 2004

Leggo da Punto.com di giovedì scorso che il preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’università La Sapienza di Roma, Domenico De Masi, si è dimesso. De Masi è quel simpaticissimo signore con occhi vispi e barba bianca che scrive libri dai titoli accattivanti L’ozio creativo, La fantasia e la concretezza, Non c’è progresso senza felicità. Libri pieni di idee condivisibili e intelligenti, a volte talmente ovvie – in senso buono – che non si capisce perché le aziende fanno esattamente […]

continua a leggere
9 Ottobre 2004

Chi, come la sottoscritta, è affascinato dal potere di quella strana e affascinante cosa che si chiama brand, avrà notato in questi giorni l’invasione sottile ma tenace della nuova campagna pubblicitaria della Philips. Nuova immagine, nuovo payoff: da Miglioriamo il tuo mondo a Sense and simplicity. Tutto uguale, nello stesso tempo, in tutto il mondo. L’immagine-guida è una scatola bianca aperta da due bambini su un prato verde. Bambini visti dall’alto, che potrebbero essere i nostri, o americani, o coreani. […]

continua a leggere
9 Ottobre 2004

Tra una corsa e l’altra, sono riuscita a finire di leggere un paio di libri che mi trascinavo nello zaino da almeno un mese. Libri esili, ma densi, che mi sono piaciuti molto e che mi hanno fatto pensare. Cosa ormai sempre più rara. Parole di carta e di web, di Franco Carlini, che ho condiviso fino all’ultima riga, anche nelle autocritiche e nei ripensamenti che, dopo dieci anni di convivenza con il web, sono anche i miei. “Già, ma […]

continua a leggere
9 Ottobre 2004

Così, senza averlo programmato, mi sono accorta di non aver scaricato la posta e nemmeno scritto niente su questo blog per almeno dieci giorni. Ho lavorato tanto, scritto tanto, corso tanto. Davanti a me tre minuscole piantine di nespolo, un vaso di margherite fiorite, una rosa di Gerico che ha ripreso tutto il suo colore verde in una sola notte, una scatola di fragranti cioccolatini arrivati ora da Napoli, una pila altissima di ritagli di giornali, stampe da internet, libri […]

continua a leggere
25 Settembre 2004

Quando a marzo sono successi i fatti di Madrid rimasi molto colpita dal simbolo che non solo tutti gli spagnoli portavano addosso, ma che tutti i siti internet di quel paese mostravano in home page: il fiocchetto nero. Lo facevano i grandi quotidiani come El Pais e El Mundo, i giornali di gossip come Hola, il sito della Casa Reale, ma anche i siti personali e i blog. Li ho visti per mesi quei fiocchetti e avevano una loro forza: […]

continua a leggere
21 Settembre 2004

La lettrice prende tutti i giorni la metropolitana per andare al lavoro. Un tragitto breve, che le piace, perché per una mezz’oretta osserva un po’ di mondo prima di sedersi a scrivere davanti a un pc. Ha sempre un libro nello zaino, possibilmente piccolo e non troppo prezioso, perché ci fa rapidamente le orecchiette quando deve scendere di corsa. Ieri ha creduto per un attimo di avere le allucinazioni, perché alla fermata piena di turisti che cercano la strada per […]

continua a leggere
16 Settembre 2004

In questi giorni ho il cappello dell’editor ben calato sulla testa per parecchie ore al giorno. Leggo e rileggo documenti per renderli più chiari, fluidi e comprensibili. Documenti lunghissimi, che qualcuno dovrà scorrere rapidamente e, soprattutto, valutare. E’ un lavoro che mi piace, perché imparo – a spese altrui- ciò che non si deve fare. E’ curioso: si fa tanta fatica per spiegare ai colleghi che certe parole è meglio non usarle e in effetti alcune cose col tempo vengono […]

continua a leggere
10 Settembre 2004

Qualche anno fa andava di moda la Sindrome di Stendhal, quel malessere fatto di mancamenti di fronte alla grandiosità e alla bellezza delle opere d’arte del passato. Così perfette e così inarrivabili per noi moderni da farci perdere i sensi. Ho provato qualcosa di simile, o almeno ho misurato la mia piccolezza, qualche giorno fa, quando in uno di quegli struggenti pomeriggi che solo Roma sa regalarti, sono andata per la prima volta nella mia vita ai Mercati Traianei, in […]

continua a leggere
10 Settembre 2004

Che l’email avesse portato una bella ventata di informalità in azienda e nelle relazioni di lavoro lo sapevamo da tempo. Che in fondo ci piacesse un sacco e ci rendesse molte cose più semplici lo sapevamo pure. Io ormai non mi preoccupo più di sapere se un collega che non conosco sia dottore, ingegnere o signore. Mi basta conoscere il suo nome di battesimo e presentarmi col mio, con la cortesia e il rispetto dovuto a chi non si conosce. […]

continua a leggere